La plastica biodegradabile? Non è poi così ecologica



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-05-2019]

biodegradable bags study 2

Che la plastica tradizionale sia tutt'altro che "amica dell'ambiente" è cosa nota: abbandonata a sé stessa, è in grado di resistere praticamente intatta per tempi lunghissimi.

Per questo motivo all'inizio del 2018 in Italia sono stati introdotti per legge i sacchetti di plastica biodegradabile nei supermercati, con annessa famosa polemica circa il costo - generalmente un paio di centesimi di euro - che da allora appare come voce separate sugli scontrini dei reparti frutta e verdura.

La plastica biodegradabile si chiama così perché, se anche viene abbandonata nell'ambiente, dopo un certo periodo si degrada, ossia si scompone in composti chimici semplici grazie all'azione di agenti biofisici naturali (batteri, luce solare, umidità e via di seguito).

Per completare il quadro possiamo dire che esiste anche un altro tipo di plastica, definita "compostabile", il cui esempio più famoso è probabilmente il Mater-Bi di cui spesso sono composti i sacchetti per la frazione umida dei rifiuti.

Questa plastica si degrada in tempi piuttosto rapidi (3 mesi), è ottenuta da materie vegetali (il mais, nel caso del Mater-Bi) e non interferisce con il compostaggio, processo dal quale si ottiene il compost, utilizzato in agricoltura come fertilizzante naturale.

Di recente, tutti e tre i tipi di plastica sono stati sottoposti a uno studio da alcuni ricercatori dell'Università di Plymouth per verificare quali effettivamente siano i tempi richiesti per la biodegradabilità dei materiali.

La ricerca, che ha preso in esame sacchetti della spesa di plastica compostabile, due diversi tipi di sacchetti di plastica biodegradabile e sacchetti di plastica tradizionali, ha portato a qualche sorpresa.

Alcuni sacchetti di tutti e quattro i tipi sono stati lasciati immersi in acqua di mare e altri sono stati sotterrati. Dopo tre anni sono stati estratti ed esaminati.

Se la plastica tradizionale s'è comportata come ci si aspettava, mantenendo una certa integrità, la sorpresa più grande è arrivata dalle plastiche biodegradabili: non solo i sacchetti in questi materiali erano ancora sostanzialmente intatti, ma erano addirittura in grado di sostenere il peso di una spesa tipica.

Per quanto riguarda le borse di plastica compostabile, quelle immerse in mare già dopo tre mesi s'erano dissolte; quelle seppellite erano invece ancora presenti, sebbene inutilizzabili.

«Dopo tre anni» - ha commentato Imogen Napper, autore principale dello studio - «sono stato davvero sorpreso che una qualsiasi delle borse fosse ancora in grado di sostenere il peso della spesa. Ma ciò che mi ha sorpreso maggiormente è stato il fatto che i sacchetti di plastica biodegradabile erano in grado di farlo».

«Quando si vede qualcosa etichettato in quel modo [biodegradabile, NdR]» - continua Napper - «ci si aspetta automaticamente che si degradi più velocemente delle borse tradizionali. Ma, dopo almeno tre anni, le ricerche mostrano che non è proprio così».

Sondaggio
I sacchetti biodegradabili sono pių innovazione o pių ecobufala?
Innovazione: faranno risparmiare petrolio e calare l'inquinamento.
Ecobufala: costano di pių e per l'ambiente non cambia niente.

Mostra i risultati (3245 voti)
Leggi i commenti (20)

Per quanto riguarda il fatto che anche i sacchetti di plastica compostabile erano ancora presenti nel terreno, l'azienda produttrice, interpellata, ha spiegato che perché esse si dissolvano è necessario che siano presenti certi micro-organismi (che normalmente si trovano nel compost); se nel suolo non sono presenti, la degradazione è molto più lenta.

Di fronte a questi risultati il professor Richard Thompson, capo della Marine Litter Research Unit dell'Università di Plymouth, ha sottolineato come venga da chiedersi se finora la gente non sia stata fuorviata.

«Abbiamo dimostrato che i materiali testati non hanno vantato alcun vantaggio consistente, affidabile e rilevante nei confronti dell'inquinamento marino. Il nostro studio evidenzia la necessità di delineare degli standard per i materiali biodegradabili, che indichino chiaramente il modo corretto per il loro smaltimento e il ritmo di degradazione che ci si può aspettare».

biodegradable bags study

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La bioplastica derivata dall'agar-agar che si dissolve in tre mesi
La plastica commestibile che si prepara come il tè di kombucha
I panini sotto accusa: causano i cambiamenti climatici
I sacchetti biodegradabili fatti con le alghe: si possono anche mangiare
La moda del selfie indossando solo la borsa della spesa

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Il problema dei sacchetti di plastica tradizionali non e' lo smaltimento. Anch'essi, se appositamente trattati, sono tranquillamente riciclabili. Il problema e' cosa accade quando vengono lasciati nell'ambiente. Ovvero lo stesso problema che hanno i saccetti "biodegradabili"... Leggi tutto
27-5-2019 19:45

Non possiamo pretendere che qualcuno tiri fuori una bacchetta magica che renda i rifiuti semplici da smaltire senza fatica e costi. Un primo passo č fare la raccolta differenziata eppure conosco tante persone che non ci pensano assolutamente; ho clienti che in ufficio non si degnano neanche di fare la raccolta carta. Certamente č pių... Leggi tutto
27-5-2019 18:31

{Ictuscano}
Ringrazio amldc per la segnalazione. Comunque sia, la degradazione richiede le condizioni previste dalla norma, e di solito si riferisce a trattamento industriale. Senza andarsi a leggere, per dire le buste compostabili richiedono (a memoria) triturazione e temperatura di 50-60 gradi. Del resto anche il compostaggio domestico... Leggi tutto
27-5-2019 08:17

"Se la raccolta e lo smaltimento vengono svolti correttamente allora e solo allora possiamo effettivamente vedere avvenire la biodegradazione di questi materiali". Scusate ma anche le buste di plastica tradizionale, se non gettate nell'ambiente, non provocano danno all'ambiente. Mi sembra un po' il gioco delle tre carte. Ti... Leggi tutto
23-5-2019 04:20

{bertrand}
Non è solo la gente ad essere fuorviata, ma soprattuto le teste tecno-buro-politiche che hanno avviato e regolamentato questo circo. Lo hanno avviato dopo 50 anni che si continua a parlare del pericolo della plastica.
22-5-2019 22:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual č il tuo linguaggio di programmazione preferito, tra questi?
PHP
Java
C#
VB.Net

Mostra i risultati (1178 voti)
Settembre 2019
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Tutti gli Arretrati


web metrics