Anche Facebook collegherà cervello e computer

Come Elon Musk, ma senza interventi chirurgici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-07-2019]

facebook computer cervello

«E se potessi digitare direttamente dal cervello: questa era la domanda che Facebook si poneva un paio d'anni fa, lanciando un progetto di ricerca finalizzato alla costruzione di un apparecchio in grado di "leggere i pensieri".

L'obiettivo era avere a disposizione un macchinario che consentisse a chi non può più esprimersi attraverso la voce di digitare su un computer semplicemente pensando le parole che desidera appaiano a schermo.

Ora uno studio dell'Università della California ha dimostrato che il sogno di Facebook è realizzabile.

La ricerca è stata condotta con l'aiuto di tre persone affette da epilessia, cui erano già stata impiantati nel cervello alcuni elettrodi per monitorare l'attività cerebrale.

Proprio tenendo sotto controllo l'attività cerebrale i ricercatori sono stati in grado di visualizzare le parole pensate dai partecipanti.

Il collegamento tra cervello e computer deve essere particolarmente affascinante per i grandi nomi della tecnologia: non molti giorni fa anche Elon Musk ha svelato il proprio progetto Neuralink che però, a differenza dell'idea di Facebook, richiede un intervento chirurgico.

Sondaggio
Come preferiresti controllare la Tv?
Con lo smartphone
Con il tablet
Con i gesti del corpo
Con la voce
Con il pensiero
Con il telecomando

Mostra i risultati (1785 voti)
Leggi i commenti (1)

Se infatti i tre partecipanti allo studio avevano degli elettrodi nel cervello, l'obiettivo finale è creare un dispositivo che non richieda alcun intervento invasivo.

Il percorso per raggiungere questo risultato non sarà breve: secondo Mark Chevillet, dei Facebook Reality Labs, serviranno almeno altri 10 anni per completare il lavoro. «È un programma di ricerca a lungo termine».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Così Elon Musk collegherà cervello e computer
Non togliete lo smartphone ai bambini
La dipendenza da smartphone altera il cervello
Smartphone come cocaina per i bambini, il sexting è normale per le ragazzine
Un sensore nel cervello per tornare a camminare
Il chip nel cervello che restituisce il senso del tatto
Tetraplegico muove di nuovo la mano grazie a impianto neurale
Paralizzati muovono gambe e braccia via Bluetooth

Commenti all'articolo (5)

Siete veramente senza cuore... Tutti gli esseri umani hanno un cervello... solo che molti ne usano solo la parte automatica che funziona in modo inconscio e sono, appunto, quelli che usano fessbuk.
13-8-2019 14:18

"Anche Facebook collegherà cervello e computer Come Elon Musk, ma senza interventi chirurgici." Sarà facilitata dall'assenza di cervello tra i suoi utenti: per interfacciarsi con il nulla, basta una scatola vuota.....
5-8-2019 10:24

{speck}
Hanno detto che collegano il cervello, non la mente...
3-8-2019 11:35

:ola: :ola: :ola: Anche se la mancanza non affligge solo gli utenti di fessbuk :cry: Leggi tutto
1-8-2019 19:40

è un ossimoro, come è possibile collegare a fessbuc il cervello di un utente che per definizione non lo ha ? :twisted:
1-8-2019 15:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1222 voti)
Novembre 2019
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Tutti gli Arretrati


web metrics