Si chiama Harmony OS l'alternativa ad Android



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-08-2019]

harmony os

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno

Ha un nome internazionale il sistema operativo finora chiamato col nome in codice Hongmeng (che sarà comunque ancora usato in Cina) che Huawei sta sviluppando come alternativa ad Android: Harmony OS.

L'azienda cinese l'ha annunciato pubblicamente alla Huawei Developer Conference ora in corso sebbene se ne parli sin da quando sono iniziate le sanzioni statunitensi e lo sviluppo, in realtà, sia in corso da un paio d'anni.

Harmony OS non è ancora pronto per gli smartphone e pertanto, al di là dell'annuncio, Huawei non è stata in grado di mostrare un telefono equipaggiato con questo sistema. Nei prossimi giorni però svelerà un televisore, l'Honor Vision TV, che già lo adopera: il sistema, leggero e modulare, è infatti nato per equipaggiare una vastissima gamma di dispositivi diversi.

Dal punto di vista tecnico, Harmony è un sistema a microkernel, come il vociferato Fuchsia, il progetto su cui Google sta lavorando per creare un successore di Android.

È inoltre progettato per funzionare su una varietà di dispositivi e sarà "bloccato": in altre parole non sarà possibile per gli utenti ottenere l'accesso di root, come invece è possibile fare con Android, in quanto ciò è ritenuto un rischio per la sicurezza.

Secondo Huawei, Harmony è più veloce e più sicuro di Android e nativamente non è compatibile con le applicazioni scritte per quest'ultimo, anche se i linguaggi supportati per la realizzazione delle app sono i medesimi: ci sono Java e Kotlin, ma anche C e C++.

Gli sviluppatori delle varie app dovranno apportare quelli che il CEO del Consumer Business Group di Huawei Richard Yu ha chiamato «dei piccoli cambiamenti» per poterli far girare sotto Harmony OS, e nel complesso l'operazione dovrebbe essere «molto semplice».

Proprio la questione delle app è il punto principale da affrontare per Huawei, se vuole che il proprio sistema abbia successo: ora sta lavorando sulla creazione di AppGallery, un'alternativa a Google Play, e su Huawei Mobile Services come alternativa a Google Play Services.

Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito?
C
Java
PHP
JavaScript
C#
Visual Basic .NET
C++
Perl
Python
Ruby

Mostra i risultati (2472 voti)
Leggi i commenti (18)

La creazione di un proprio ecosistema software è un passo importante che potrebbe diventare fondamentale entro la fine di quest'anno o all'inizio del prossimo, quando il futuro delle sanzioni americane sarà deciso: se Huawei dovrà davvero staccarsi da Android, Harmony dovrà essere in grado di offrire ai propri utenti un'esperienza che non faccia loro rimpiangere la concorrenza.

Richard Yu ha affermato tuttavia che già «molti partner» hanno mostrato interesse per lo sviluppo di prodotti per Harmony OS - che, non dimentichiamo, non è né solamente né primariamente destinato agli smartphone - anche se non ha voluto fare alcun nome.

In ogni caso, il piano di Huawei prevede di costruire per Harmony una robusta presenza in Cina - attraverso la diffusione su televisori, sistemi di infotainment per auto, dispositivi della IoT e via di seguito - e solo in seguito espandersi il resto del mondo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google taglia fuori Huawei da Android
Android ha i giorni contati: Fuchsia OS lo soppianterà entro cinque anni

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

WinPhone faceva schifo, lo ebbi come smartphone aziendale, troppi aggiornamenti, non funzionava bene, lento, ecc... Le persone vogliono cose che funzionino, subito e bene e facili da usare! Ciao
20-8-2019 17:31

senza app non si va da nessuna parte... vedi windows phone... avevano la gallina dalle uova d'oro in mano e se la sono lasciata scappare... il perchè non me lo spiego ancora.
20-8-2019 16:54

Difatti non sono ancora pronti e non so se lo saranno mai...visti i precedenti. Spero sempre che il prossimo mio smartphone non sia Android (e men che meno Apple), ma la vedo dura. Faccio prima a tornare ad usare un telefono non smart.
12-8-2019 23:49

PostmarketOS: "In particolar modo, la più grossa carenza ancora presente è l’impossibilità di effettuare o ricevere chiamate." Passi uno smartphone che non funzionano le App, ma le chiamate e SMS è da definirsi inutile! :cry: :cry: :cry: Tanto vale FirefoxOS e aggiungerci finalmente Java (motivo del perchè le app... Leggi tutto
12-8-2019 19:20

{Paolo}
CIÒ CHE VIENE CHIAMATO ANDROID ALTRO NON SAREBBE CHE UN GNU/linux 100 per cento SOFTWARE NON LIBERO E NULLA DI PIÙ. SINCERAMENTE NON MI INTERESSA, CIÒ CHE POSSO DIRE È CHE MI INTERESSA AVERE UN SISTEMA OPERATIVO 100 per cento SOFTWARE LIBERO E CON HARDWARE 100 per cento LIBERO. MI INTERESSERÀ FARCI... Leggi tutto
12-8-2019 18:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1467 voti)
Agosto 2019
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Windows 10, errori nel patch Tuesday di agosto
Il cavo USB per violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
Tutti gli Arretrati


web metrics