Facebook e la democrazia: una riflessione

Facebook deve essere democratica o la democrazia non c'entra niente?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-09-2019]

facebook democrazia

Sta facendo scalpore la vicenda della pagina Facebook dei "Socialisti Gaudenti", molto seguita, gestita da giovani di sinistra vicini al PD che in questi anni si sono distinti per una satira feroce sulla destra ma anche sulla stessa sinistra.

Pare che alcune battute paradossali su Mussolini e il razzismo siano incappate nella censura antirazzista di Facebook: prima ci sono stati dei richiami, poi si è arrivati all'oscuramento dell'intera pagina.

Qualche giornalista come Alessandro Gilioli, da sempre acuto osservatore delle cose di Internet, ha voluto sintetizzare la vicenda in una frase lapidaria - «Chi di censura ferisce di censura perisce» - criticando così i tanti che a sinistra avevano applaudito la decisione insindacabile di Facebook di chiudere le pagine di Forza Nuova e Casa Pound e i profili di molti dei loro dirigenti e militanti, accusati di violare la policy antirazzista e antiomofoba di Facebook.

Alcuni di questi dirigenti hanno poi deciso di denunciare per diffamazione Facebook, chiedendo i danni professionali e per la perdita dei contenuti postati sul social network.

Il tema di fondo è quello di una società privata, con sede all'estero, che decide che cosa sia pubblicabile o meno aldilà delle leggi italiane e della nostra Costituzione.

Credo che quelle avanzata da Gilioli (ma anche da altri) siano critiche importanti e degne di una riflessione: innanzitutto dobbiamo chiederci se oggi Internet, considerata una Rete aperta e universale, si possa davvero ridurre soltanto ai social network come Facebook, Twitter, Instagram.

Appena 10 anni fa non era così. Certamente anche allora la maggioranza degli utenti visitava sempre stessi siti, ma oggi gran parte degli internauti va solo su Facebook, e ciò è particolarmente vero in Italia.

Un sistema chiuso e proprietario è praticamente diventato Internet per la maggior parte degli utenti; eppure non per questo la Rete è solo Facebook.

Se non è accettabile che un gestore telefonico o un ISP discriminino chi possa accedere, navigare, registrare un dominio o aprire un sito web in base alle idee politiche o ad altre caratteristiche personali, perché ciò non deve valere anche per Facebook?

Facebook è una community, anche se ciò può apparire ipocrita ed irrealistico, e come tutte le comunità ha sue regole, che in gran parte corrispondono al genere "politicamente corretto" della società statunitense in termini di linguaggi, etica, immagini ammesse o meno in base alla lotta alla discriminazione sessuale, nonché a un certo puritanesimo che non vuole che si mostri il seno, e alla tutela delle minoranze.

Allo stesso tempo viene lasciata in buona parte ai singoli la regolamentazione dei conflitti basati sull'insulto personale, rispettando un grande relativismo scientifico e culturale che può valere sia per i no vax sia per gli ufologi, i complottisti e i terrapiattisti di ogni colore.

Bisogna ammettere che il ritardo culturale e tecnologico dell'Europa rispetto agli Usa ha fatto si che nei social network e nei motori di ricerca la cultura nordamericana abbia imposto la propria egemonia, anche idelogica.

Questo è un fatto e non si può recriminare; non si può pensare di fare come la Cina che impone filtri per bloccare Facebook e Google, o impedire l'accesso al social network russo Vkontakte come ha fatto l'Italia per qualche tempo alcuni anni fa.

È invece auspicabile e anche possibile evitare il monopolio di Facebook e delle sue regole, ma lo è soltanto sviluppando nuove piattaforme e servizi più democratici, senza illudersi di poter cambiare più di tanto quelli attuali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Casa Pound e Forza Nuova oscurati su Facebook e Instagram
Delegato sindacale sospeso da Fastweb per critiche all'amministratore delegato
La proposta minima di democrazia elettronica a Roma
Internet e populismo. Un legame che va oltre un blog
Star Trek contro Trump
Politico svizzero bandito da Facebook
Il Contagio degli Indignados con smartphone e Facebook
Facebook blocca la petizione per abolire il Porcellum

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 39)

By the way. Il Prof. spera che il suo modesto contributo so come annientare l'IoT (disabilitando il routing IPv6) possa costituire un pur minimo segno tangibile di riconoscenza per l'opera intellettuale che gli ha prestato free as in free beer. :wink: Leggi tutto
12-10-2019 19:30

Da quanto mi dici, questo è assai probabile... :lol: Leggi tutto
12-10-2019 19:10

@etabeta Ringrazia il Prof. da parte mia. :wink: In ogni caso non è questione di modestia ma sicuramente di tematiche, quelle affrontate dal Prof. sono più vicine alle mie conoscenze ed esperienze, quindi il mio contributo è certo più preciso e utile rispetto a temi che invece conosco molto meno (in particolar modo gli aspetti... Leggi tutto
12-10-2019 19:09

Vedi, dicono che io parli correntemente #US english e lo dicono degli statunitensi ma essendo italiano preferisco starmene in Italia anche perché vista l'amicizia col Prof. temo neanche mi darebbero il visto. :lol: Leggi tutto
12-10-2019 19:06

Sei troppo modesto! Il Prof. non fa che ripetermi che senza una mente come la tua non avrebbe mai portato a termine il suo ultimo libro pur in maniera impeccabile in così breve tempo :D Leggi tutto
12-10-2019 19:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la tua piattaforma preferita per la Tv digitale?
Digitale terrestre "liscio"
Sky
Satellitare free to air
Mediaset Premium
Tv di Fastweb
Telecom Italia IpTv
Infostrada Tv
Altre (specificare nei commenti)

Mostra i risultati (3873 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics