Microsoft svela lo smartphone pieghevole e il notebook dual screen

Il Surface Duo e il Surface Neo aprono l'era dei dispositivi a doppio schermo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-10-2019]

duo neo

Il 2 ottobre Microsoft ha rinnovato la linea Surface, introducendo nuove versioni di modelli noti - il Surface Pro 7, il Surface Pro X e il Surface Laptop 3 - ma anche svelando un paio di sorprese.

La prima è il Surface Duo, uno smartphone pieghevole equipaggiato con il sistema operativo Android; la seconda è il Surface Neo, un minuscolo portatile (potrebbe rientrare nella praticamente estinta categoria dei netbook) con doppio schermo e senza tastiera, equipaggiato con Windows 10X.

Del ritorno di Microsoft nel mondo degli smartphone si vociferava da qualche tempo, ma tornare a vedere un apparecchio di questo tipo dopo il disastro, almeno dal punto di vista commerciale, dei Windows Phone riesce comunque a sorprendere un po'.

Per il proprio telefonino, Microsoft ha deciso di puntare su Android, come quasi tutti gli altri produttori, ma ha deciso di differenziarsi creando un dispositivo pieghevole che non sia soggetto agli stessi problemi di altri tentativi simili.

Il Surface Duo non monta infatti un unico schermo reso flessibile sfruttando particolari materiali, ma due schermi da 5,6 pollici affiancati uniti da una cerniera che consente una varietà di configurazioni, essendo in grado di ruotare a 360 gradi.

Grazie a questo accorgimento si può tenere il Surface Duo chiuso per il trasporto, aprirlo come un libro per l'uso con un display ampio e aprirlo completamente perché si possa tenere in mano più facilmente durante le telefonate.

surface duo

Microsoft non s'è dilungata molto sui dettagli: ha tempo di rimediare, dato che le vendite del Surface Duo non inizieranno prima della fine del 2020. Da qui ad allora gli sviluppatori potranno trovare modi nuovi e creativi di sfruttare la particolare forma di questo smartphone, pensata - come tiene a precisare Microsoft - per aumentare la produttività.

«Sappiamo con certezza scientifica che sarete più produttivi usando due schermi» ha sottolineato infatti Panosa Panay, vicepresidente della divisione dispositivi.

surface duo 2

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Schermo doppio, tastiera Bluetooth e Windows 10X

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)


Questo invece è accanimento terapeutico con l'aggravante di avere una comodissima tastiera virtuale. :umpf: Leggi tutto
6-10-2019 11:23

E gli studi scientifici che lo dimostrano dove sono??? Ma ci faccia il piacere! :roll: Leggi tutto
6-10-2019 11:18

{Ruzzolo}
Chissa', magari un po' piu' grossi, tipo 10" e con una tastiera fisica ...
4-10-2019 13:26

{adonay adonay}
La Panosa Panay non tiene conto che saremmo ancora più produttivi con quattro braccia e quattro occhi, o magari due corpi comandati dallo stesso cervello. Non diventiamo più produttivi, Panosa, diventiamo solo più stressati e meno efficienti, come numerosi studi sulla concentrazione in time sharing dimostrano.
3-10-2019 20:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (351 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics