Si porta milioni in bitcoin nella tomba: creditori pretendono esumazione

E se invece che morto fosse scappato coi soldi?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-12-2019]

ceo morto bitcoin esumazione

Lo scorso febbraio QuadrigaCX, all'epoca uno dei maggiori mercati canadesi di criptovalute, si ritrovò in guai seri: il suo amministratore delegato, Gerry Cotten, morì all'improvviso.

I guai non erano causati dal dispiacere per la scomparsa del CEO, o dal dolore per avere perso una guida così valida. Più prosaicamente, Cotten era il solo a conoscere la password per accedere a un tesoretto valutato in 190 milioni di dollari canadesi (quasi 130 milioni di euro al cambio di oggi), appartenente ai vari clienti di QuadrigaCX.

Nei mesi successivi, le cose si sono complicate. Molti - soprattutto i creditori - hanno iniziato ad avanzare l'ipotesi che Cotten non sia davvero morto, ma abbia soltanto finto la propria dipartita per potersi intascare la somma.

L'esame delle circostanze della presunta morte di Cotten, peraltro attribuita a complicanze del morbo di Chron, una malattia che può essere molto fastidiosa ma difficilmente fatale, non ha fatto altro che alimentare i dubbi. Né ha aiutato la credibilità di QuadrigaCX il fatto che l'azienda abbia svelato la morte di Cotten soltanto il 14 febbraio, circa un mese dopo che essa era ufficialmente avvenuta.

Così i creditori hanno deciso di avanzare, tramite i loro avvocati, l'unica richiesta che, se soddisfatta, può porre fine alla questione: l'esumazione del cadavere di Cotten.

Gli avvocati chiedono che le autorità canadesi procedano a disseppellire il corpo dell'ex CEO di QuadrigaCX per poi condurre un'autopsia, «al fine di confermare sia la sua identità sia la causa della morte», e giustificano la richiesta facendo leva sulle «dubbie circostanze della morte del signor Cotten e le perdite importanti», in termini economici, cui questa ha portato.

L'esumazione deve inoltre condursi entro la primavera del 2020, per evitare che il corpo sia così decomposto da rendere vano l'esame.

La piattaforma QuadrigaCX ha smesso di operare lo scorso 28 gennaio - ossia prima ancora che la scomparsa del CEO venisse annunciata - e da allora non è più tornata in attività: ciò significa che i suoi utenti in questi mesi non hanno potuto accedere ai propri fondi, nemmeno a quelli che non erano conservati nei portafogli "freddi" (ossia collegati a Internet) protetti dalla password smarrita.

D'altra parte, anche l'eventuale accettazione della richiesta di esumazione non porterà a riavere l'accesso ai portafogli: se l'identità di Cotten sarà confermata, anzi, ciò potrebbe porre fine a ogni speranza.

Se invece dall'autopsia emergerà che Cotten non è la persona che è stata seppellita in quella bara all'inizio di quest'anno, allora inizierà una caccia all'uomo sul cui buon esito già si possono avanzare dei dubbi, considerato il tempo avuto a disposizione dall'ipotetico truffatore per nascondersi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Aggiornamento buggato, l'Università perde 77 TB di dati
La seduttrice informatica assetata di bitcoin
Bitcoin, un dilemma etico
Si arricchisce coi bitcoin ma perde la password
CEO muore portando con sé la password, persi 126 milioni di euro in criptovalute

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

Ti rispondo anch'io in separata sede altrimenti andiamo troppo OT. Leggi tutto
27-12-2019 14:21

E' che dalle tue parti sono troppo buoni fidati. Te lo spiego in altra sede :wink: Leggi tutto
27-12-2019 10:34

A me invece Ŕ capitato l'esatto contrario dopo aver individuate tracce di effrazione in un edificio pubblico ho chiamato le forze dell'ordine che si sono presentato sul luogo dopo circa un'ora ed hanno eseguito un sopralluogo molto sommario al seguito mio e di un mio amico che conoscevamo il posto (il padre del mio amico era il... Leggi tutto
26-12-2019 14:32

Se le chiami ci sono. Vidi due nomadi che stavano chiaramente forzando la portiera di un'auto con un cacciavite, da come facevano finta di niente era chiaro che non mi sbagliavo. Arriv˛ in neanche 5 minuti una pattuglia dell'Arma, uno riuscý a scappare l'altro invece lo presero, ma la maggior parte preferisce vivere 100 anni da pecora... Leggi tutto
26-12-2019 12:28

Credo sarebbe sufficiente, come avviene in altri paesi "civili" che venissero rapidamente processati ed incarcerati per un adeguato numero di anni e, in caso di recidive o di comportamenti violenti nei confronti delle vittime, per il resto della loro vita senza sconti di pena e benefici vari e forse il problema si ridurrebbe... Leggi tutto
26-12-2019 10:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilitÓ di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
╚ una novitÓ giusta e moderna.
╚ un obbligo (costoso) in pi¨, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarÓ lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2617 voti)
Gennaio 2022
Iliad smentisce le voci di fusione e lancia la fibra
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 gennaio


web metrics