Pandemia, il gaming fa bene alla salute mentale (ma non all'igiene personale)



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-05-2020]

videogiochi pandemia gamer igiene

Costretti in casa per lunghe settimane a causa delle misure adottate nel tentativo di contrastare la Covid-19, moltissime persone si sono trovate a dover affrontare uno scenario al quale non erano preparate.

Chi era abituato a passare buona parte della giornata fuori di casa all'improvviso s'è trovato stretto tra quattro mura e per qualcuno - come di recente ha segnalato anche l'OMS - ciò si è tradotto anche in disturbi mentali: ansia, paura e depressione.

Invece, per i gamer la situazione s'è tramutata in un'occasione: d'un tratto si sono trovati tra le mani molto tempo libero per dedicarsi alla loro passione.

Quanti guardano dall'alto in basso gli appassionati di videogiochi staranno già scuotendo la testa, ma in realtà il gaming (se affrontato con sana moderazione) può essere un buon modo per evitare di cadere proprio in quei disturbi da cui ha messo in guardia l'Oms, tenendo la mente occupata e allontanando lo stress.

Un sondaggio condotto da Chillblast ha di recente confermato come l'84% dei giocatori abbia effettivamente aumentato il tempo passato davanti al Pc o alla console; per loro stessa ammissione, inoltre, ciò li ha fatti sentire meglio, permettendo loro di affrontare la "reclusione" con ottimismo.

Da ciò hanno tratto guadagno le loro capacità di giocatori (lo afferma il 43%) ma anche l'industria videoludica, che ha visto i propri affari e, anzi, in qualche caso migliorare: il 16,6% dei giocatori ha ammesso di aver speso 100 sterline in più al mese per gli acquisti in-game, per giochi nuovi o per componenti hardware.

In questo panorama ci sono però anche dei lati negativi, lati che paiono confermare lo stereotipo del giocatore che - preso dalla sua ossessione - si dimentica di tutto il resto, a partire dalle basilari regole di igiene personale.

Il 29% ha spiegato che, a causa del gioco, non è uscito di casa per tre giorni di seguito (pur avendo le motivazioni e le giustificazioni per farlo, come la necessità di fare la spesa, che è stata rinviata); il 20% ha saltato la doccia; il 16%, infine, ha omesso di lavarsi i denti.

In questi casi a rimetterci maggiormente sono stati certamente quanti vivono con un giocatore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

:cappello: Leggi tutto
8-6-2020 20:36

@etabeta Beh le persone con le quali investire tempo te le puoi scegliere, capisco che sia sempre più difficile trovarne di interessanti e meritevoli però... :wink:
7-6-2020 14:59

Preferisco impiegare il mio tempo per accrescere il mio bagaglio culturale che investire tempo con persone, solo un esempio, che passano il tempo preoccupandosi del fatto che le galline siano o meno in grado di nuotare. Ho bisogno di cultura per vivere.
7-6-2020 10:58

@etabeta Ok, era più corretto scrivere del resto del mondo e delle persone che li circondano, questo sì per me è importante... se per te no è tuo pieno e incontestabile diritto non reputarlo tale.
5-6-2020 18:13

Scusa @Gladiator ma sai che io sono un povero ignorante. Curarsi del resto del mondo è obbligatorio? C'è già la gara di "pastori" per accaparrarsi le pecore io preferisco dedicarmi alla formazione continua.
3-6-2020 13:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1435 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 febbraio


web metrics