Microsoft rilascia il Gw-Basic del 1983 come open source

Grazie a questo interprete una generazione di informatici ha imparato le basi della programmazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-05-2020]

microsoft gw basic open source

Per chi negli anni '80 si interessava di informatica, l'ultima mossa di Microsoft contiene un carico di nostalgia.

Il gigante di Redmond ha infatti reso open source il codice sorgente di GW-Basic, l'interprete Basic da lei stessa creato e rilasciato nel 1983.

Per molti, GW-Basic è stato il primo contatto con un linguaggio di programmazione. Era nato come evoluzione del Basica Ibm, incluso con i primi Pc, che a sua volta era derivato dal Microsoft Basic, primo prodotto dell'azienda.

Il codice, come spiega il relativo post nel blog ufficiale, è disponibile su GitHub ed è tutto in assembly, anziché in un linguaggio ad alto livello come il C.

Il motivo è spiegato nello stesso post: «Come la maggior parte del software degli anni '70 e '80, e come i sorgenti di Ms-Dos, il codice sorgente è al 100% in assembly. Quando si scriveva il software per i primi Pc, ogni singolo byte e ogni singola istruzione erano importanti, e così gli sviluppatori spesso scrivevano il codice completamente in assembly semplicemente per essere in grado di farlo stare fisicamente nella memoria disponibile, e per essere in grado di accedere alle risorse e al funzionamento interno del computer».

Il rilascio del Gw-Basic sotto licenza open source è stato deciso «per ragioni storiche» e non sarà mai più modificato: nonostante sia ospitato da GitHub, a Microsoft non interessa apportarvi cambiamenti e migliorie suggeriti da altri programmatori, per motivi che dovrebbero essere evidenti.

Inoltre, Nel codice non sono compresi i makefile o gli script per generare gli eseguibili, né eseguibili già pronti da poter utilizzare sui moderni Pc.

Infine, ricordiamo che Microsoft non è nuova a queste operazioni nostalgiche: verso la fine del 2018 ha infatti rilasciato allo stesso modo il codice di Ms-Dos 1.25 e 2.0, che tuttora si possono trovare su GitHub.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

[video]https://www.youtube.com/watch?v=EbOgBFykV1Y[/video]
26-10-2022 18:45

Non lo si chiamerebbe stupido altrimenti... #-o Leggi tutto
26-10-2022 07:19

Zeta ha chiuso per le avventatezze legali degli ex proprietari di Be, che avevano fornito un codice dopo averlo venduto a Palm inc (altra banda di falliti) i quali questi ultimi solo dopo anni (quando erano diventati ACCESS co) hanno partorito l'unica idea demente di ordinare l'arresto e la chiusura del progetto Zeta. Quando uno... Leggi tutto
25-10-2022 18:48

Su IBM pienamente d'accordo ma la mia era una considerazione più generale, personalmente ritengo che, a prescindere dalle singole incapacità o errori, M$ ed Apple avevano ed hanno tuttora la forza e la volontà di imporre le loro regole.
23-10-2022 15:32

In questo caso non so se sia corretto pensarla così: IBM si è sparata negli zebedei da sola, ed ormai il fatto è assodato nella storia nell'informatica da tempo; Be Inc. ha sì avuto attriti con loro, ma si è mossa troppo lentamente ed incerta quanto a scelte HW per poter rilasciare un prodotto usabile abbastanza in fretta da governare... Leggi tutto
23-10-2022 10:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai una carta fedeltà o di raccolta punti?
Ebbene sì, ne ho diverse. E non ci trovo niente di male.
Mi sono lasciato infinocchiare. Ne ho qualcuna e mi vergogno un po'.
Lungi da me!

Mostra i risultati (2622 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 febbraio


web metrics