Zoom rinforza riservatezza e sicurezza



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-06-2020]

zoom

Dopo una partenza traballante che aveva rivelato molte falle di sicurezza, con incursioni imbarazzanti e offensive nelle videoconferenze, Zoom sta migliorando a grandi passi. Il lavoro dei suoi sviluppatori per renderla all'altezza del compito importante di aiutarci durante una pandemia va riconosciuto.

Zoom ha smesso da tempo di condividere dati con Facebook anche se l'utente non ha un account Facebook, e soprattutto ha annunciato l'introduzione della crittografia end-to-end (E2E) per tutti: in parole povere, Zoom non potrà conoscere il contenuto delle videoconferenze.

A differenza di quanto previsto inizialmente, la crittografia E2E sarà disponibile sia per gli utenti paganti, sia per quelli gratuiti. Nel caso degli account gratuiti, verranno autenticati tramite un Sms inviato al telefonino dell'utente.

Ci sono anche altri piccoli ritocchi che facilitano l'uso sicuro di Zoom, specialmente per le sessioni con numerosi partecipanti: per esempio, si può autorizzare automaticamente l'ingresso degli utenti provenienti da uno specifico dominio (per esempio quelli di un'azienda) senza doverli parcheggiare in sala d'attesa e approvare uno per uno, e l'amministratore di una sessione può attivare il microfono a tutti con un solo clic (su Unmute All), con un limite di 200 persone.

Insomma, a questo punto le perplessità iniziali sull'uso di Zoom per conversazioni professionali o personali delicate si riducono moltissimo. Se avevate rinviato l'installazione di quest'app in attesa che migliorasse e avete preferito usare la versione web, ora è il momento di installarla. Noterete un netto miglioramento delle prestazioni dell'app rispetto alla versione web.

Maggiori dettagli sono su Punto Informatico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (1)

Estensione della crittografia anche agli utenti non paganti, vogliono proprio aumentare il numero di utenti a tutti i costi, tanto poi il modo per sfruttarli lo trovano egualmente...
20-7-2020 18:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2322 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 dicembre


web metrics