Il ransomware per Mac che si diffonde con la pirateria

Per risparmiare qualche euro, gli utenti si stanno infettando con EvilQuest.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-07-2020]

ransomware mac evilquest pirateria

Contrariamente a ciò che molti pensano, i Mac non sono immuni dal malware in generale né dal ransomware nello specifico. Se poi gli utenti sono assidui frequentatori di siti da cui scaricare applicazioni pirata, la strada per i criminali informatici è spianata.

Scaricare software pirata non è soltanto illegale: è anche pericoloso. La più recente epidemia del ransomware EvilQuest, individuata da Malwarebytes, si sta diffondendo proprio in questo modo: attraverso la pirateria.

L'infezione si propaga così: l'utente scarica gratis un'applicazione che normalmente sarebbe a pagamento, avendola scovata su un sito di dubbia reputazione.

Contento di aver risparmiato il costo del software procede all'installazione, ma l'installer è stato modificato affinché, assieme all'applicazione, esegua un altro file, ossia quello che contiene il malware.

Una volta che ha trovato il proprio posto sul Mac, EvilQuest provvede a spostarsi in una posizione diversa da quella originale e a rinominare il proprio file eseguibile adottando un nome innocuo come CrashReporter, al fine di non destare sospetti se individuato in esecuzione tramite il Monitoraggio Attività.

A questo punto inizia il lavoro vero e proprio, crittografando i file dell'utente e presentando una tutto sommato modesta richiesta di riscatto: bastano - sostiene il ransomware - 50 dollari per farsi consegnare la chiave di decifratura e riavere i propri dati.

Ovviamente, come abbiamo già ricordato più volte, pagare non è una buona idea: innanzitutto non c'è nulla che obblighi i criminali a mantenere fede alla loro promessa; poi, così facendo, ci si presenta come una vittima che facilmente cede alle estorsioni e, dato che a quel punto il computer è già infetto, non è impossibile che da qui inizi una persecuzione informatica.

Il pericolo è ancora maggiore poiché EvilQuest non si limita a cifrare i file. Agisce invece anche da keylogger, registrando tutte le pressioni dei tasti nella speranza che l'utente inserisca informazioni sensibili (i dati della carta di credito, le credenziali di accesso all'home banking e via di seguito).

Considerato come EvilQuest, per portare a termine il proprio compito, abbia bisogno della collaborazione dell'utente, la principale raccomandazione per evitare problemi è una sola: non scaricare software da fonti inattendibili, né a condizioni che paiono troppo belle per essere vere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
4 italiani su 10 pagano i riscatti del ransomware
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware
Il ransomware che si spaccia per l'app Immuni
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Ransomware in ufficio, si torna a carta e penna
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Maze, il ransomware che si spaccia per l'Agenzia delle Entrate
Il ransomware che arriva via PEC
Viviamo nel futuro: scuola chiusa per ransomware
Il ransomware che ti regala l'antivirus (mentre cripta i file)
Il ransomware che rispetta la privacy delle vittime
Il ransomware che fa ordine tra i documenti del PC
Sei consigli per difendersi dal ransomware

Commenti all'articolo (3)

Inoltre oggi può trattarsi dell'app Pippo, domani si potrebbe aggiungere l'app Topolino poi quella Paperino e così via per cui l'unica vera e sensata raccomandazione possibile è quella di non scaricare software pirata per evitare possibili guai. Poi, come giustamente ricorda bdoriano, la scelta sta a ognuno di noi... Leggi tutto
19-8-2020 16:51

Come specificato nell'articolo: Qualsiasi software scaricato tramite canali illegali può essere un veicolo di infezione. Chi scarica software illegalmente deve sapere che cosa rischia. Poi, la scelta sta a ognuno di noi. Leggi tutto
3-7-2020 10:11

{Papero}
Ma se non dite il nome dell'app incriminata a cosa serve questo articolo?
3-7-2020 09:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la tua piattaforma preferita per la Tv digitale?
Digitale terrestre "liscio"
Sky
Satellitare free to air
Mediaset Premium
Tv di Fastweb
Telecom Italia IpTv
Infostrada Tv
Altre (specificare nei commenti)

Mostra i risultati (3990 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 aprile


web metrics