Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-07-2020]

caricabatterie ricarica rapida rischio incendio

In tempi di dispositivi "intelligenti", non c'è praticamente apparecchio che non si possa violare o manomettere con qualche riga di codice.

Ciò, stando ai ricercatori della cinese Tencent, è vero anche per quei caricabatterie che supportano la ricarica rapida: al loro interno hanno un firmware che regola i valori della corrente in uscita.

Quando vengono collegati a uno smartphone, infatti, la tensione e l'amperaggio vengono negoziati al fine di evitare incidenti: se per esempio lo smartphone supporta anch'esso la ricarica rapida Quick Charge 3.0, la ricarica della batteria potrà avvenire a 20 Volt e 2,5 Ampere; se invece a essere supportata è solo la versione 1 dello standard, il caricabatterie erogherà al massimo 5 Volt e 2 Ampere.

I ricercatori di Tencent hanno scoperto che nel firmware molti dei caricabatterie in uso è presente una falla che consente di modificare a piacimento il firmware, creando in tal modo situazioni potenzialmente molto pericolose.

I protocolli di ricarica rapida includono infatti anche un'interfaccia usata per la trasmissione di dati: l'uso per il quale essa è stata creata e la scrittura e l'eventuale modifica del firmware da parte dei produttori.

In certi casi questa interfaccia non è ben protetta, e vi si può accedere: in tal modo diventa possibile cambiare i parametri di ricarica.

Così, un malintenzionato potrebbe fare in modo che il caricabatterie eroghi sempre un voltaggio troppo elevato, causando il rischio di danni e addirittura di incendio quando viene collegato un qualsiasi dispositivo.

La falla in questione è stata soprannominata BadPower ed è stata rilevata in 18 dei 35 caricabatterie sottoposti a test dai ricercatori. Bisogna tenere però conto del fatto che nella sola Cina circolano 234 tipi di caricabatterie diversi, e molti altri potrebbero essere affetti.

È evidente, d'altra parte, che sfruttare la falla per fare danni non è semplice, dato che bisogna entrare in possesso del caricabatterie della propria vittima per un tempo sufficiente a operare la modifica.

Ciò nonostante, la scoperta dei ricercatori cinesi mostra come anche l'apparecchio apparentemente più innocuo possa diventare un vettore d'attacco, se nelle mani sbagliate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La batteria con 800 km di autonomia per auto elettriche
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Il powerbanki di Xiaomi che è anche uno scaldamani
Premio Nobel per la chimica agli inventori delle batterie al litio

Commenti all'articolo (3)

Comunque io per prudenza quando vado a letto oppure esco di casa non lascio mai nulla sotto tensione, tranne ovviamente, il frigorifero. Ho questa abitudine da quando anni fa un fulmine colpì la cabina elettrica vicino a casa mia spappolandomi la caldaia, il modem, il PC, la televisione e la centralina di climatizzazione. Detto questo è... Leggi tutto
22-7-2020 15:14

Sostituire o modificare fisicamente il caricabatterie è la prima cosa che ho pensato ma il titolo trae in inganno facendo pensare che siano in circolazione caricabatterie difettosi, cosa peraltro possibilissima.
22-7-2020 12:27

{flepen}
Mi chiedo: ma è possibile che ogni volta che si crea un nuovo sistema sia necessario riscoprire l'acqua calda? Ma che gente c'è a programmare e a dirigere i programmatori? Perché un hacker/cracker è un programmatore, e come lui/lei può scoprire la falla, lo possono anche quelli che la... Leggi tutto
21-7-2020 19:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2015 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics