Falla nel bootloader di Linux vanifica il Secure Boot

La vulnerabilità permette di installare malware da eseguire all'avvio del Pc.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-08-2020]

BootHole

Il Secure Boot è una caratteristica di Uefi che ormai è presente su tutti i computer moderni e che, in sostanza, consente di eseguire soltanto software autorizzato dal produttore, riconosciuto tramite una firma digitale.

L'idea di fondo - nonché origine del nome di questa tecnologia - è che consentire l'esecuzione soltanto di software firmato aumenti la sicurezza complessiva del computer.

Il suo uso non è strettamente obbligatorio: Windows 10, per esempio, si installa anche senza Secure Boot, ma in questo caso è necessario prima disattivare tale funzionalità.

Anche molte distribuzioni Linux - come RedHat, Fedora, Ubuntu e Linux Mint - supportano Secure Boot, quantomeno per evitare agli utenti di dover apportare modifiche alle impostazioni Uefi.

Ora tutto questo sistema di sicurezza è stato messo in crisi da una scoperta fatta dai ricercatori di Eset: hanno rilevato che l'utilizzo dell'accoppiata Secure Boot + Grub 2 (il bootloader usato dalla maggioranza delle distribuzioni Linux) apre la porta alla possibilità di inserire del malware nel processo di boot.

Ciò è dovuto a una vulnerabilità scoperta in Grub, ma la falla - chiamata BootHole - può essere sfruttata soltanto se Secure Boot è abilitato.

A ridurre un po' la minaccia presentata in questo scenario c'è il fatto che chi voglia sfruttare la vulnerabilità deve avere accesso al file di configurazione di Grub (grub.cfg), operazione possibile solo inserendo la password di root (o quella dell'utente tramite il comando sudo).

Le varie campagne di scam ci dimostrano però che non è troppo difficile convincere un utente a fare praticamente qualsiasi cosa, come per esempio inserire la propria password su richiesta.

Microsoft ha riconosciuto l'esistenza del problema rilasciando alcune indicazioni su come ridurre la portata del pericolo (tra cui la riconfigurazione di Secure Boot), e ora gli autori delle varie distribuzioni Linux devono procedere ad aggiornare Grub, fornendo nuove versioni firmate del bootloader.

Ciò sta in realtà già avvenendo, e nei prossimi giorni tutte le distribuzioni rilasceranno gli aggiornamenti necessari: in alcuni casi (come Ubuntu) l'aggiornamento è già disponibile al momento in cui scriviamo, ed è pertanto utile installarlo subito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

In questo caso mi sembra però che ci voglia ancora più impegno del solito, da parte dell'utonto, per farsi fregare. Leggi tutto
30-8-2020 16:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2241 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 giugno


web metrics