10 suggerimenti per proteggersi dagli attacchi DDoS

Sempre più complessi e sempre più pericolosi, ma con alcune attenzioni è possibile proteggersi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-02-2021]

app security

Gli attacchi DDoS (Distributed Denial-of-Service) continuano a crescere in termini di dimensioni, frequenza e complessità, minacciando le aziende e i service provider di tutto il mondo. Ad esempio, di recente è stato emesso un alert su un forte aumento delle minacce di attacchi DDoS che richiedono il riscatto di bitcoin a migliaia di organizzazioni appartenenti a tutti i settori industriali e in tutto il mondo. A giugno, Amazon Web Services ha rivelato un attacco DDoS di 2,3 Tbps stabilendo un nuovo record, superando il precedente attacco di 1,3 Tbps del 2018.

Gli attacchi Denial-of-Service non sono una novità: sono in circolazione fin dai primi anni della creazione del web. Nel 1996 un Internet Service Provider di New York ha subito il primo attacco DoS che ha messo fuori uso i suoi server per una settimana. Il primo attacco DDoS mai documentato è avvenuto invece 3 anni dopo, nel 1999, quando un hacker ha messo fuori uso i sistemi dell'Università del Minnesota per più di due giorni con uno strumento chiamato Trin00. Seppur arcaico per gli standard odierni, Trin00 ha dirottato 114 diversi computer per sopraffare un bersaglio con traffico User Datagram Protocol.

Nel corso degli anni, gli attori malevoli sono diventati sempre più esperti, lanciando attacchi DDoS sempre più sofisticati per danneggiare le aziende, offuscare altri tipi di attacchi o estorcere pagamenti ransom. Si raccomanda sempre di non pagare i riscatti in quanto non vi è alcuna certezza che ciò cambierà il risultato finale. Non sorprende che i criminali informatici puntino più spesso gli attacchi DDoS contro le imprese più profittevoli.

Il rapporto SOTI Security report 2020- Hostile Takeover Attempts, dedicato ai servizi finanziari, ha rivelato che oltre il 40% di tutti gli attacchi DDoS erano diretti contro aziende del settore finanziario, il che fa di questo settore il primo bersaglio se si considera il numero di vittime colpite.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Difendersi dagli attacchi DDoS: 10 consigli

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)


@Cesco67 Ti dico come agirei io, che ovviamente non è una risposta valida per tutti. Per il punto 1 installerei dei SW che effettuano il monitoraggio del traffico in continuo questi SW richiedono la formazione delle risorse addette al monitoraggio per interpretare l'andamento del traffico e degli alert automatici che il SW invia. Sui... Leggi tutto
7-2-2021 18:15

@Gladiator Continuo a non capire. Come viene formato il personale? Mi immagino un corso di 5 minuti dove viene detto: "In caso di attacco DDoS aspettate che finisca. (fine)" Non mi risultano tecniche per combatterli. Forse può aiutare a dare un po' di respiro ai server staccare il cavo che porta internet in azienda, ma poi per... Leggi tutto
7-2-2021 15:58

Beh certamente le azioni di sicurezza preventiva, che sono sostanzialmente tutte quelle elencate nell'artico, necessitano di formazione e di commitment per essere implementate e, in questi termini, ritengo che la formazione sia necessaria. Leggi tutto
7-2-2021 15:06

La cosa che mi lascia maggiormente perplesso è che sia ancora necessario ricordare questa semplice ed ovvia misura basata sul buonsenso. Leggi tutto
7-2-2021 14:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (402 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics