Gender gap nell'hi-tech dimezzato, ma la parità di genere è lontana



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-02-2021]

ragazza pc

Negli ultimi due anni, quasi la metà (49%) delle donne italiane che lavora nel settore tech ha notato una riduzione del gender gap all'interno dell'azienda per cui lavora. Inoltre, il 71% ha dichiarato che nel momento in cui ha sottoposto la propria candidatura per il primo ruolo nel settore tech le variabili che hanno inciso maggiormente sulla loro assunzione non includevano il genere ma solo competenze ed esperienza.

Tenuto conto del breve lasso di tempo in cui questa progressione è avvenuta, si tratta di un passo davvero positivo verso l'inclusività nel settore, ma i margini di miglioramento sono ancora tanti, come emerso dal nuovo report Women in Tech di Kaspersky.

Dall'indagine sono emersi segnali positivi circa la progressione dell'uguaglianza di genere. Infatti, il 71% delle donne italiane ha dichiarato che la propria opinione viene rispettata sin dal primo giorno di lavoro. Anche la diffusione dello smart working ha avuto un effetto positivo: il 45% delle italiane sostiene, infatti, che l'uguaglianza di genere sia migliorata all'interno dei team che lavorano da remoto.

Il report analizza il lungo percorso verso la parità di genere. L'intera riflessione sui risultati dello studio è stata resa disponibile oggi su un sito web dedicato. Nonostante un miglioramento a livello globale in merito alla rappresentanza di genere, in Italia il 31% delle donne afferma che la mancanza di quote rosa nell'industria tecnologica non le invoglia ad approcciarsi al settore.

Anche se queste percentuali possono sembrare relativamente basse, sottolineano il divario tra l'attuale miglioramento e il raggiungimento della totale uguaglianza. Infatti,il 40% delle donne sostiene che la carriera degli uomini nel settore tecnologico progredisce più velocemente della loro. Inoltre, un numero simile (37%) afferma che la riduzione del gender gap favorirebbe la loro carriera. Tenuto conto di questi dati è possibile affermare che il lavoro da fare per raggiungere l'uguaglianza è ancora tanto.

L'indagine di Kaspersky è stata condotta a livello globale e mostra come i diversi Paesi stiano progredendo a ritmi diversi. In Europa, ad esempio, l'equilibrio tra i generi sembra essere addirittura peggiorato negli ultimi due anni mentre in Nord America il passaggio all'home working lo ha migliorato. In America Latina, invece, l'istruzione sta guidando l'empowerment tra le giovani donne nel tech; e infine, nell'Asia Pacifica, le donne si sentono sempre meno minacciate e intraprendono carriere di successo.

Per garantire che le esperienze positive in questo senso si riflettano in tutto il mondo, sono necessarie iniziative volte a sostenere la carriera delle donne nel settore tecnologico, come ad esempio programmi di mentoring o stage che diano accesso a diverse opportunità ed esperienze. Ma per infondere la convinzione che l'industria tecnologica sia un luogo in cui anche le donne possano lavorare e avere successo, il viaggio deve partire da più lontano.

Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1309 voti)
Leggi i commenti (33)

"La questione degli stereotipi di genere deve essere affrontata molto prima che le donne entrino nel mondo del lavoro. Deve iniziare dalle scuole, per coinvolgere le ragazze e incoraggiarne l'interesse per l'IT e il settore tecnologico. Il lavoro di Kaspersky con i bambini delle scuole di diversi Paesi in tutto il mondo mira a stimolare il loro interesse in tenera età e a fornire una visione di come potrebbe essere una carriera in questo settore. Il primo passo verso una nuova direzione è sempre il più difficile. In assenza di un ambiente che le supporti, le donne possono frequentare community online o partecipare a eventi offline di rilievo. È necessario che capiscano che i professionisti IT sono persone comuni con diverse competenze e abilità, e che chiunque può aspirare a lavorare in questo settore", ha dichiarato a Zeus News Noushin Shabab, Senior Security Researcher, Global Research & Analysis Team presso Kaspersky.

Molte aziende in tutto il mondo stanno anche iniziando a introdurre quote rosa che garantiscano una rappresentanza più equa nella forza lavoro. Più che per fare numero sono concepite per aumentare le probabilità di cambiamento e di riduzione degli stereotipi sessisti nei luoghi di lavoro e per avere un numero più alto di donne in grado di raggiungere posizioni senior che possano ispirare giovani ragazze che stanno considerando l'idea di entrare in questo settore. Tuttavia, le quote non sono l'unico modo per ottenere dei miglioramenti.

"Esiste un famoso detto che dice:‘non si può essere ciò che non si può vedere'. Negli ultimi anni, ci sono stati sempre più appelli volti ad aumentare il numero di donne nel settore IT, ma questo è un modo relativamente rapido per affrontare il problema. La verità è che l'industria tecnologica ha dimostrato di essere istituzionalmente misogina. Questo vuol dire che le quote sono insufficienti per affrontare lo squilibrio di genere o per aiutare la progressione delle donne in ruoli IT di alto livello", ha dichiarato a Zeus News la dottoressa Ronda Zelezny, co-fondatrice e direttrice di Panoply Digital e membro di Ada's List.

Ha inoltre aggiunto: "È quindi necessario andare oltre i numeri. Una prima raccomandazione è quella di implementare pratiche di blind recruitment che aiutino a rimuovere i pregiudizi personali durante il processo di assunzione di talenti. Questo vuol dire rimuovere i dati identificativi dalle candidature, modificare il linguaggio all'interno degli annunci di lavoro per eliminare i pregiudizi sessuali a favore di candidati uomini e assicurarsi che la selezione dei candidati sia libera da pregiudizi utilizzando comitati di assunzione diversi (invece che individui), reclutatori addestrati per eliminare i pregiudizi dai processi di assunzione e magari anche algoritmi creati da team diversi che possano aiutare nel processo di identificazione dei candidati".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Sextortion su Facebook: ricattava donne facendosi dare le risposte alle domande di sicurezza
Se l'ex ti molesta e spia tramite l'Internet delle Cose
Antibufala: torna l'allarme (falso) per i rossetti al piombo
Poche donne nel settore della sicurezza informatica
Doctor Who sarà interpretato da una donna: fatevene una ragione e crescete
Festa della mamma, sono i papà a fare la differenza
La donna è più infedele... all'ADSL
Perché le ragazze non studiano le materie STEM?
The Fappening, 18 mesi all'hacker delle celebrità senza veli
Col trapianto dell'utero anche gli uomini potranno avere bambini
Spiava attraverso le webcam dei PC
Fotografare sotto le gonne non è reato
''Fischia dietro a tua madre''
Patrizia Grieco (Enel) e la clausola di non concorrenza con Telecom
La rete è femmina?

Commenti all'articolo (3)

Anch'io ritengo che ragionare in termini di "quote" non sia corretto ma siano le competenze ed il merito i criteri di scelta per le assunzioni, le promozioni e le retribuzioni a prescindere dal genere, dall'orientamento sessuale ecc. come peraltro dettato dalla nostra Costituzione. Purtroppo il ragionamento a "quote"... Leggi tutto
21-2-2021 10:30

Io credo che ragionare a "quote" non sia corretto. Penso che il criterio per assumere, in qualsiasi campo, siano le competenze adatte all'azienda. Il genere non dev'essere un criterio di scelta, IMHO
21-2-2021 09:31

Francamente mi pare che, almeno in Italia, il gender gap non esista solo nel modo del lavoro hi-tech purtroppo (IMHO).
19-2-2021 18:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1566 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 aprile


web metrics