Quando il cloud diventa una nuvola. Di fumo



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-03-2021]

ovh by night

Questa foto (credit: @mothattacks) mostra il datacenter di Strasburgo della Ovh, colpito da un incendio il 10 marzo scorso. In questo datacenter venivano ospitati i dati di migliaia di clienti della società francese: era insomma la parte concreta di quello che in gergo viene definito cloud. Quel cloud è diventato letteralmente una disastrosa nuvola di fumo.

Trovate tutti i dettagli e i nomi di molti dei clienti colpiti in questo articolo di Wired.it, ma il dato più importante è che Ovh ha invitato gli utenti ad attivare i propri piani di disaster recovery. Questo di solito non è un buon segno, e significa che i dati custoditi presso il datacenter sono da considerare perduti.

Anche se la dinamica di questo incendio è ancora tutta da definire, il segnale di fumo è molto chiaro: depositare i propri dati nel cloud non implica automaticamente che il gestore del cloud ne abbia una copia di scorta per emergenze come queste (leggete attentamente il vostro contratto) ed è possibile che spetti al cliente fare questa copia di scorta altrove.

Per contro, implica che se i vostri processi di lavoro dipendono dalla disponibilità di quei dati depositati nel cloud, in caso di disastro che colpisce il cloud non potrete più lavorare. A meno che abbiate una copia di scorta locale o presso un cloud separato.

Casi come questo sono un'occasione importante per riflettere sulle proprie strategie di backup e sui propri piani di disaster recovery. Ne avete uno? Lo avete mai messo alla prova? Sareste in grado di lavorare senza accesso al cloud? È il momento giusto per farsi queste domande.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Watchdog, la più lunga campagna di cryptojacking mai rilevata
Conto alla rovescia per l'addio a Google Cloud Print
Dalla Biblioteca di Alessandria ai floppy disk
4 dipendenti su 5 non intendono abbandonare lo smart working
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
Gaia-X, il cloud computing in salsa europea

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Corretto, ma tutti i sistemi soggetti a rischio di esplosione - gli UPS fanno parte della categoria - dovrebbero essere confinati in locali appositi ove gli effetti dell'eventuale esplosione restano confinati all'interno del locale stesso. Difficile e costoso ma possibile.
21-3-2021 14:26

Eh sì, sono proprio indietro di qualche decennio, non mi occupo più da tempo di protezione antincendio. Ma la mia osservazione era soprattutto che un sistema di spegnimento che si basa sull'eliminazione del comburente è efficace se l'ambiente è stagno, ma viene vanificato da un'esplosione che lo mette in comunicazione diretta con... Leggi tutto
21-3-2021 12:20

Per quanto ne so uno dei sistemi più moderni di prevenzione e contenimento incendi nei data center è l'utilizzo di atmosfere controllate a basso tenore di ossigeno per impedire lo sviluppo dell'incendio e/o causarne l'autoestinguenza. Si veda: link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/720803]link[/url] Oppure si usano sitemi... Leggi tutto
21-3-2021 11:13

L'esplosione dello UPS (batterie a litio? o anche accumulo di idrogeno da quelle al piombo... a noi era saltata via la porta di un locale per una batteria sovraccarica e una scintilla) potrebbe aver sfondato serramenti o pareti, rendendo inefficace lo spegnimento automatico. Sono rimasto indietro con i sistemi, ai miei tempi si usava... Leggi tutto
20-3-2021 20:09

La possibile causa è un guasto ad un UPS che era stato sottoposto a manutenzione il giorno stesso dell'incendio, sarà stata una batteria difettosa (mia ipotesi sia chiaro)? Un incidente di questo tipo è, qualunque sia la sua causa, comunque un evento possibile le cose che non capisco io sono, invece, come non ci fossero o non siano... Leggi tutto
20-3-2021 15:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1907 voti)
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Rinunciare allo smartphone
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 luglio


web metrics