AMD, ecco la patch definitiva per Windows 11

I guai con le prestazioni dovrebbero ormai essere soltanto un ricordo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-10-2021]

windows 11 amd cpu prestazioni patch

La collaborazione tra Microsoft e AMD ha dato i suoi frutti: sono pronte le patch per i due problemi di compatibilità tra Windows 11 e le CPU prodotte da AMD, che si traducevano in grossi cali di prestazioni.

Il primo intervento in merito, operato da Microsoft, non aveva avuto l'effetto sperato; anzi, non aveva fatto altro che peggiorare i problemi.

Ora, però, le correzioni sono frutto della collaborazione diretta con AMD e consistono in un nuovo driver per il chipset, grazie al quale la scelta del "core preferito" per l'esecuzione di certe applicazioni ora avviene correttamente, e in una correzione che riporta alla normale efficienza la gestione della cache di terzo livello.

Le patch sono distribuite tramite Windows Update, ma per il momento non vengono installate automaticamente: chi avesse riscontrato problemi di prestazioni con Windows 11 dovrà quindi andarle a cercare, per poi installarle, tra gli aggiornamenti opzionali.

L'installazione automatica avverrà invece il prossimo mese insieme alle altre correzioni del Patch Tuesday di novembre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
Windows 11, la patch per AMD peggiora i problemi
Windows 11 rallenta i processori AMD fino al 15%
Microsoft svela i nuovi Surface già dotati di Windows 11
Windows 10, calano le prestazioni dopo la patch per PrintNightmare
Windows 365, server già sovraccarichi
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Intel svela la prima CPU a 5 GHz per ultraportatili

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)


Ovviamente se l'attività di testing viene fatta in modo adeguato cosa che, a guardare gli ultimi anni, mi pare sempre meno comprovata. Inoltre a guardare i tempi di annuncio e sviluppo di W11, se non ci lavoravano in segreto da tempo, mi pare che i tempi siano stati ancora più contratti del solito per cui ho ancora più dubbi che si... Leggi tutto
30-10-2021 14:01

Beh, più confusione fanno e meno la gente ci capisce, più loro possono svangarla senza troppi patemi e senza pagare alcun dazio neppure a livello di immagine. Leggi tutto
30-10-2021 13:58

Questa scelta mi fa pensare che così certi del risultato non lo siano del tutto... :roll: Leggi tutto
30-10-2021 13:56

Anche Microsoft sviluppa driver generici. Ovviamente se collaborano i risultati dovrebbero essere migliori. Leggi tutto
27-10-2021 22:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1298 voti)
Dicembre 2021
La rinascita della stampante
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 dicembre


web metrics