Smart working: dall'emergenza alla normalità

Firmato l’accordo tra Governo, sindacati e imprese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-12-2021]

remote

Dopo i Dpcm che come misura di emergenza per prevenire il contagio Covid rendevano obbligatorio lo smart working per decine di milioni di impiegati e tecnici del settore pubblico e privato, sindacati e imprese sono giunti a regolamentare con il Governo, attraverso un accordo interconfederale, lo smart working o "lavoro agile", modalità del rapporto di lavoro subordinato che si differenzia dal cosiddetto telelavoro per una maggiore autonomia dei tempi di lavoro e del luogo di lavoro stesso che non deve essere per forza fisso, ad esempio nel domicilio del lavoratore, e deciso o comunicato al datore di lavoro.

Lo smart working potrà essere scelto liberamente dal lavoratore che non potrà subire ritorsioni come licenziamento, demansionamento, riduzione del salario in caso di rifiuto e tantomeno differenze peggiorative rispetto al lavoro in sede. I contratti nazionali e aziendali dovranno stabilire delle fasce orarie e il tempo complessivo a giornate della prestazione in smart working.

Il posto di lavoro scelto dovrà comunque rispettare le normative di igiene e sicurezza del lavoro, il lavoratore in smart working dovrà godere dei diritti sindacali, per la maternità, per la legge 104 come gli altri lavoratori. Anche il Pc dovrà essere fornito dal datore di lavoro e nel caso sia consentito l'uso di un Pc o altro device di proprietà del lavoratore dovrà essere garantita la sicurezza dei dati.

Gli accordi sindacali dovranno anche prevedere il cosiddetto diritto alla disconnessione in cui il lavoratore non dovrà essere contattato dal datore di lavoro o comunque non dovrà dare seguito a questi messaggi o disposizioni.

È importante che nonostante la recente divisione fra sindacati e con il Governo di una parte del sindacato sulla politica economica e fiscale, si sia raggiunto questo accordo unitario a cui le parti sociali lavoravano da tempo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Lavoro smart, dieci consigli per i nostri occhi
4 dipendenti su 5 non intendono abbandonare lo smart working
Se la quarantena fa bene alla digitalizzazione dell'Italia
A Torino il primo sciopero completamente smart

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4325 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 febbraio


web metrics