La disintossicazione dallo streaming

Cassandra Crossing/ L'utilità dello streaming deve essere bilanciata con l'immoralità del DRM?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-01-2022]

starwars

I 24 irriducibili lettori di Cassandra sanno bene che, fin dal numero 1 di questa rubrica, la nostra profetessa si è scagliata in maniera veemente contro tutte le tecnologie DRMS (Digital Rights Management System), che cominciavano allora a inquinare le nostre vite digitali. Dal 2005 un'eternità è trascorsa, e i problemi di controllo e tracciamento, mai adeguatamente contrastati, hanno invaso tutti gli aspetti della vita digitale di ciascuno.

Oggidì, a causa principalmente dell'incoscienza della stragrande maggioranza degli umani connessi, non esiste più, per chi vorrebbe tutelarsi da quello che Shoshana Zuboff ha battezzato il capitalismo della sorveglianza, la possibilità di sfuggire completamente al sistema, come si poteva fare 20 anni fa. La limitazione del danno è oggi l'unica, e non facile, strategia possibile, ed è in questa direzione che i difensori della privacy si muovono in tutti i modi possibili, dall'azione politica fino alla scelta del cellulare.

Accade però che in queste strategie passive, per semplice distrazione o per mancanza di tempo, si infiltrino, come nell'attacco a Zion, agenti maligni il cui effetto non viene adeguatamente valutato. È stato così che, sfruttando la notissima debolezza di Cassandra per il mondo di Star Wars, una nota multinazionale dell'intrattenimento ha cominciato a incassare da lei un modesto abbonamento mensile.

Come già scritto più volte in passato, il desiderio tipicamente Jedi di restare in contatto con la saga di Star Wars e i suoi spin-off si è rivelato un approccio masochista; quanto già chiaramente percepibile negli Episodi VII, VIII e IX (si vedano a proposito le "cassandre" 1, 2, 3 e 4) si è ulteriormente amplificato negli spinoff televisivi. Quindi, perché continuare a fornire contributi, praticamente mai utilizzati, a uno degli Imperi del Male?

Fortunatamente un momento di autocoscienza è stato scatenato dall'avvicinarsi di una data importante; lo scorso 10 dicembre si celebrava la quindicesima IDAD (International Day Against DRM), come d'uso capitanata dall'organizzazione Defective by Design.

È la giornata prescelta per mandare segnali a un'industria, come quella dell'intrattenimento, sempre più malata e nemica dei propri clienti; per l'appunto il bersaglio di elezione di quest'anno è l'azienda che ha distrutto uno dei miti di Cassandra, rendendolo un semplice prodotto plasticoso di banali supereroi.

Quale momento migliore per disdire l'abbonamento che, tramite offerte speciali non facilmente rinunciabili, si era insinuato nell'elenco di pagamenti mensili di Cassandra? (elenco che, a onor del vero, è fatto soprattutto di virtuose piccole donazioni mensili a organizzazioni che se lo meritano come EFF, FSF, Internet Archive, Tor, Debian etc.)

Detto fatto, una veloce (si fa per dire) comunicazione a un noto monopolista di rete fissa et voilà, il mio contributo alla XV IDAD è pronto. Un'avida multinazionale da oggi è un po' meno ricca. E inoltre la coscienza mi rimorde meno, visto che l'(utilissimo) abbonamento a Netflix è ancora lì a ricordarmi che anche Cassandra rimane un po' peccatrice.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Metodi d'indagine: la Regola dell'Informazione Laterale
Come uscire dai social network e salvare i propri dati
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Aggiornamenti d’emergenza per dispositivi Apple
Tesla annuncia il robot umanoide “ammansito”
Allora, i messaggi di WhatsApp sono cifrati e privati o no?
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
PAUSE 0
Attacchi informatici usando documenti Office, l'allerta di Microsoft
La bufala dell’app che toglie gli sticker che coprono le foto dei bambini
Arrivano gli occhiali “smart” di Facebook
Il fenomeno del ban-as-a-service

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Beato te. Leggi tutto
19-1-2022 15:14

@Homer S. Forse non mi sono spiegato, e quello che hai quotato non è il succo del discorso. Volevo dire che invidio chi ha (tanto?) tempo libero per riuscire a seguire con costanza una o più serie TV. Se leggi tutto il mio post non ne faccio una questione principalmente economica.
17-1-2022 21:41

Da tempo ormai la gente considera la TV generalista di base una sorta di sottofondo, come la radio prima di lei. Guardare allo streaming allo stesso modo ancora non è fattibile, proprio perché è una spesa viva. Ma ci arriveremo, probabilmente dopo una fase di assestamento in cui da un lato, come ho supposto inizialmente, il DTV andrà ad... Leggi tutto
17-1-2022 14:17

Beh, nel mio caso la connessione internet la pago comunque, la smart TV l'ho comperata da tempo e, come detto, l'abbonamento streaming è un bundle per cui in realtà che ne usufruisca o meno pago uguale, la sera comunque riesco ancora a guardare la TV per un paio d'ore se guardo qualcosa che mi piace ed interessa.
16-1-2022 17:07

Io invidio chi può permettersi un abbonamento a servizi streaming/pay TV; non per le cifre in gioco, tutto sommato non elevate (a cui, però, escludendo DVB e sat, occorre aggiungere il costo della connessione Internet). Ma per il tempo a disposizione per fruire dei contenuti. Personalmente rientro dal lavoro che, quando va bene, sono le... Leggi tutto
16-1-2022 12:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale stanza renderesti più smart per prima?
La camera da letto
La cucina
Il bagno / lavanderia
La sala

Mostra i risultati (951 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 gennaio


web metrics