Poliziotti licenziati: inseguivano Pokémon anziché rapinatori

Un raro Snorlax deve valer bene la fuga di alcuni malviventi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-01-2022]

poliziotti licenziati pokemon go snorlax

Sono stati necessari alcuni anni di indagini e vertenze legali, ma alla fine la verità è emersa in tutta la sua imbarazzante realtà.

Due agenti della polizia di Los Angeles hanno perso il lavoro perché, anziché inseguire dei rapinatori, hanno preferito andare a caccia di Pokémon.

Tutto inizia il 15 aprile 2017, quando la mania per Pokémon Go era ancora alta. I due agenti - Louis Lozano e Eric Mitchell - erano comodamente seduti nell'auto di servizio parcheggiata quando hanno ricevuto una chiamata per una rapina in corso non lontano da loro: il loro compito sarebbe stato mettersi immediatamente all'inseguimento dei rapinatori che erano stati visti fuggire.

Invece - come hanno poi rivelato le telecamere interne dell'auto - i due hanno preferito continuare a fare ciò che stavano facendo: giocare a Pokémon Go per «i successivi 20 minuti», spostandosi in auto non per rintracciare dei malviventi ma per catturare uno Snorlax, che non sarà stato un criminale ma era un pokémon abbastanza raro.

A inguaiare gli agenti è stato un altro poliziotto, il capitano Davenport, che si trovava in zona e non soltanto è intervenuto personalmente per fermare i rapinatori, ma ha anche visto l'auto di Lozano e Mitchell fare retromarcia e andarsene in un'altra direzione.

Quando il corpo di polizia ha cercato di far chiarezza sul mancato intervento, i due hanno dapprima sostenuto di non aver sentito la radio; poi, messi alle strette dalle registrazioni delle videocamere di servizio, dalle quali è emerso che in realtà hanno udito la chiamata e hanno anzi discusso se rispondere o meno (scegliendo di ignorarla), hanno affermato che stavano soltanto parlando del gioco, ma non lo stavano usando.

Le videocamere sono state però implacabili: dall'audio emerge chiaramente che, cinque minuti dopo la chiamata ignorata, uno dei due indica all'altro la posizione di uno Snorlax, e l'auto si mette in moto. «Gli altri saranno così invidiosi» si sente l'agente Mitchell commentare, pensando alla prospettiva di catturare il pokémon.

Alla fine delle indagini, Lozano e Mitchell sono stati riconosciuti colpevoli di vari capi d'accusa - dalla mancata risposta a una chiamata per rapina ad aver mentito mentre erano sotto indagine, oltre ovviamente a essersi messi a giocare a un videogame mentre erano in servizio - dei quali alla fine si sono dichiarati colpevoli, sperando di poter ricorrere in appello.

La richiesta d'appello è stata poi rifiutata, e gli agenti hanno perso il lavoro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Venduto nel metaverso uno yacht virtuale da mezzo milione di euro
Il dispositivo per provare caldo, freddo e dolore nella realtà virtuale
Il Game Boy a energia solare che può funzionare per sempre
Realtà virtuale, da Apple il sistema per evitare gli ostacoli del mondo reale
L'app per incollare gli oggetti reali in Photoshop
Pokémon Go, il videogioco che uccide nella vita reale
Arrestato perché giocava a Pokemon Go in chiesa
Siete nel mondo reale: guardatevi intorno e non fate gli stupidi
Frenesia da Pokémon Go: le cose da sapere
Pokémon Go? Per l'Islam è proibito come l'alcool
A caccia di Pokémon con la realtà aumentata
HoloLens, la realtà virtuale entra in salotto

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Ovvio che è così, praticamente in tutte le umane cose succede ciò...
17-1-2022 18:32

Se fosse, sarebbe prova del fatto che avere le videocamere a documentare la condotta degli ufficiali di polizia è un problema solo per chi non ha l'autorità per scavalcarle... Leggi tutto
17-1-2022 08:31

Perché no... :malol:
16-1-2022 14:52

Secondo me il capitano Davenport si trovava in zona anche lui per la caccia al pokemon Snorlax, e si è incaz***ato perchè gliel'hanno fregato sotto il naso, e per questo li ha denunciati
16-1-2022 12:30

Anche perché il tutto è perfettamente registrato dalle videocamere dell'auto che, ovviamente, loro sapevano bene essere presenti e funzionanti, per cui hanno dimostrato anche una certa dose di stupidità con il loro comportamento e le successive menzogne. Leggi tutto
15-1-2022 14:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (768 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 gennaio


web metrics