iOS, la UE obbligherà Apple a consentire l'installazione di app di terze parti

Tra un anno il Digital Markets Act aprirà le porte del ''giardino recintato'' di Apple.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-05-2022]

apple ios app terze parti dma ue

Primavera 2023: secondo quanto dichiarato dalla vicepresidente della Commissione Europa Margrethe Vestager, è allora che il Digital Markets Act diventerà operativo in tutto il territorio dell'Unione.

Sin dalla sua concezione, questa normativa è stata avversata dai giganti della tecnologia - Meta, Apple, Google, Microsoft, Amazon - che ne sono in effetti i bersagli principali: quando entrerà in vigore, ammesso che Consiglio e Parlamento la approvino, molte delle barriere più o meno posticce poste in essere dalle varie piattaforme dovranno cadere.

I diversi servizi di messaggistica dovranno essere in grado di cooperare, come avevamo anticipato, ma ciò che più ancora preoccupa Apple è che l'Unione Europea a quel punto potrebbe imporle di abbattere il recinto del giardino in cui vivono le applicazioni per iOS.

Allo stato attuale, infatti, se Android permette di installare su smartphone e tablet applicazioni ottenute da fonti che si trovano all'esterno del Play Store (investendo quindi l'utente della responsabilità di verificare la bontà di dette fonti), per iPhone e iPad ciò non è possibile: tutto deve provenire dall'App Store.

All'interno dell'App Store stesso, poi, vi sono ulteriori limitazioni: per esempio, non sono ammessi browser che usino un motore di rendering diverso da Webkit, il motore di Safari. Di conseguenza app come Firefox, che pure esistono in versione per iOS, sono soltanto una pallidissima imitazione dell'originale.

Per questi e altri motivi (come certe limitazioni imposte agli sviluppatori), l'Unione Europea vede l'App Store come un freno all'innovazione e lo sospetta di pratiche anticoncorrenziali: il DMA dovrebeb quindi diventare il grimaldello per aprire le porte del recinto di Apple, consentendo alle app di terze parti di entrarvi.

Quando poi la normativa sarà in vigore, chi non la rispetterà rischierà una sanzione che potrà arrivare al massimo al «10% del giro d'affari globale dell'azienda in violazione», ma potrà raggiungere il 20% in caso di violazioni ripetute.

Il 2023 si preannuncia quindi come l'anno di uno scontro diretto tra i grandi nomi della tecnologia e la Commissione Europea.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Antitrust, Facebook rischia una multa da 5 milioni
L'occhio dell'antitrust europeo sulla criptovaluta di Facebook
Bill Gates confessa il suo errore più grande

Commenti all'articolo (4)

Intanto vediamo quando entrerò in vigore poi vedremo con quanto impegno e severità verrà applicato questo Act che non si capisce bene se sia Direttiva, Regolamento o quale altro tipo di normativa.
14-5-2022 18:42

{al}
ipad nuovo mio al day 1 del nuovo update con sideloading
11-5-2022 20:13

{danu}
Sono d'accordo con quello che vuol fare questo Act,m ci sarebbe da ridere, se non ci fosse da piangere, per l'affermazione: "Unione Europea vede l'App Store come un freno all'innovazione e lo sospetta di pratiche anticoncorrenziali". L'apparato più burocratizzato del pianeta, dopo India, Cina e... Leggi tutto
10-5-2022 15:27

A farsi un giro in Rete sul tema, si legge che:l'entrata in vigore (ipotetica) della legge è già slittata di sei mesi; è ancora da ratificare da ben due organismi europei, il Consiglio ed il Parlamento; le indagini (non le sanzioni, si badi bene) scattano solo dopo almeno tre violazioni in otto anni.Direi che le Big Tech hanno parecchio... Leggi tutto
10-5-2022 14:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3774 voti)
Giugno 2024
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics