Il DJ sintetico personale pilotato dall'intelligenza artificiale

Presentato da Spotify, funziona meglio dei DJ umani. O quasi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-03-2023]

dj

Ricordate Lei, in originale Her, il film di Spike Jonze del 2013 nel quale il protagonista si invaghiva della voce sintetica della sua assistente digitale personale, controllata dall'intelligenza artificiale, che lo conosceva così bene da anticipare ogni sua necessità e diventare la sua compagna perfetta? Comincia a non essere più fantascienza.

Spotify ha infatti presentato il 22 febbraio scorso "DJ", una voce sintetica che parla con lo stile di un animatore radiofonico americano e commenta in modo pertinente i brani scelti in base ai gusti personali del singolo utente del servizio di streaming. La voce è pilotata dall'intelligenza artificiale di OpenAI ed è basata sulla voce di un vero animatore e podcaster di Spotify, Xavier "X" Jernigan, ed è stata generata dalla società specializzata londinese Sonatic, acquisita recentemente da Spotify, la stessa che ha creato la voce dell'attore Val Kilmer per il film Top Gun: Maverick.

Al momento questa funzione è disponibile in versione di prova e soltanto in inglese per gli utenti di Spotify Premium negli Stati Uniti e in Canada.

L'idea dietro il progetto del DJ sintetico è che Spotify finirà per conoscere così bene le preferenze dei propri utenti da poter fornire a ciascuno una colonna sonora personalizzata nella quale è l'intelligenza artificiale a scegliere i brani, invece di chiedere all'utente di comporsi una playlist, ed è di nuovo l'intelligenza artificiale a presentare quei brani a voce, raccontando dettagli della canzone o dell'artista insieme a brevi commenti creati su misura per ogni utente, attingendo a un sapere enciclopedico e costantemente aggiornato, senza mai impaperarsi, senza mai stancarsi, e senza avere mai un calo di umore o di voce o una pretesa sindacale. E soprattutto senza chiedere uno stipendio. Comprensibilmente, chi lavora nel settore non vede di buon occhio l'arrivo di un concorrente molto impegnativo e teme di vedersi rimpiazzato.

Restano però ancora da chiarire due aspetti. Il primo è quello della lingua, visto che per ora è supportato soltanto l'inglese americano con una singola voce, ma Spotify ha descritto questa voce come un "primo modello" di vari che seguiranno. Ciascuno di questi modelli, e ciascuna lingua, ha però un costo di sviluppo e manutenzione considerevole, per cui non è detto che il servizio verrà offerto in tutte le lingue e in tutti i mercati.

Il secondo aspetto da verificare è quello dell'accuratezza delle informazioni di commento musicale generate dall'intelligenza artificiale e poi raccontate a voce dal DJ sintetico. Dato che queste informazioni sono generate da Spotify in gran parte usando le stesse tecniche di ChatGPT, che ha dimostrato di essere un abilissimo contafrottole, c'è il rischio che il DJ di Spotify abbia sì una voce suadente, instancabile e impeccabile, ma ci racconti castronerie colossali in tono assolutamente serio.

dream
Immagine creata con IA. Dov' il braccio?

Se avete dubbi in proposito, provate per esempio a chiedere a ChatGPT di raccontare, con il tono di un disk-jockey, un aneddoto sulla canzone composta da David Bowie per il film "Flash Gordon". Ci ho provato, ed ecco la sua risposta:

Ehi, ragazzi e ragazze! Siete pronti per un po' di storia sulla musica di David Bowie? Oggi voglio parlarvi di una canzone che ha scritto per uno dei film più iconici degli anni '80: "Flash Gordon"!

Allora, sappiate che Bowie era un grande fan del personaggio di Flash Gordon fin da quando era un bambino. Quando gli venne offerta l'opportunità di scrivere una canzone per la colonna sonora del film, non esitò a dire di sì! Così, nel 1980, Bowie scrisse "Flash", una canzone epica che catturava l'essenza del film.

Ma sapete una cosa interessante? Inizialmente, il regista del film, Mike Hodges, voleva utilizzare la musica dei Queen per la colonna sonora. Ma Bowie riuscì a convincerlo a dargli un'opportunità e così, con il supporto dei produttori, riuscì a convincere Hodges a includere "Flash" nella colonna sonora del film.

E non finisce qui! La canzone divenne un successo mondiale e riuscì a scalare le classifiche in diversi paesi. Ma la cosa più incredibile è che la canzone non solo si riferisce a Flash Gordon, ma ha anche un sapore spiccatamente "Bowie". Il ritmo martellante, le chitarre elettriche e la voce di Bowie rendono "Flash" un pezzo inconfondibile.

Ebbene, ragazzi e ragazze, questo è tutto per oggi! Vi ho raccontato la storia dietro "Flash" di David Bowie, una canzone iconica che ha contribuito a rendere il film "Flash Gordon" un successo. Spero che questa storia vi abbia fatto apprezzare ancora di più la grande musica di Bowie. Questo è ChatGPT, la vostra radio virtuale, a presto!

Questo è esattamente quello che ChatGPT mi ha generato, parola per parola. Una miscela tossica di fatti reali e di falsità, visto che il film Flash Gordon è si degli anni '80 ed è stato effettivamente diretto da Mike Hodges, ma la sua famosissima colonna sonora, e in particolare il brano Flash fu composta dai Queen, non da David Bowie, e decisamente non include la voce di Bowie.

Anche le prime recensioni di chi ha provato questo nuovo servizio di Spotify sono piuttosto perplesse e notano che la voce del DJ sintetico è estremamente realistica e naturale, ma i commenti e le presentazioni dei brani che offre hanno un contenuto estremamente blando e generico e a volte poco azzeccato. Forse i DJ e le DJ in carne e ossa, specialmente se capaci, interessanti e competenti, hanno davanti ancora parecchi anni di carriera serena.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (2)

Visto che per fare un DJ non occorre essere particolarmente intelligenti, hanno pensato bene che questa protointelligenza potesse andare bene, ed infatti in lingua inglese potrebbe ancora ancora scamparsela, visto che strutturalmente il lessico inglese piuttosto scarno e molto asettico, ed un DJ non deve raccontarci molte cose ma... Leggi tutto
25-3-2023 16:44

Chi paga per servizi come Spotify, lo fa' per poter ascoltare la musica senza interruzioni. Altrimenti, tanto vale ascoltare una radio online. Gratis. .
2-3-2023 15:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa utilizzi per inviare messaggi privati?
Uso varie applicazioni su qualsiasi dispositivo disponibile
Uso varie applicazioni sui miei dispositivi
Uso solo applicazioni affidabili su dispositivi di fiducia
Non invio messaggi privati online

Mostra i risultati (1047 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 settembre


web metrics