Florida, le Tesla alluvionate dall'uragano Idalia prendono fuoco

L'acqua salata non va troppo d'accordo con le batterie agli ioni di litio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-09-2023]

tesla uragano incendio

Come se non bastasse la distruzione causata dall'uragano Idalia, che nei giorni scorsi ha colpito la Florida, gli sventurati abitanti dello Stato americano stanno accorgendosi che, se possiedono una Tesla, devono iniziare a guardarla con sospetto.

Stando a quanto riporta CBS News, infatti, già due Tesla hanno preso fuoco dopo essere state sommerse a causa dell'uragano e senza che apparentemente ci sia stata un'altra causa per lo scoppio delle fiamme. Una, in particolare, stava semplicemente venendo trainata dai pompieri che l'avevano recuperata da una zona allagata.

I due avvenimenti sono stati sufficienti affinché il Palm Harbor Fire Department emanasse un avviso diretto a tutti i possessori di veicoli elettrici: costoro dovranno rimuovere le loro auto dai garage, e parcheggiarle lontano dalle abitazioni, se sono venute in contatto con acqua salata.

I vigili del fuoco di Palm Harbor spiegano infatti hce l'interazione tra l'acqua dell'oceano e le batterie agli ioni di litio può causare l'insorgere di fiamme: è pertanto necessario spostare in luogo sicuro tutti i veicoli elettrici, dalle auto ai monopattini fino alle biciclette.

L'avviso include un ulteriore avvertimento: non bisogna guidare i veicoli elettrici attraverso pozze di acqua salata, poiché - spiegano - questa potrebbe fungere da conduttore tra le diverse celle della batteria e innescare così un incendio.

Tutto ciò non è peraltro una novità. Il sito di Tesla ospita da tempo un avvertimento analogo a quello dei pompieri della Florida, tramite il quale si invita a spostare i veicoli che sono finiti sott'acqua per un certo periodo di tempo ad almeno 15 metri «da strutture e altri materiali combustibili, come altri veicoli».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La palla che doma gli incendi
HP richiama i fax a rischio incendio
Incendio in Aruba, un milione e mezzo di siti italiani down

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

Nei primi del 900 il costo della auto era cosi elevato che solo i ricchi potevano comprarle, ed erano anche quelli che potevano permettersi l'allaccio alla rete elettrica municipale :wink: Leggi tutto
18-9-2023 16:33

se non avessero scoperto il petrolio, con 100 anni di evoluzione di elettrico ora saremmo davvero con macchine futuristiche Leggi tutto
15-9-2023 13:58

Piccolo inciso: nei primi del '900 la maggior parte delle abitazioni non aveva l'energia elettrica quindi per ricaricare era necessario portare il veicolo nelle apposite stazioni di ricarica.
10-9-2023 22:46

in una auto elettrica le batterie sono una componente molto pesante che per˛ pu˛ essere spacchettata e distribuita lungo il veicolo, e per migliorare la stabilitÓ del veicolo conviene metterle in basso. Detto questo l'ingengeria navale da 130 anni fornisce soluzioni idonee alla impermeabilizzazione delle batterie dal rischio di contatto... Leggi tutto
10-9-2023 13:30

purtroppo le batterie sono tutte e fanno parte dello chassis auto, se fate caso alle auto "NORMALI" le batterie sono messe in alto, quindi giÓ sapevano i problemi di conduttivita
10-9-2023 12:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto spam ricevi in media ogni giorno?
Uno o due messaggi
Meno di dieci messaggi
Tra i dieci e i venti messaggi
Tra i venti e i cinquanta messaggi
Tra i cinquanta e i cento messaggi
Tra i cento e i cinquecento messaggi
Oltre cinquecento messaggi

Mostra i risultati (3759 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 ottobre


web metrics