Dall'Authority a dirigente Telecom

Nel giro di qualche mese Francesco Nonno da controllore diventa controllato e si troverà così ad applicare regole che lui stesso ha contribuito a definire. Possiamo aspettarci imparzialità dall'Authority, quando accadono episodi di questo genere?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-07-2004]

Circa tre mesi fa Telecom Italia ha assunto Francesco Nonno e gli ha affidato l'incarico di dirigere la funzione Regulatory della sua divisione internazionale (Telecom Italia Sparkle).

Qualcuno si chiederà che cosa ci sia di strano in una normale nomina dirigenziale. La particolarità della nomina è che Francesco Nonno, prima di andare a lavorare in Telecom Italia come responsabile degli affari regolatori e cioè dei rapporti con l'Authority delle Tlc, con il Ministero delle Comunicazioni, con l'Unione Europea, e con gli altri organismi internazionali, era dirigente del dipartimento Vigilanza e Controllo dell'Authority stessa.

Nel gioro di qualche mese Francesco Nonno si è ritrovato da controllore a controllato: è saltato dall'altra parte del tavolo e si troverà ad applicare regole che lui stesso ha contribuito a definire.

Per Nonno il salto di qualità è notevole: da dirigente pubblico, con una buona retribuzione ma senza benefit, si è ritrovato con una retribuzione annua per lo meno raddoppiata, con telefonino, auto, casa aziendali, sanità e previdenza completamente a carico della nuova azienda, il piano di stock options azionarie previsto per i dirigenti Telecom Italia.

Anche per l'immagine e l'onorabilità delle istituzioni pubbliche il salto è notevole, ma non si tratta propriamente di un salto di qualità. Cosa possono pensare i cittadini dell'imparzialità dei funzionari dell'Authority se questi, senza far passare molto tempo, vanno a lavorare in posizioni di prestigio e responsabilità presso le imprese che avrebbero dovuto controllare?

In Telecom Italia, tanto per non andare lontani, spesso si vincolano i massimi dirigenti ad accordi di non concorrenza con la loro ex azienda, quando questi la lasciano. E' un comportamento perfettamente legittimo: ma perché questo non vale anche per l'Authority?

Non sono questioni trascurabili: la legge sul conflitto di interessi, appena definitivamente approvata dal Parlamento, affida all'Authority, insieme all'Antitrust, nuovi e importanti compiti di vigilanza sulle attività economiche del Presidente di Consiglio (non solo quello di oggi ma anche quello di domani) e dei ministri per verificare che questi non approfittino della loro posizione per favorire le proprie aziende o quelle dei congiunti più stretti.

Cosa penseremmo se un funzionario dell'Authority, dopo aver vigilato sul fatto che le politiche di Berlusconi non favoriscano le sue Tv, andasse a lavorare in Mediaset per curare i rapporti con l'Authority? Ci stracceremmo tutti le vesti. Il caso di Nonno è un pericoloso precedente.

Il presidente del Comitato Etico dell'Authority è il professor Leopoldo Elia. Il Comitato Etico è un organismo preposto a vigilare sul comportamento dei commissari e dell'Authority stessa: in altre parole deve verificare l'effettivo rispetto del codice ed eventualmente può formulare proposte di norme e procedure per favorire la massima trasparenza e il massimo rispetto della legalità.

Leopoldo Elia è un insigne costituzionalista, tanto da essere stato anche Presidente della Corte Costituzionale; è stato anche senatore, deputato, nonché ministro nel governo Ciampi, ed è riconosciuta da tutti la sua serenità, onestà e competenza.

Sarebbe bene che Elia prendesse a cuore questa vicenda, suggerendo quelle norme regolamentari e se necessario legislative, perché cose del genere non accadano mai più.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

egosumquisum
qualcuno mi spiega? Leggi tutto
23-7-2004 19:00

mmmmmmmm..... Leggi tutto
23-7-2004 18:54

bob
aumma aumma!! Leggi tutto
23-7-2004 14:13

Marcello
sempre sempre sempre pensiero desiderante italiano Leggi tutto
22-7-2004 20:38

egosumquisum
non ci vedo Leggi tutto
22-7-2004 11:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa ti trattiene dall'installare Linux?
Tutti quelli che conosco hanno Windows: con chi potrei scambiare dati e software?
Non ho voglia di imparare un nuovo sistema operativo e dei nuovi programmi.
Alcuni miei componenti hardware non vengono riconosciuti.
Ci sono alcuni software che utilizzo sotto Windows che mi sono indispensabili.
Semplicemente non sento l'esigenza di passare a Linux.
Ho intenzione di farlo nel prossimo futuro.
Nessun motivo mi impedisce di passare a Linux, infatti giÓ lo utilizzo con soddisfazione.

Mostra i risultati (11384 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics