Microsoft abbassa la cresta

I capi di Windows ora ammettono: sui server il pinguino esiste e va pure forte. Anche sui desktop, ma è tutta colpa del flipping.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2005]

Un gallo in posizione aggressiva

Aria nuova a Redmond: è di pochi giorni fa un inatteso annuncio, da parte di Steve Ballmer, amministratore delegato: Microsoft fornirà il supporto per Linux all'interno della mega patch per Virtual Server 2005 (un'applicazione che consente di eseguire simultaneamente più sistemi operativi all'interno di Windows Server), che uscirà alla fine di quest'anno. Attualmente, è già possibile far girare Linux con VS2005, ma Microsoft non fornisce il proprio supporto tecnico per queste configurazioni.

Grandi novità, dunque, visto che, nei confronti del pinguino, Bill Gates e soci hanno sempre avuto un atteggiamento che sarebbe eufemistico chiamare ostile. Prima hanno spocchiosamente finto che non ci fosse, poi, di fronte alla certezza di essere ridicoli, ne hanno ammesso l'esistenza.

Ma lo hanno fatto sempre con astio. Nel 2001 Ballmer dichiarò "Dal punto di vista della proprietà intellettuale, Linux è un cancro che si attacca a tutto quello che tocca e lo distrugge". Più recentemente, sono partite due crociate dai toni epici, a suon di analisti indipendenti, che hanno cercato di colpire i punti di forza di Linux, con due imperiosi proclami: Windows costa meno, ed è più sicuro di Linux.

La manifesta inverosimiglianza di queste affermazioni ha creato imbarazzo anche tra i sostenitori di zio Bill, e ha messo in crisi la credibilità degli analisti indipendenti, che sulla propria terzietà hanno sempre fatto il perno della loro esistenza tecnica ed economica.

Ora la svolta, confermata anche da Jim Allchin, vice presidente del gruppo Microsoft con responsabilità sullo sviluppo piattaforme, che, parlando del futuro di Windows, ha avuto qualcosa da dire a riguardo della concorrenza. "Linux, discendendo da Unix, sarà il vincitore dell'attuale battaglia dei server."

Niente male, eh? Per chi non è ancora svenuto, il vice presidente prosegue: "Ma noi siamo felici, perché guadagnamo quote considerevoli di mercato." Traduzione: non solo Windows riconosce la superiorità (almeno commerciale) di Linux, ma si ritiene soddisfatta del proprio ruolo di outsider. C'è di che restare basiti.

Lo scenario dipinto da Allchin è più o meno questo: Linux guadagnerà terreno a spese dei sistemi operativi Unix proprietari, come AIX, HP-UX, e Solaris (che comunque abbandonerà presto la sua natura proprietaria). Anche Microsoft guadagnerà, anche se poco, e questo comunque non sarà sufficiente a tamponare l'avanzata del free software nel suo complesso.

Se qualcuno teme che un virus di buonsenso e di obiettività si sia impossessato dei cervelli degli uomini di Redmond, può stare tranquillo: nel prosieguo dell'intervista, che riguarda il settore desktop, Allchin appare molto meno caritatevole, recuperando la boria di sempre. Qui il pinguino diventa, a suo dire, "un fenomeno che dura 24 ore."

Secondo zio Jim, per la maggior parte dei computer nuovi con Linux preinstallato, si adotta la tattica del flipping: una volta portato a casa il PC, Linux è velocemente cancellato e sostituito con una copia piratata di Windows, in genere entro 24 ore.

Questa pratica sarebbe particolarmente usata nei mercati Asiatici, dove impazza la pirateria software. Ciò falserebbe le statistiche, secondo Jim Allchin. Inutile dire come tutta questa attenzione al flipping, sulla cui esistenza non ci permettiamo di dubitare, distoglie lo sguardo dal vero problema per gli uomini Microsoft.

Sempre più utenti si dichiarano insoddisfatti di Windows, e dopo l'uscita di Longhorn, accompagnata dai primi pezzi di Palladium, presumibilmente i vincoli alla libertà di utilizzo diventeranno ancora più insopportabili. La diffusione di Linux, per quanto attualmente sopravvalutata dalle statistiche, metterà a loro disposizione un sistema libero, efficiente e funzionale. Più di qualcuno, a nostro parere, aprirà gli occhi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

tieffe
Mah! Leggi tutto
9-5-2005 22:30

malex
flipping inverso Leggi tutto
5-5-2005 11:30

Pietro F.
novello linuxiano Leggi tutto
4-5-2005 11:28

THe_ZiPMaN
Flipping Leggi tutto
4-5-2005 00:54

Ciccio
Boh .... Leggi tutto
3-5-2005 21:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I cartelli di avviso inducono gli automobilisti a manovre di emergenza, frenando di colpo per poi accelerare nuovamente una volta passato l'autovelox. È allo studio un progetto di rimuovere tutte le segnalazioni anche da app e navigatori: sei d'accordo?
Sì, le strade saranno più sicure
No, servirà solo ad aumentare le multe

Mostra i risultati (2220 voti)
Settembre 2020
L'aggiornamento che rallenta e surriscalda i Chromebook
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Tutti gli Arretrati


web metrics