La guerra del 12: i lavoratori e i clienti

La nuova società dell'892892 e Telecom Italia si fanno la guerra nei tribunali per spartirsi il mercato dei servizi di informazione. Ma chi si occupa dei diritti dei lavoratori e dei clienti?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-08-2005]

Telecom Italia ha fatto causa a "Il Numero", così si chiama la società italiana aperta dal gruppo americano Infoxx, che ha lanciato il suo nuovo servizio di informazioni elenco abbonati 892892, con un'imponente e memorabile campagna pubblicitaria. La campagna pubblicitaria omette di dire quale sia la società che sta dietro l'892892 che prenderà il posto del 12 di Telecom Italia, chiuso per decisione dell'Authority dal 1° Ottobre tanto che, perfino, molti dipendenti di Telecom Italia hanno creduto in buonafede che si trattasse di una campagna del maggiore gestore telefonico italiano.

Per Telecom Italia si tratta di una campagna ingannevole, volta a far credere che questo servizio sia di Telecom Italia, che, invece, ha il suo 892412, soprattutto utilizzando il colore rosso per le tute dei due bruttissimi ed ormai famosi ballerini, colore sociale per eccellenza di Telecom Italia che lo usa per cabine, auto aziendali e nel logo. Sarà difficile, un precedente in assoluto, che i giudici sentenzino un "copyright" di Telecom Italia sull'utilizzo del rosso in pubblicità, pensiamo ai poster giganteschi dei Ds e delle Feste dell'Unità che campeggiano sui muri delle principali città italiane.

Quelli de Il Numero replicano con una controquerela basata sul fatto che nei mesi scorsi gli operatori dei servizi 12/412 hanno svolto un'ampia promozione dell'892412 invitando tutti i clienti a chiamarlo. Anche qui la pretesa de Il Numero è in parte infondata: Telecom Italia aveva il diritto di far sapere ai propri clienti che il 12 spariva e sarebbe stato sostituito da un nuovo servizio, certamente lo aveva sul 12 mentre è più opinabile che lo avesse sul 412 dove il cliente che chiama paga a tempo, ma potrebbe, eventualmente, chiedere il rimborso delle frazioni di minuto pagate per sentire la promozione.

Mentre i due gestori litigano , ambedue colossi multinazionali, Telecom è il gestore monopolista di fatto del mercato telefonico italiano mentre Infoxx è il maggiore operatore del mondo nel settore delle Directories assistance chi ne fa le spese sono clienti e lavoratori. I clienti, perché per conoscere un numero telefonico saranno costretti a chiamare una numerazione che inizia con l'892 per la quale, spesso, hanno chiesto una disabilitazione permanente, per evitare i pericoli e gli imbrogli dei dialer e quindi non potranno chiamare oppure peché hanno una disabilitazione temporanea che, ogni volta, dovranno disattivare o riattivare per conoscere un numero telefonico. Inoltre, i prezzi, alla faccia della concorrenza, sono quasi uguali fra i diversi gestori, intorno all'1,50 euro al minuto di conversazione contro i 55 centesimi che, per esempio, fa pagare la Telefonica spagnola ai suoi clienti. Un salasso incredibile che i clienti italiani non meritano.

A pagare saranno anche i lavoratori: l'Authority avrebbe dovuto porre alcune condizioni obbligatorie a chi voleva operare nel settore: l'adozione del contrato nazionale delle Tlc per i dipendenti, l'utilizzo preferenziale di contratti a tempo indeterminato comunque non a tempo e con collaborazione autonoma, l'investimento in progetti di formazione professionale e, invece, a parità di costi per il cliente finale la concorrenza verrà giocata tutta sul costo del lavoro e sulla flessibilità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

Nonno infelice
Ma chi si occupa dei diritti ??? Leggi tutto
14-9-2005 18:09

alfredo Schiatti
roba da pazzi Leggi tutto
4-9-2005 19:26

Gwain
Precisazione per Andrea Maria Arrigo Leggi tutto
4-9-2005 01:23

marco
vorrei sapere se chi è che decidono queste tariffe e su che cosa si basano visto che x la meta dei costi non riceviamo alcuna informazione con pagine bianche ho cercato un utente e digitando (lentamente) il nome e la citta' ci homesso 30 secondi loro non meno di 3 minuti
3-9-2005 13:08

embè? Leggi tutto
2-9-2005 11:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole a tassare l'uso del denaro contante per diffondere l'uso della moneta elettronica?
Totalmente favorevole.
Favorevole, ma timoroso della sicurezza delle transazioni.
Favorevole, ma bisogna tutelare chi non vuole o non sa usare la moneta elettronica.
Totalmente contrario.
Basterebbe abolire i costi bancari sulle transazioni elettroniche.

Mostra i risultati (5642 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics