Falso scoop sul web, e le azioni Apple crollano

Bruciati quattro milioni di dollari per una falsa notizia apparsa sul sito Engadget.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-05-2007]

Foto di Jari Lehtikangas

Sono bastate sette righe pubblicate dal sito Engadget a far crollare il titolo Apple e a causare una perdita netta di 3 milioni di euro. Il noto sito di tecnologia aveva infatti pubblicato la notizia che l'atteso iPhone di Apple avrebbe subito un ritardo quattro mesi (da giugno a ottobre) e che anche la nuova versione del sistema operativo dei Macintosh "Leopard" avrebbe subito un ritardo e sarebbe invece uscita il prossimo gennaio.

Ecco come sono andate le cose. I dipendenti Apple mercoledì mattina hanno ricevuto nella loro mailbox quella che sembrava una comunicazione ufficiale dell'azienda e che annunciava i ritardi dei due prodotti. Un impiegato ha inoltrato immediatamente la comunicazione al sito Engadget, che - verificata velocemente la fonte - ha pubblicato la notizia, che è ancora disponibile online:

This one doesn't bode well for Mac fans and the iPhone-hopeful: we have it on authority that as of today, the iPhone launch is being pushed back from June to... October (!), and Leopard is again seeing a delay, this time being pushed all the way back to January. Of 2008. The latest WWDC Leopard beta will still be handed out, but it looks like Apple-quality takes time, and we're sure Jobs would remind everyone that it's not always about "writing a check", but just how much time are these two products really going to take?
Il messaggio email sembrava provenire veramente da Apple e aveva tutte le caratteristiche per sembrare una reale comunicazione ufficiale dell'azienda. La notizia però si è rivelata falsa, ossia non proveniente da Apple, e dopo appena venti minuti la casa di Cupertino ha pubblicato una smentita, ripresa anche da Engadget. Tuttavia questo non ha impedito al titolo Apple di crollare: le azioni sono passate da 107 dollari a 103 103, bruciando qualcosa come quattro milioni di dollari (circa tre milioni di euro).

Il titolo poi è risalito, ritornando a fine giornata ai livelli di apertura, ma le azioni sono comunque passate di mano: chi le ha comprate nel momento di massimo ribasso è riuscito a guadagnare cifre notevoli, mentre chi le ha vendute temendo ulteriori crolli è rimasto con le pive nel sacco.

Al riguardo ha aperto un'indagine la commissione di vigilanza della Borsa (SEC, Security and Exchange Commission): l'ipotesi più accreditata, infatti, è che la manovra sia stata provocata ad arte e che dietro ci sia un intento speculativo.

L'accaduto fornisce lo spunto per alcune considerazioni. In particolare si riapre il dibattito tra sostenitori e detrattori dei blog e in generale dei siti di informazione, che spesso pubblicano notizie in fretta, senza le necessarie verifiche e magari correggendole successivamente. Questa è però ormai una caratteristica della società dell'informazione, che coinvolge anche i grandi quotidiani online e non soltanto i siti più piccoli.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Bisognerebbe controllare QUANTE notizie false o falsificate dicono i giornali e TV ... Probabile che i Blog siano pi¨ veritieri !!! :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: Ciao Leggi tutto
20-5-2007 23:19

troppo spesso si urlano notizie prima di confermarle Leggi tutto
19-5-2007 16:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sempre pi¨ siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessitÓ del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (5695 voti)
Settembre 2023
Unity cede alle proteste e rivede le licenze
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 settembre


web metrics