Pagare con lo sticker attaccato al telefonino o all'iPod

Potremo dire addio a carte di credito e tessere varie: un adesivo applicato al cellulare permetterà di effettuare i pagamenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-10-2008]

Inside Contactless Micropass Rfid sticker adesivo

Un'etichetta adesiva trasformerà il cellulare "in un super portafoglio" che renderà obsolete le carte di credito. A fare questa previsione è Charles Walton, vicepresidente dell'azienda francese Inside Contactless.

Constatando come i pagamenti tramite telefonino non abbiano mai preso piede e considerando un inutile orpello l'abbondanza di carte di credito e tessere varie con chip a radiofrequenza (Rfid) che abbondano nelle tasche di ognuno, Inside Contactless ha deciso di creare uno strumento pratico e poco ingombrante per semplificare i pagamenti: un adesivo.

Questo sticker, che contiene a sua volta un chip Rfid, può essere applicato dovunque si voglia ma i suoi ideatori ritengono che il posto migliore sia il telefono cellulare: basterà a quel punto avvicinare il telefonino a un lettore e la transazione verrà effettuata automaticamente, senza bisogno di tessere o altro.

una carta in un formato diverso, più utile" ha sottolineato l'analista di Abi Research Jonathan Collins.

Stando alle assicurazioni dell'azienda, grazie alla tecnologia MicroPass questo sistema di pagamento dovrebbe anche essere più sicuro dei chip Rfid tradizionali, che hanno dato prova in qualche caso di una certa debolezza: "Usiamo un microprocessore con tecniche di sicurezza che seguono standard aperti", ha spiegato Walton, secondo il quale gli sticker con MicroPass "non possono essere clonati in quel modo".

Ora la parola passa agli utenti, che decreteranno il successo degli adesivi a radiofrequenza se li riterranno utili o la loro scomparsa in caso contrario.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2436 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 ottobre


web metrics