La polizia trova il ladro con Facebook

A Queenstown (Nuova Zelanda) la polizia identifica un ladro grazie agli utenti del social network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-01-2009]

Ladro arrestato grazie a Facebook Nuova Zelanda

Anche Facebook ha la sua utilità: oltre a permettere a milioni di persone di mettersi in mostra consente alla polizia di arrestare i ladri.

È successo in Nuova Zelanda dove la polizia di Queenstown ha diffuso le immagini di un ladro ripreso dalle telecamere di sicurezza del pub che stava cercando di svaligiare (senza peraltro riuscire ad aprire la cassaforte).

L'uomo, un ventunenne, si era attrezzato con guanti e passamontagna per compiere il proprio "lavoro" ma, sopraffatto dal caldo, li aveva levati mostrando così il volto alla telecamera.

La polizia ha diffuso le immagini registrate sia tramite i mezzi tradizionali - come i vari notiziari - che su Facebook. Proprio alcuni utenti di Facebook l'hanno riconosciuto e hanno segnalato la sua identità alla polizia, che ha arrestato il colpevole.

"Abbiamo trovato un nuovo modo per acciuffare i criminali" hanno commentato le autorità. "Certo, Facebook non ci permetterà di scovare tutti i delinquenti, ma già il fatto che ci può aiutare è una cosa positiva".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Ladri di auto traditi dal Bluetooth

Commenti all'articolo (2)

Già! Con 'sto "Libro delle Facce" ci hanno fracassato i maroni!
16-1-2009 18:23

Sarà pubblicità per facebook
15-1-2009 23:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (2085 voti)
Gennaio 2022
Iliad smentisce le voci di fusione e lancia la fibra
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics