AGCOM, le nuove regole sul copyright ispirano fiducia

La bozza in consultazione pubblica pare ispirata al buon senso: forse è finita davvero la caccia alle streghe contro gli utenti del peer to peer.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2013]

agcom cardani regolamento copyright

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Nuove regole AGCOM: difendere il copyright bloccando i siti

Stupisce per il buon senso che pare trasparire dalle sue pagine lo schema di regolamento sulla tutela del diritto d'autore online approvato dall'AGCOM.

A differenza delle regolamentazioni viste in altri Paesi (come quella che per lungo tempo ha tormentato la Francia), quella che l'Autorità presieduta da Angelo Marcello Cardani sta ora sottoponendo a consultazione pubblica per 60 giorni lascia ben sperare.

I principi cui si ispira, infatti, non comprendono unicamente la tutela del copyright a ogni costo ma tengono in conto i diritti fondamentali dei cittadini, dalla libertà di manifestazione del pensiero al diritto di accesso a Internet, senza dimenticare la privacy.

L'AGCOM afferma esplicitamente che nel mirino non ci sono «gli utenti finali (downloaders) e il cosiddetto peer-to-peer», esclusi «dal perimetro di intervento» delle azioni repressive.

Invece, «l'Autorità si concentra sulle violazioni esercitate con finalità di lucro e assegna carattere assolutamente prioritario alla lotta contro la pirateria massiva».

Anche nella messa in atto delle misure per eliminare la pirateria, l'AGCOM afferma di voler mettere in campo azioni «improntate a gradualità e proporzionalità, tenendo conto della gravità della violazione e della localizzazione del server».

Niente più censure di massa, insomma, ma colpi "chirurgici" che punteranno a eliminare unicamente il materiale in violazione, senza far sparire interi siti solo perché un unico file è in violazione.

Se il server responsabile dell'illecito si troverà in Italia, infatti, innanzitutto si cercherà di contattare il responsabile del sito affinché rimuova il materiale incriminato; solo qualora costui non risponda si chiederà al provider di provvedere all'oscuramento.

Inoltre ogni azione potrà essere intrapresa unicamente dietro denuncia dei titolari dei diritti: non si potrà agire d'ufficio.

Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2481 voti)
Leggi i commenti (12)

La strategia proposta dall'AGCOM non si limita però a fornire strumenti per la rimozione del materiale pirata, ma offre anche un aspetto propositivo ricordando come «la lotta all'illegalità non possa limitarsi all'opera di contrasto, ma debba essere accompagnata da una serie di azioni positive di importanza cruciale: la promozione dell'offerta legale, l'informazione e l'educazione dei consumatori, essenziali per creare una cultura della legalità nella fruizione dei contenuti».

Soddisfatto della bozza s'è detto Enzo Mazza, presidente di FIMI: «L'impostazione data dall'AGCOM mi sembra in linea con l'obiettivo di colpire quelle iniziative illegali che danneggiano seriamente lo sviluppo dell'offerta digitale di musica» ha dichiarato Mazza.

«Oggi, con un mercato della musica online che sfiora in Italia il 40 per cento e con un'offerta sempre più vasta, è fondamentale colpire la concorrenza parassitaria di portali abusivi» - ha proseguito il presidente di FIMI - «e su questo principio l'azione di Agcom, con il potere di richiedere agli ISP la disabilitazione dei siti, ovvero il blocco, potrà essere efficace; ad oggi i siti bloccati in Italia dalla magistratura hanno avuto un calo di accessi di oltre l'80 per cento».

Anche Marco Polillo, presidente di Confindustria Cultura Italia, ha espresso apprezzamenti, anche se si riserva di valutare meglio il documento prima di esprimere un giudizio finale: «Mi sembra» - ha dichiarato - «che lo schema contenga tutti i presupposti per operare una seria, efficace e non invasiva azione di contrasto alla pirateria online che consentirebbe l'inizio di una nuova era nello sviluppo dell'offerta legale di contenuti digitali».

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Regolamento AGCOM sul copyright, sospetti di incostituzionalità

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)


@etabeta La questione Ŕ vecchia e molto trattata. E' vero che esiste anche chi contesta brevetti e copyright in assoluto, ma si tratta della frangia estremista che non fa testo. Anche se poi, cercando, forse, qualche testo che ne spiega le ragioni si dovrebbe trovare. I pi¨ non vogliono affatto abolire il C. Non Ŕ in corso nessuna lotta... Leggi tutto
29-7-2013 19:14

Vedi Zieva, scusa se parlo a te per parlare a tutti ma diciamoci la veritÓ. Non Ŕ un po' da "cliccoscimmie" lamentarsi sterilmente per il copyright e poi foraggiare i fautori del copyright? Onestamente il copyright ha motivo di essere, ognuno Ŕ libero di vivere "onestamente" (se togliamo l'evasione fiscale di... Leggi tutto
29-7-2013 01:00

@Roberto1960 Ma certamente! Per me vanno bene Enya, o un concerto per arpa, o qualcosa di simile. Grazie.
28-7-2013 23:44

Non so se sia colpa di ZN o proprio del comunicato AGCOM, ma la notizia contiene una grave lacuna. Si parla di cosa farÓ l'AutoritÓ nel caso il server responsabile dell'illecito si trova in Italia, ma nulla si dice nel caso (temo pi¨ frequente) sia invece fuori dei confini nazionali. In questo caso cosa ci si propone di fare? ... Leggi tutto
28-7-2013 10:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (1235 voti)
Dicembre 2022
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 dicembre


web metrics