Una minaccia tutta italiana per i Google Glass

GlassUp, gli occhiali a realtà aumentata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-08-2013]

GlassUp

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
GlassUp, gli occhiali a realtà aumentata tutti italiani

La questione è nata quando Google - che circa un anno fa ha registrato i marchi Google Glass e Glass - si è accorta che nello scorso ottobre Francesco Giartosio ha registrato il marchio GlassUp.

Google ha registrato i propri marchi nella categoria Elettronica di consumo non potendolo fare nella categoria Abbigliamento dove Glass, ossia la parola inglese utilizzata per dire Occhiale, è considerata un termine generico e dunque non trasformabile in marchio. Tra l'Elettronica di consumo, invece, Glass non è considerato termine generico, e pertanto è trasformabile in marchio.

Per Giartosio, però, questo ragionamento non funziona ed è anzi pericoloso: entrambi i prodotti - i Google Glass e GlassUp - sono davvero degli occhiali e la labilità del confine, in questo caso, tra dispositivi elettronici e capi di abbigliamento rende problematica l'assegnazione di un marchio esclusivo.

In altre parole: dato che sia i Glass che i GlassUp sono occhiali, entrambi dovrebbero poter utilizzare il termine inglese generico che li identifica. Il termine Glass non dovrebbe poter essere concesso come marchio ad alcuno.

Google, ovviamente, è di avviso diverso: ritiene che il termine Glass le appartenga, e che nessun altro possa usarlo. Per questo nello scorso marzo ha chiesto a Giartosio di rinunciare a GlassUp, affermando che in caso contrario si sarebbe rivolta all'Ufficio Marchi, facendo opposizione.

Sondaggio
Qual Ŕ il tuo approccio con la tecnologia?
La ostacolo con tutte le mie forze: porta solo guai, inquinamento, distruzione e guerra. Il mio stile di vita ideale e' quello degli Amish della Pennsylvania.
Sono poco interessato, uso le macchine al minimo indispensabile, e solo per l'utilizzo pratico. Per esempio, uso il telefono per comunicare, l'auto per muovermi sulle lunghe distanze e il computer per fare strani calcoli elaborati.
La tecnologia non e' buona o cattiva, essa si limita a fornirci degli strumenti piu' potenti. Se vengono usati a fin di bene o male, il merito o la colpa sono solo nostri.
Amo circondarmi di macchinette che fanno cose fino a ieri impensabili. Essere aggiornato e' per me un sottile godimento, per certi versi una piacevole dipendenza.

Mostra i risultati (4153 voti)
Leggi i commenti (8)

Per la startup italiana il problema è anche più ampio: se si concede a Google - seppure in una categoria diversa da Abbigliamento - la registrazione del marchio, si rischia di consegnare nelle mani dell'azienda americana tutte le parole relative ai capi di abbigliamento "intelligenti": la Grande G, per esempio, sta anche pensando alle Smart Shoes (le scarpe intelligenti).

Ci vorranno mesi prima che l'Ufficio Marchi prenda una decisione che è comunque figlia di una procedura amministrativa, non di una causa legale: entro la fine dell'anno si dovrebbe arrivare a una decisione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

@Roberto1960 Non Ŕ che pretendono di aver ragione, la ottengono semplicemente grazie alla loro influenza ed ai loro soldi. :cry: In quanto alla tua ultima frase sono sicuro che qualcuno ci ha giÓ pensato e presto ci verranno richieste le royalties... :wink:
3-9-2013 19:13

Hai perfettamente ragione! Purtroppo viviamo in un mondo dominato dalle multinazionali. Persino quando assumono posizioni che non sono solamente paradossali, ma addirittura assurde ed in palese contrasto con il senso comune e la logica, pretendono di aver ragione. Prima o poi qualche grande azienda penserÓ a brevettare la tecnologia... Leggi tutto
29-8-2013 14:27

L'azienda che ha inventato un'applicazione di mappe che si chiama "mappe" e un paio di occhiali tecnologici che si chiamano "occhiali" si lamenta se altre ditte che costruiscono occhiali tecnologici li chiamano "OcchialiSu"??? :lol: :lol: :lol: E' una ditta americana, sicuramente vincerÓ la causa! ... Leggi tutto
14-8-2013 18:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli spazi per i commenti alle notizie, in che modo si comportano i maggiori siti di informazione online?
Sono eccessivamente censori. Se i loro articoli subissero lo stesso trattamento, accuserebbero di dittatura.
Mostrano una spudorata tendenza a privilegiare i commenti favorevoli alle loro linee editoriali.
Si limitano alle normali regole del vivere civile e delle leggi in vigore.
Danno importanti spazi e a volte dovrebbero contenere gli "ardori" dei commentatori con maggiore decisione.
Sodoma e Gomorra! Va bene la libertÓ d'opinione ma c'Ŕ un limite a tutto.

Mostra i risultati (1460 voti)
Giugno 2023
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Windows 11 in versione live
Western Digital violata, sottratti 10 Tbyte di dati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 giugno


web metrics