GlassUp, gli occhiali a realtà aumentata tutti italiani

Si collegano allo smartphone via Bluetooth e mostrano messaggi e informazioni. Ma per Google sono una minaccia al successo dei Glass.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-08-2013]

I Google Glass, gli occhiali a realtà aumentata creati dal colosso di Mountain View, sono l'esempio più noto di questo genere di dispositivi. Ma c'è un gruppo di italiani che sta lavorando a un progetto analogo sin dal 2011.

Già allora, infatti, Francesco Giartosio, Gianluigi Tregnaghi e Andrea Tellarin avevano iniziato a pensare a un paio di occhiali "evoluti", in grado di interfacciarsi con lo smartphone.

Nacque così il progetto - e quindi la startup GlassUp, votata alla produzione degli omonimi occhiali.

L'idea è parzialmente diversa da quella di Google. I GlassUp utilizzano la tecnologia Bluetooth per trasformarsi in un secondo schermo dello smartphone, sul quale far apparire le informazioni: notizie, messaggi, tweet, mappe, informazioni meteo e via di seguito appaiono direttamente davanti agli occhi.

Si possono quindi ipotizzare scenari in cui mentre si guida la mappa scorre sullo schermo degli occhiali, senza necessità di distogliere lo sguardo dalla strada per consultare lo schermo del navigatore, o più semplicemente occasioni in cui la ricetta che si vuole preparare è sempre "a portata di occhi" mentre si cucina.

Sondaggio
Secondo te, in quale di questi campi la realtÓ aumentata potrebbe portare pi¨ innovazione?
Medicina
Beni culturali
Videogiochi
Entertainment
Architettura
Altro (specificare nei commenti)
RealtÓ de che?

Mostra i risultati (2839 voti)
Leggi i commenti (19)

Si tratta di un'idea nata per tutte quelle situazioni in cui non è possibile utilizzare le mani oppure non si possono distogliere gli occhi da quello che si sta facendo, eppure nello stesso tempo si ha bisogno di consultare qualche informazione.

I GlassUp si basano su un sistema ottico costituito da display, lente, prisma e led; un circuito apposito (batteria, memoria, chip Bluetooth e touchpad) si occupa di gestire l'elaborazione del testo: i messaggi appaiono in modalità monocromatica su sfondo trasparente, permettendo così di continuare a osservare la realtà circostante.

Ogni informazione appare per pochi secondi sulla lente di destra, ed è l'utente a scegliere il tipo di messaggi che desidera appaiano, in base alle app presenti sul suo smartphone (che funge da "cervello" degli occhiali); i GlassUp sono compatibili sia con Android che con iOS. L'articolo prosegue dopo il filmato.

L'arrivo sul mercato è previsto per il febbraio del 2014. Nel frattempo l'azienda omonima si sta occupando di migliorare i prototipi e per farlo ha indetto una raccolta fondi su Indiegogo aperta ancora per qualche giorno, sino all'8 agosto.

Per allora dovrebbe essere risolta anche la questione che vede Google opporsi a GlassUp per questioni di marchio: i nomi dei due prodotti - GlassUp e Google Glass - sono infatti troppo simili perché le due aziende non arrivassero a confrontarsi, come illustrato nella seconda pagina di questo articolo.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Una minaccia tutta italiana per i Google Glass

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Samsung sfida Google con i Galaxy Glass
Al cinema coi Google Glass, arrestato per pirateria
Gli occhiali per gli ipovedenti
Ikea porta la realtà aumentata nel tuo appartamento
Il primo porno girato coi Google Glass
Il chirurgo coi Google Glass
Google Glass, un pericolo per la privacy?
Gorilla Glass, dagli smartphone alle auto
Alternativa a Google Glass? Gli occhiali di Atheer
Google Glass, arrivano le app porno
Google Glass, partono gli inviti per gli utenti comuni
Google Glass, ecco le specifiche e il prezzo

Commenti all'articolo (4)

@Roberto1960 Non Ŕ che pretendono di aver ragione, la ottengono semplicemente grazie alla loro influenza ed ai loro soldi. :cry: In quanto alla tua ultima frase sono sicuro che qualcuno ci ha giÓ pensato e presto ci verranno richieste le royalties... :wink:
3-9-2013 19:13

Hai perfettamente ragione! Purtroppo viviamo in un mondo dominato dalle multinazionali. Persino quando assumono posizioni che non sono solamente paradossali, ma addirittura assurde ed in palese contrasto con il senso comune e la logica, pretendono di aver ragione. Prima o poi qualche grande azienda penserÓ a brevettare la tecnologia... Leggi tutto
29-8-2013 14:27

L'azienda che ha inventato un'applicazione di mappe che si chiama "mappe" e un paio di occhiali tecnologici che si chiamano "occhiali" si lamenta se altre ditte che costruiscono occhiali tecnologici li chiamano "OcchialiSu"??? :lol: :lol: :lol: E' una ditta americana, sicuramente vincerÓ la causa! ... Leggi tutto
14-8-2013 18:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversitÓ: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra pu˛ portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccitÓ e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'aciditÓ dei mari.

Mostra i risultati (1774 voti)
Aprile 2021
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 aprile


web metrics