Il social network per i bambini apre in Italia

Debutta Twigis, dedicato ai bambini dai 6 ai 12 anni. Offre giochi, chat, bacheche e un occhio particolare per la privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-09-2013]

twigis logo

Qualche tempo fa, Mark Zuckerberg si era augurato che presto il limite (non molto rispettato, in verità) di 13 anni per l'iscrizione a Facebook cadesse, e i minori potessero finalmente iscriversi in massa.

Il fondatore del social network più famoso pensava che i bambini potessero ricevere dei «benefici educativi» partecipando alla vita del sito in blu.

Ebbene ora qualcun altro sta attirando l'attenzione dei bambini tra i 6 e i 12 anni: il social network Tweegee, appena sbarcato in Italia con il nome di Twigis.

Aspetto cartoon e giochi in primo piano, Twigis afferma di voler incentivare creatività e socializzazione tra i bambini. Prima dello sbarco nel nostro Paese era attivo solo in Turchia, Israele, Argentina, Brasile, Giordania ed Egitto e possedeva 4 milioni di utenti; questa cifra è ora naturalmente destinata ad aumentare.

Il funzionamento è del tutto simile a quello degli omologhi per adulti: ci sono le bacheche (con la possibilità di inserire post pubblici e post privati), le chat, le richieste di amicizia e la condivisione dei contenuti.

Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (1932 voti)
Leggi i commenti (32)

Rispetto agli altri, però, Twigis offre un'attenzione particolare alla sicurezza, e non poteva essere diversamente considerate le fasce d'età cui si rivolge.

Innanzitutto, per l'iscrizione occorre il consenso di un genitore secondo le modalità indicate sul sito stesso; poi, nessuno otterrà mai le informazioni personali inserite dagli utenti, nemmeno i siti partner, a parte quelle strettamente necessarie per sfruttare i servizi offerti; inoltre, uno staff di moderatori esamina i contenuti e sorveglia l'utilizzo delle informazioni inserite.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)


Quindi l'adulto pedofilo deve ottenere il consenso dei genitori??' :shock: :shock: Ma fatemi il piacere, è solo business e chissenefrega se si da qualche possibilità in più ai pedofili! :roll: Leggi tutto
28-9-2013 14:46

Servirebbe una certificazione dell'identità dell'utente. Dubito che si spingano a tanto. Leggi tutto
27-9-2013 01:55

Hai voglia Papa Bergoglio a dire di non farsi sopraffare dal denaro.. :( :(
26-9-2013 14:44

Infatti... Business!!! Ma come si scopre se uno è un adulto pedofilo che si spaccia per minorenne??? :shock: Ciao
25-9-2013 23:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1587 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 agosto


web metrics