La mano bionica con il senso del tatto

Creata da ricercatori italiani, è quasi come una mano naturale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-02-2014]

lifehand2 1

Dotare di protesi le persone che hanno perso un arto è senz'altro un obiettivo importante: occorre tenere a mente però che non è sufficiente realizzare un meccanismo che sostituisca le funzionalità della parte perduta.

Una delle caratteristiche più importanti da ripristinare è il tatto, senza il quale anche le protesi più moderne sono incomplete.

Un gruppo composto da ricercatori italiani e svizzeri ha ora fatto un passo importante in questa direzione realizzando LifeHand 2, una mano artificiale in grado di restituire il senso del tatto.

Di più: il collegamento con i nervi non solo restituisce il senso perduto, ma permette anche di controllare la protesi con il pensiero.

Il primo test è stato condotto su un uomo danese, il trentaseienne Dennis Aabo Sørensen, che nove anni fa perse la mano in un incidente con dei fuochi d'artificio.

Sondaggio
Sei mai stato escluso da una bacheca Facebook di un amico?
No, mai.
Sì, da un mio ex partner.
Sì, da una donna o da un uomo che ho corteggiato insistentemente.
Sì, per le mie idee in politica.
Sì, per un commento relativo al calcio.
Sì, per una critica.
Sì, senza un motivo apparente.
Non uso Facebook.

Mostra i risultati (1704 voti)
Leggi i commenti (28)

A Sørensen è stata impiantata LifeHand 2, dotata su ogni dito artificiale di sensori che rilevano informazioni sugli oggetti toccati, trasformando poi tali informazioni in segnali elettrici trasmessi, secondo un preciso algoritmo, lungo il sistema nervoso.

I risultati sono stati sorprendenti: il paziente è riuscito a distinguere al tatto un mandarino da una palla da baseball, bottiglie di diverse misure e il legno dal tessuto.

«È stato davvero sorprendente perché all'improvviso la mia mano artificiale e il mio cervello hanno iniziato a lavorare insieme per la prima volta da molti anni. È stato quasi come avere una mano normale» ha dichiarato l'uomo in un'intervista.

L'esperimento è stato quindi un enorme successo anche se, a causa delle leggi sui trial clinici, i sensori e la protesi hanno dovuto essere rimossi dopo un mese; i ricercatori sono tuttavia convinti che il dispositivo possa funzionare per anni senza alcun impatto negativo sul sistema nervoso del paziente.

Quanto alla disponibilità pubblica di simili soluzioni, non vi sono ancora indicazioni. Gli scienziati stanno cercando di ridurre l'equipaggiamento che converte i segnali inviati dalla mano in qualcosa di interpretabile dal sistema nervoso a dimensioni portatili, così da poter testare la protesi in attività quotidiane: al momento detto equipaggiamento occupa un intero laboratorio.

L'intera ricerca è stata pubblicata su Science Translational Medicine.

lifehand2 2

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il chip nel cervello che restituisce il senso del tatto
La mano artificiale che fa ''sentire'' le dita
La gabbia toracica in titanio stampata 3D
Il piede artificiale che si controlla col pensiero
Sindrome dell'arto fantasma su persone non amputate
Occhio bionico, primo successo
Il primo gatto bionico

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1632 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics