In 200mila usano Netflix illegalmente... pagando l'abbonamento

Si può definire pirata chi paga regolarmente per i contenuti?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-03-2014]

netflix australia vpn

È una vicenda che potrebbe anche far sorridere se di mezzo non ci fosse la possibilità (fortunatamente, a quanto pare, remota) di qualche intervento legale quella che coinvolge oltre 200.000 australiani.

L'Australia è un Paese in cui la pirateria via Internet è piuttosto diffusa, ma c'è una attenuante: i servizi che offrono legalmente i contenuti sono pochi, hanno costi elevati e cataloghi ristretti.

I film e le serie televisive più apprezzati - e made in US - non si trovano via Internet, anche a causa del fatto che i produttori statunitensi hanno degli accordi esclusivi di distribuzione con News Corp, che li trasmette in televisione.

In questo panorama si registra inoltre l'assenza di Netflix, il popolare servizio che offre legalmente contenuti in streaming ma che in diversi Paesi non è disponibile.

Che cosa fanno quindi gli australiani che non vogliono aspettare per gustarsi le proprie serie televisive e allo stesso tempo? In buona parte non si danno alla pirateria pura e semplice ma, sfruttando un collegamento VPN, aggirano il blocco geografico imposto a Netflix e riescono così a usufruire del servizio; pagandolo come tutti gli altri, ovviamente.

Sondaggio
Sul sito Dovesalute si potranno lasciare commenti sulla qualità delle strutture ospedaliere, come gli alberghi o i ristoranti di TripAdvisor. Cosa ne pensi?
E' un'ottima occasione per fare un censimento delle strutture italiane e sottoporle al giudizio dei cittadini. - 28.7%
Se su TripAdvisor abbondano le recensioni false, possiamo immaginare quante ce ne saranno sul portale per valutare gli ospedali. - 17.8%
Finirà a insulti, i primari sporgeranno tantissime querele per diffamazione. - 9.2%
Non lo utilizzerà nessuno, visto che sarà obbligatorio indicare una casella Pec. - 23.7%
Certi ospedali otterranno giudizi impietosi: chi vorrà curarsi lì una volta letti i commenti negativi? - 4.5%
Il solito portalone all'italiana fatto male e costato una barca di soldi: dopo averlo visitato, si potrà cogliere l'occasione per cercare le strutture che curano vomito o diarrea. - 16.1%
  Voti totali: 422
 
Leggi i commenti (8)

Netflix si trova quindi nell'imbarazzante situazione per cui ha 200.000 clienti paganti che non dovrebbe avere, poiché arrivano da un Paese in cui esso non è disponibile.

Ciò ovviamente scontenta innanzitutto i fornitori di servizi in streaming australiani, i quali fanno leva sulle licenze possedute da Netflix: sostengono che sono valide per gli USA, non per l'Australia; quindi gli utenti australiani sono tutti pirati.

Per contro, però, il procuratore generale Robert McClelland già nel 2011 aveva dichiarato che l'utilizzo di servizi come Netflix o Hulu tramite VPN non viola la legge australiana sul copyright.

La soluzione ideale, e forse l'unica che potrebbe funzionare davvero, sarebbe l'estensione dei servizi di Netflix all'Australia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Account Netflix a 50 centesimi sul Dark Web
Netflix sbarca in Italia ma non teme i pirati
Il primo film di Netflix boicottato dai cinema
Zona, il paradiso dello streaming video
IFPI, i blocchi in Italia fanno calare il traffico torrent
Traffico Torrent aumenta in Europa, scende in America
ARM presenta il processore anti-pirateria
Da BitTorrent a YouTube, i responsabili del traffico Internet mondiale
Torrent, traffico +40% in sei mesi

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Si! Se io compro illegalmente una cosa questa è sempre un atto illegale che faccio. Solo che Netflix (anche lei commetteva un atto illegale dato che lo vendeva in uno Stato che non poteva) ci gongolava dentro fintato che non è diventato troppo "scoperta" la cosa. Ciao Leggi tutto
13-3-2014 22:06

@Zievatron, ant_villani, {Marco} IMO ha ottimamente riassunto @pentolino internet è nato per essere l'inter- network ovvero per essere "qualcosa" di comune tra diverse reti e tecnologie di rete. Internet è "regionale", ogni paese ha le sue dorsali, le sue reti interne ecc, ma grazie al fatto di esser stato PENSATO per... Leggi tutto
13-3-2014 02:08

A dimostrare ancora una volta quanto i legislatori siano inadeguati ed incompetenti nel trattare le questioni che riguardano la rete, mente i soliti pescecani che controllano l'entertainment vogliono spillare fino all'ultimo quattrino dando poco o nulla in cambio. :incupito:
11-3-2014 19:18

Bhè, se l'Australia (o una qualsiasi altra regione della Terra) volesse avere una sua rete telematica separata, potrebbe anche averla. Salvo poi incappare in ponti illegali tra la sua rete ed altre. Ma non si tratta di questo. E' che alla rete o hai accesso, o non lo hai. O ci sei, o non ci sei. Trovare una pagina che dice "Mi... Leggi tutto
11-3-2014 12:22

Concordo pure io ed in generale estendo il concetto a qualsiasi tipo di blocco, DRM compreso; internet è per sua natura mondiale e multipiattaforma!
11-3-2014 10:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2766 voti)
Giugno 2020
Windows 10, il nuovo Edge ha iniziato a rimpiazzare il vecchio
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Tutti gli Arretrati


web metrics