Operazione Windigo, 25mila server Unix colpiti da trojan

Da oltre due anni Windigo invia spam e infetta i PC degli utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-03-2014]

operazione windigo

Oltre 25.000 server Unix e Linux sono stati colpiti da un malware che li ha trasformati in una grande piattaforma per la distribuzione di spam e malware.

Sono stati gli esperti di ESET a scoprire l'attacco, battezzato Operazone Windigo.

Gli hacker hanno installato manualmente la backdoor sui server, sfruttando errori nella configurazione e nei controlli di sicurezza; non si tratta quindi di problemi legati a falle all'interno di Linux o OpenSSH.

Windigo infetta quindi i siti web ospitati sui server e cerca di propagarsi sui computer Windows dei visitatori; se invece il visitatore adopera un Mac gli viene mostrata la pubblicità di alcuni siti per appuntamenti. Gli utenti di iPhone vengono inviati su siti pornografici.

Secondo i ricercatori di ESET, l'Operazione Windigo opera da quasi tre anni ma, finora, era rimasta per lo più sconosciuta.

Sondaggio
Qual è l'ambiente Linux che preferisci?
Gnome
Kde
Unity
Xfce
Lxde
Cinnamon
Mate
Un altro
Non uso Linux

Mostra i risultati (5169 voti)
Leggi i commenti (25)

Dei 25.000 server colpiti, 10.000 risulterebbero ancora infetti. Il risultato è che ogni giorno mezzo milione di ignari visitatori di siti vengono a contatto con contenuti pericolosi (come malware) e che 35 milioni di messaggi di spam vengono inviati quotidianamente.

ESET stessa afferma che l'unico modo per eliminare l'infezione è cancellare completamente il contenuto del server e ripartire da zero, facendo un'installazione pulita.

«Capiamo che cancellare il server e ripartire da capo sia un'amara medicina, ma se gli hacker hanno rubato le credenziali di amministratore e hanno avuto accesso remoto ai server non si possono correre rischi» spiegano i ricercatori.

La parte peggiore è che «alcune vittime sapevano di essere state infettate, ma non hanno fatto nulla per ripulire i propri sistemi, potenzialmente mettendo a rischio un maggior numero di utenti di Internet».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il malware MtGox ruba i Bitcoin
The Mask, il malware che ci spia da sette anni
I trojan responsabili di 8 attacchi su 10
Il virus che viaggia sul cloud
Un virus reale per OS X
La pericolosa illusione della democrazia diretta digitale
Quattro malware che attentano al portafoglio
Un anno di malware mobile e attacchi sui social network

Commenti all'articolo (4)

Ti quoto in toto: Infatti, anch'io, quando lessi il titolo già stavo partendo con una filippica che era una bufala... Poi leggendo l'articolo... :shock: :twisted: :lol: Ciao Leggi tutto
23-3-2014 14:35

Verissimo ma il titolo e i primi due paragrafi sembrano dire tutt'altro! So che fa molta più audience però purtroppo da anche il là a quei commerciali che approfittano dei (sempre tanti) polli in giro raccontanto che "Linux non ha virus solo perché non lo usa nessuno"... Solo come aneddoto tempo fa un commerciale messo... Leggi tutto
21-3-2014 16:30

Infatti nell'articolo si scrive chiaramente "Gli hacker hanno installato manualmente la backdoor sui server, sfruttando errori nella configurazione e nei controlli di sicurezza".
21-3-2014 08:19

Chissà come mai mi aspettavo articoli di questo genere... NON SONO STATI INFETTATI DA UN TUBAZZO DI NIENTE!!! Scusate l'urlato ma ci vuole. I virus che si installano da soli sono UN'ESCLUSIVA di Windows alpiù estensibile a quegli OS progettati col concetto di utente stupido, OS furbo. I server in oggetto NON SONO STATI MANCO BUCATI,... Leggi tutto
21-3-2014 07:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo è l'età in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, è meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (2308 voti)
Ottobre 2020
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Tutti gli Arretrati


web metrics