Microsoft guadagna più da Android che da Windows Phone

I produttori di smartphone non pagheranno licenze per il sistema operativo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-04-2014]

licenze windows android

Non si può dire che l'avvento di Satya Nadella alla guida di Microsoft non porti con sé notevoli novità.

Se la prima, sorprendente ma in certa misura prevedibile, era stata la pubblicazione di Office per iPad, la seconda cambia un modus operandi che pareva ormai consolidato.

L'azienda di Redmond ha infatti deciso di eliminare i costi di licenza di Windows per smartphone e tablet con schermi di dimensioni inferiori ai 9 pollici: in pratica, Windows Phone 8.1, se installato sui dispositivi mobili, sarà gratis per i produttori (e, si spera, anche per gli utenti).

Anzi, pare che il cambio di regime includa anche Windows RT e Windows 8.1 se utilizzati su tablet con schermi ridotti.

Perché questo cambiamento di rotta? Due rapidi conti aiutano a rispondere.

Come tutti sanno, nel mercato mobile Microsoft non è una minaccia temibile né per Apple né per Google. La risposta immediata è quindi evidente: rendere conveniente Windows Phone può essere un modo intelligente per guadagnare fette di mercato.

Ma - si potrebbe obiettare - in questo modo non svaniscono tutti i ricavi dal settore mobile che Microsoft sta comunque generando con il sistema attuale?

Sondaggio
Negli ultimi 12 mesi hai danneggiato accidentalmente un oggetto tecnologico portatile? (per esempio smartphone, fotocamera, notebook, tablet, ebook reader)
Sì, mi è caduto a terra.
Sì, mi è caduto in acqua (o ci ho versato dei liquidi).
Sì, ci ho lasciato giocare un bambino.
Sì, mi ci sono seduto sopra.
Sì, mentre lo lanciavo a un amico (o sulla scrivania).
No.

Mostra i risultati (2178 voti)
Leggi i commenti (12)

Non proprio: in realtà, per molti produttori optare per Windows Phone è già meno oneroso di Android, che pure è nominalmente gratuito. Anzi, si può affermare tranquillamente che Microsoft guadagna più da Android che da Windows Phone.

Il fatto è che Microsoft impone a pressoché tutti i produttori il pagamento di royalty per i brevetti adoperati da Android. Dato che tra questi produttori ci sono nomi importati del panorama mobile come Samsung, HTC e Acer, si capisce perché gli introiti generati in questo modo non siano indifferenti.

Capita già, quindi, che la cifra necessaria per ottenere le licenze per Windows Phone sia inferiore a quelle necessaria per pagare le royalty per Android: eliminando i costi di licenza, Windows Phone diventa ancora più appetibile, e intanto il denaro continua ad arrivare grazie ad Android.

Qualora poi in un ipotetico futuro Microsoft riesca a diventare importante nel settore degli smartphone e dei tablet, causando una contrazione significativa del flusso di denaro originato dalle royalty, a compensare i mancati incassi ci sarebbe la vendita - o, per meglio dire, l'affitto - di importanti applicazioni come Office, che già ora richiede un canone di abbonamento annuale per poter essere adoperato su iPad.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows Phone 8.1, arrivano cartelle e smart cover
Arriva Office per iPad
Un miliardo di smartphone Android nel 2014
Il primo Nokia con Android
Il tablet Lumia 2520 farà concorrenza a Surface
Microsoft denuncia Google all'Antitrust per i brevetti di Motorola
Samsung pagherà Microsoft per i brevetti su Android
Microsoft attacca Android; Barnes & Noble reagisce

Commenti all'articolo (5)

@dragonand Verissimo! Al tempo del MS/DOS cerano OS più belli, facili, potenti (esempio CP/M86-C) ma vinse MS/DOS perchè si poteva piratare ed era sponsorizzato dalla IBM. Al tempo del windows95 cerano OS più belli (esempio OS/2 e Unix con FVWM o TWM), facili, potenti ma vinse windows95 perchè si poteva piratare ed era sponsorizzato... Leggi tutto
9-4-2014 18:21

Praticamente la stessa modalità usata per diffondere capillarmente i primi sistemi operativi, cioè un sistema anticopia facilmente aggirabile. :( Ciao
9-4-2014 00:59

Non è confermata da nessuna casa il pagamento delle royalty per i brevetti adoperati da Android. Anzi pare che la MS paghi la Google per i brevetti usati. :shock: Ciao Leggi tutto
7-4-2014 22:37

{ranx}
se una cosa fa schifo non la si vuole neanche gratis, ma questo alla M$ non l'hanno ancora capito, nemmeno dopo i mega flop di windows svista e windows piastrelle
7-4-2014 14:50

In poche parole: ora regalo WP perché altrimenti (quasi) nessuno se lo caga, in modo che i telefoni con esso possano costare di meno; una volta che sia riuscita a prendermi il mercato, inizierete a pagare.
7-4-2014 09:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4466 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics