Microsoft: Windows 10 sarà l'ultima versione di Windows

Il sistema diventa una piattaforma di servizi in aggiornamento continuo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-05-2015]

windows 10 ultima versione

«Stiamo rilasciando Windows 10 e, dato che Windows 10 è l'ultima versione di Windows, stiamo ancora lavorando su Windows 10»: con queste parole Jerry Nixon, developer evangelist di Microsoft, ha descritto la nuova strategia dell'azienda di Redmond all'ultima Microsoft Ignite Conference.

Windows 10, il cui lancio è attualmente previsto per il mese di luglio, sarà l'ultima versione di Windows: probabilmente non ci sarà un Windows 11, né un Windows 12. Ciò ovviamente non significa che Microsoft voglia abbandonare il mercato dei sistemi operativi, ma che ha deciso di cambiare modello.

L'idea alla base è la visione di «Windows come servizio». Microsoft non è ancora entrata nei dettagli di tale paradigma, ma alcuni dettagli sono già piuttosto chiari.

Nei prossimi anni non avremo più una major version di Windows da sostituire alla precedente, un corposo aggiornamento che innova il sistema operativo; invece, le novità saranno rilasciate cammin facendo, con update regolari.

I vari componenti del sistema operativo saranno trattati come parti separate, non necessariamente legate al cuore di Windows. E qualcosa di simile accadrà anche a Office.

L'idea è che il numero di versione non debba più interessare né l'utente né lo sviluppatore: il primo semplicemente dirà che userà Windows; il secondo scriverà software per Windows.

Sondaggio
Negli ultimi due anni, quante volte hai formattato l'hard disk del PC?
Nessuna
Una
Un paio
Quattro o cinque
Una decina
Di più

Mostra i risultati (3869 voti)
Leggi i commenti (34)

Dal punto di vista dell'utente comune questa strategia ricorda un po' quella di Apple, che da anni vende semplicemente MacOS X, dove la X indica anche la decima incarnazione dello storico sistema di Apple (pur se le basi sono molto diverse).

Certamente, ogni aggiornamento porta un numero di versione differente allo scopo di distinguerlo dal precedente, ma non si è mai passati a MacOS 11: da OS X 10 siamo passati a OS X 10.1 e via di seguito, mentre a ogni aggiornamento viene dato un soprannome particolare (usando, almeno nei primi tempi, i nomi di grandi felini).

Tutto ciò serve a cambiare il modo in cui il sistema viene percepito dall'utenza: non più un semplice pezzo di software ma una piattaforma dalla quale ottenere app e servizi, nascondendo il più possibile i dettagli tecnici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 10 Anniversary Update, le novità più importanti
Windows 10, c'è già la data di morte
Windows 10 arriva anche su Xbox
Le 7 versioni di Windows 10
Windows 10 sarà gratis anche per i pirati
Microsoft manda in pensione Internet Explorer dopo 20 anni
Windows 10 è gratis per gli utenti di Windows 7 e 8
Windows 10 integra Cortana e l'app per la Xbox
Ecco come Windows 10 incrementa la sicurezza del sistema
Arriva Windows 10, cosa c'è da sapere (e dove si scarica)
Windows 10, torna il menu Start
Windows 10, tutte le novità
Ecco come sarà Windows 10

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

[img:1249478c1e]http://www.puntodincontro.com.mx/images/lavorosforzoesuccesso.jpg[/img:1249478c1e] Leggi tutto
23-5-2015 00:22

{corvonato}
Hanno smesso di dare i numeri?
14-5-2015 09:03

solo per il primo anno dall'uscita di 10 e per quanto ne sappia anche da 7 e per qualsiasi versione Leggi tutto
13-5-2015 11:42

:rolling: :rolling: :rolling: :rolling: :rolling: :rolling: :rolling: :rolling: l'unico sistema che M$ 'regala' è la versione per Raspberry Pi (e probabilmente quella per Arduino), per chi sviluppa applicazioni Open Source, con l'evidente intenzione di farlo diffondere nei sistemi embedded e poter poi lucrare con le royalty... Leggi tutto
13-5-2015 11:38

{vedovato}
Sarà gratuito l'upgrade da 8/8.1 home a 10 home
13-5-2015 10:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1229 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics