NSA spiava anche tramite malware negli app store

Così catturava i dati di milioni di utenti (anche in Europa) e diffondeva false informazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-05-2015]

nsa spia cellulari appstore

Secondo un documento sottratto da Edward Snowden e pubblicato dalla CBC, la NSA avrebbe cercato di sfruttare gli app store per smartphone e tablet per sfruttare gli utenti di iOS e Android.

In particolare, l'agenzia americana (in collaborazione con quelle di Regno Unito, Canada, Australia e Nuova Zelanda) si sarebbe data da fare per alterare i dati spediti verso gli app store e da questi verso i dispositivi, in modo da poter installare malware su questi ultimi a proprio piacimento.

Il progetto portava il nome in codice Irritant Horn e, a quanto pare, è stato portato avanti con successo. Il documento rivela che in particolare sono stati presi di mira i server del Google Play Store in Francia e altri server analoghi a Cuba, in Senegal, Marocco e Russia.

L'app più usata per diffondere il malware è invece stata UCBrowser, creata e gestita dal gigante cinese del commercio online Alibaba. Gli utenti coinvolti da queste attività sarebbero milioni.

Tramite questa e altre app la NSA sarebbe riuscita a ottenere molti dati sugli utenti, dal numero di telefono a informazioni sul dispositivo fino ai dati contenuti nella SIM.

Sondaggio
La NSA non spiava solo i cittadini USA ma anche i governi di Francia, Germania e Italia. Qual è la tua reazione di fronte a questa notizia? (se vuoi dare risposte multiple o commentare ulteriormente, usa il forum)
Sono profondamente indignato: come si sono permessi?
Sono stupito che gli USA siano arrivati a questo punto.
In fondo lo fanno per prevenire gli attentati; quindi li giustifico, almeno parzialmente.
Non mi sorprende. E' da un po' che l'Europa non conta più un tubo.
Accidenti! Avranno ascoltato anche le telefonate con la mia fidanzata/o.
I nostri politici non hanno nulla di più importante di cui preoccuparsi?
Lo so perfino io che i telefoni sono spiati, figuriamoci i terroristi.
Avevano ragione quelli di Zeus News, quando già nel 2001 scrivevano di Echelon.

Mostra i risultati (2898 voti)
Leggi i commenti (15)

Inoltre, il progetto prevedeva di utilizzare il malware non solo per carpire dati utili, ma anche per diffondere informazioni false a specifici utenti in modo da danneggiare operazioni ritenute pericolose.

Irritant Horn è stato usato dai cinque Stati dell'accordo UKUSA nel 2011 e nel 2012, mentre non è chiaro quale sia il suo stato attuale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Snowden rivela l'Echelon britannica
Il messenger approvato da Snowden
Nuova falla mette a rischio le connessioni HTTPS
Magistratura USA: intercettazioni NSA furono illegali
NSA vuole accedere ai computer dall'ingresso principale
Equation Group infetta i dischi rigidi in modo invisibile
Snowden: la CIA violava le SIM card già dalla fabbricazione
Datagate, gli agenti della NSA spiavano anche mogli e fidanzate

Commenti all'articolo (1)

{amabo}
Chissà perché questa notizia non mi giunge inattesa...
23-5-2015 20:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1897 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics