Kaspersky sotto accusa: avrebbe ingannato i concorrenti con falsi positivi

L'azienda russa avrebbe convinto gli altri antivirus a identificare come malware file legittimi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-08-2015]

kaspersky falsi positivi concorrentir

L'accusa viene da due ex dipendenti: per anni Kaspersky Lab, una delle più grandi aziende produttrici di antivirus, avrebbe cercato di mettere in cattiva luce i concorrenti facendo loro riconoscere file legittimi come malware.

La storia, segnalata da Reuters, sarebbe iniziata una decina di anni fa con l'insoddisfazione di Eugene Kaspersky, cofondatore dell'azienda, verso il comportamento di molti concorrenti, che egli riteneva scorretto.

Per provare le proprie affermazioni, Kaspersky avrebbe creato 10 file innocui e li avrebbe inviati poi a VirusTotal, affermando che erano invece pericolosi; in una decina di giorni 14 aziende li avrebbero classificati come malware, senza condurre verifiche in proprio.

Ciò lo convinse che i concorrenti avevano «scimmiottato il suo software» anziché sviluppare il proprio, operazione resa più facile dall'evoluzione subita proprio in quegli anni dall'intero settore della sicurezza informatica.

Le varie aziende avevano infatti preso a collaborare per riuscire a fronteggiare meglio il sempre crescente numero di minacce, condividendo le informazioni, segnalandosi i file infetti e fornendo le une alle altre, in licenza, i propri motori antivirus.

Grazie a questo comportamento, sostanzialmente basato su una sorta di fiducia reciproca tra le aziende, Kaspersky avrebbe potuto mettere in atto il proprio piano, diretto contro aziende come Avast, Microsoft, AVG e altre ancora.

I due ex dipendenti raccontano che una parte della forza lavoro di Kaspersky sarebbe stata messa a studiare il modo per convincere i prodotti concorrenti che alcuni file assolutamente innocui, o addirittura fondamentali per il sistema, erano invece dei pericolosi malware.

La "fase due" del piano avrebbe quindi previsto di iniettare all'interno di file comunemente presenti sui Pc del codice tipico dei malware e inviarli a VirusTotal: in tal modo i concorrenti avrebbero identificato quei file come software pericoloso, facendo una figuraccia e, potenzialmente, mettendo in seria difficoltà gli utenti.

Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilità
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalità politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5284 voti)
Leggi i commenti (25)

Sarebbe stata questa l'origine delle ondate di falsi positivi che qualche anno fa - con un picco tra il 2009 e il 2013 - erano più frequenti di ora, con gli antivirus più noti che spesso etichettavano componenti di Windows come malware.

Microsoft sarebbe stata la prima ad accorgersi che qualcosa non andava nella collaborazione tra le aziende che si occupano di sicurezza, scoprendo nel 2013 che qualcuno stava diffondendo coscientemente false informazioni ma senza riuscire a risalire al colpevole.

Nessuna azienda coinvolta ha mai accusato Kaspersky direttamente, e anche dopo le rivelazioni dei due ex dipendenti nessuno ha commentato la vicenda.

Kaspersky, dal canto proprio, nega tutto sostenendo in particolare che nel caso dei file legittimi inviati a VirusTotal come malware la colpa era di un'intruso nei suoi sistemi, il quale avrebbe agito in quel modo per danneggiare l'azienda.

«La nostra azienda» - ha dichiarato Kaspersky Lab - «non ha mai condotto alcuna campagna segreta al fine di spingere i concorrenti a generare dei falsi positivi per danneggiare la loro quota di mercato. Tali azioni sono disoneste, contrarie all'etica e la loro legalità è quantomeno discutibile».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Norton compra Avast per 8 miliardi di dollari
L'aggiornamento di AVG che blocca Windows 7
McAfee, un falso positivo blocca Windows Xp
Bit Defender mette in ginocchio Windows 7, Vista e XP
Pericoloso trojan nelle estensioni di Firefox
Avg sbaglia ancora: crede che Flash sia un virus
Avg scambia Windows per un virus
Microsoft scambia Skype per un virus
Trend Micro, quando l'antivirus ti schianta il PC

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

@vac Certo la maggior parte degli utenti comuni nemmeno sa cos'è un virus o un malware e nemmeno sa come funzionano e molti li usano male o a sproposito però ritengo che se nessuno di questi avesse un antivirus installato ci sarebbero molte più zombie in giro e anche molti più virus e attacchi informatici di vario genere, IMHO. Che poi... Leggi tutto
22-8-2015 15:24

@Gladiator Io credo, anzi: sono sicuro di no. 1. La gente comune non sa nulla di questi argomenti, noi siamo eccezione. La gente comune mette l'antivirus anche nelle macchine virtuali senza distinguere il computer che usa per navigare da quello che usa off line, Anche windows rompe l'anima e ti minaccia "il computer non è sicuro... Leggi tutto
21-8-2015 23:09

@vac Credo che, come è tuo diritto decidere di non acquistare un antivirus, altri utilizzatori di PC abbiano il diritto di acquistare il prodotto che meglio gli aggrada per difendersi dai virus confermandogli poi o meno la fiducia in funzione del loro grado di soddisfazione in merito a funzionalità ed efficacia. Coloro che poi... Leggi tutto
21-8-2015 14:52

:twisted: Il giornalista riporta le notizie, io invece schrivo in modo chiaro quello che penso! (I commenti precedenti erano rivolti a chi compra antivirus alimentando questo mercato infame.)
20-8-2015 14:00

vac ha scritto: Il concetto che ho espresso, si riferiva se gli ex dipendenti Kaspersky, abbiano raccontato delle balle, oppure no. Non è che sono abituato a bere, tutto quello che si scrive nel web. Leggi tutto
20-8-2015 13:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6483 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics