Prince dall'oltretomba contro la pirateria

Dopo la morte del cantante sono aumentate di colpo le richieste di rimozione di brani pirata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2016]

prince copyright

La morte di Prince, avvenuta lo scorso 20 aprile, ha avuto lo stesso effetto collaterale verificatosi quando sono morti altri artisti: un improvviso aumento di notorietà.

All'improvviso tutti si sono scoperti fan di Prince, esattamente come qualche mese addietro tutti si erano scoperti fan di David Bowie: secondo USA Today, nei quattro giorni successivi alla scomparsa del cantante sono stati venduti 650.000 copie dei suoi album e 2,8 milioni di suoi brani.

Naturalmente, le cifre che si riferiscono alla musica venduta indicano soltanto una parte della storia: molte persone si sono infatti rivolte a mezzi meno leciti per ottenere la musica di Prince.

Si calcola che il giorno dopo la morte del cantante ci siano stati almeno 100.000 download di torrent di materiale da lui prodotto, e la classifica interna di KickassTorrents ha ospitato a lungo la musica di Prince in cima alla top five dei download musicali.

Se i pirati si sono dati da fare, lo stesso hanno però fatto le associazioni antipirateria e in particolare Web Sheriff, con cui Prince collaborava.

Sondaggio
Quale stanza renderesti pi¨ smart per prima?
La camera da letto
La cucina
Il bagno / lavanderia
La sala

Mostra i risultati (951 voti)
Leggi i commenti (4)

È dal 2014 che Web Sheriff inonda Google di richieste di rimozione di materiale pirata riguardante brani e album di Prince, ma di recente il numero di tali richieste era calato.

Poi, con la morte del cantante, è tornato a salire di colpo: dalle poche richieste delle ultime settimane si è passati alle oltre 1.000 in un giorno solo nella giornata successiva alla scomparsa di Prince: erano due anni che non si registrava un'attività tanto intensa.

La morte di un artista non pone certo fine alla lotta alla pirateria: dopotutto, gli eredi hanno ancora decadi di diritti d'autore da incassare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come si diventa pirati audiovisivi? Seguendo il calcio
Il tentato phishing ai danni di Elodie
Warner Bros si autodenuncia come sito pirata
Neuropsichiatri scoprono perché i pirati dell'Internet non si sentono colpevoli
IFPI: Non chiamateli pirati
Getty Images denuncia Google all'Antitrust europeo
Offline da 4 anni, MegaUpload ancora oggetto di rimozioni URL
Harry Potter accusa Wikipedia di pirateria
UE, un link non viola il copyright

Commenti all'articolo (1)

E le varie societÓ che gestiscono i diritti o i brani hanno decadi di percentuali sui diritti da dividersi... :roll: Leggi tutto
9-5-2016 18:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ la pi¨ grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si Ŕ lý da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa Ŕ troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (1041 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 gennaio


web metrics