Autovelox, riconoscimento targhe e volti tutto in uno

Ekin Patrol è già operativo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-06-2016]

ekin patrol

Dal punto di vista delle forze dell'ordine, gli autovelox fissi sono un successo incompleto.

Vanno bene per cogliere sul fatto chi vi transita davanti occasionalmente e, andando ad alta velocità, non si rende conto dei cartelli che li segnalano, ma chi vi passa davanti abitualmente impara presto a rallentare quando vi si avvicina, per accelerare subito dopo.

L'autovelox del futuro, creato per essere installato sul tetto delle auto della polizia e dotato di funzioni avanzate, cancellerà questa e altre problematiche.

Arriva dalla Turchia dove è attivo già da un anno e si chiama Ekin Patrol. In un solo apparecchio concentra le funzionalità di un autovelox, di un lettore dei numeri di targa e di un GPS, ed è anche in grado di riconoscere il modello dell'auto. E non finisce qui: è anche dotato di funzionalità per il riconoscimento facciale.

Ekin Patrol tiene sotto controllo in tempo reale sia le auto che precedono quella su cui è montato sia quelle che la seguono (e anche quelle parcheggiate che rientrino nel raggio d'azione) e ne stabilisce la velocità, confrontandola con i limiti impostati per ciascuna corsia. Se rileva qualche infrazione, può emettere automaticamente la contravvenzione.

Sondaggio
Secondo te, gli autovelox e i sistemi automatici di rilevamento...
Contribuiscono a rendere più sicure le strade.
Sono dei mangiasoldi utilizzati senza ritegno dalle amministrazioni locali.
Vanno evitati e contrastati con tutte le tecnologie a disposizione.

Mostra i risultati (7601 voti)
Leggi i commenti (25)

Per identificare correttamente l'auto in violazione, il sistema legge i dettagli della targa, scatta foto in alta risoluzione e registra un video della violazione, cui aggiunge i dettagli circa la posizione grazie al GPS.

Grazie all'identificazione del numero di targa e al collegamento con i database della polizia (attraverso una connessione 3G o 4G), Ekin Patrol riesce a ricevere in pochissimo tempo le informazioni relative all'auto: per esempio, in questo modo può sapere se sia stata rubata.

Analogamente al riconoscimento delle targhe funziona il riconoscimento dei volti. Il software di identificazione facciale di cui il sistema è dotato può essere collegato a un database per associare il volto all'identità: in tal modo il riconoscimento di eventuali criminali o sospetti sarebbe pressoché immediato.

anpr

Infine, Ekin è dotato anche dell'apparecchiatura necessaria per rilevare l'inquinamento dell'aria.

Tutte queste funzionalità riunite in un unico apparecchi hanno ovviamente scatenato le preoccupazioni delle associazioni in difesa delle privacy, soprattutto negli Stati Uniti dove Ekin Patrol potrebbe essere prossimamente introdotto.

Akif Ekin, fondatore di Ekin Technology (l'azienda che produce Ekin Patrol) afferma di capire le preoccupazioni, specialmente per quanto riguarda il riconoscimento facciale, ma per quanto riguarda questa caratteristica sostiene che si tratta di una funzione opzionale (attivabile soltanto se la legge lo permette) e che non funziona perfettamente.

face

«Il sistema suggerisce chi possa essere quella persona, ma non ci si può aspettare che sia efficiente quanto un passaporto» ha affermato.

D'altra parte - rimarca Ekin - ci sono situazioni in cui oggigiorno si tende a sacrificare la riservatezza in nome della sicurezza: per esempio, il fatto che la Turchia sia vicina a una zona di guerra è uno dei motivi per cui le funzionalità di Ekin Patrol sono viste, in patria, non con sospetto ma come una risorsa.

«Sfortunatamente oggigiorno siamo più preoccupati della sicurezza che della privacy. E devo dire onestamente che in Turchia la privacy non interessa a nessuno. Personalmente, ciò non mi piace, ma è un dato di fatto con cui devo convivere».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'auto che evita di prendere multe per eccesso di velocità
La polizia usa i Google Glass come autovelox
Autovelox, lecite le multe senza fotografia
Autovelox, Polizia accede ai dati TomTom
L'autovelox che controlla anche bollo e assicurazione
L'autovelox da taschino
Il virus dell'autovelox
Il Gps salverà l'automobilista dall'autovelox?
Autovelox imperfetti? Arrangiatevi
Lo scherzone degli autovelox (ma le multe sono vere)

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

@jumpjack Non credere che se ti tolgono l'antiquato telepass e lo sostituiscono con le moderne telecamerine ti tolgano anche il canone annuale, i 12 euri non sono per l'affitto della tecnologia primitiva ma per usufruire del privilegio di fargli risparmiare sugli stipendi dei casellanti... :roll:
25-7-2016 19:01

Sì ma solo per farti la multa se NON hai il telepass! :shock: Da pazzi.
25-7-2016 12:39

Ci sono *anche* le telecamerine...
25-7-2016 12:00

Io ancora non ho capito perchè esiste ancora il servizio telepass a 12 euro all'anno e funzionante tramite apparecchietti radio, tecnologia primitiva risalente a 20 anni fa, quando ora qualunque telecamerina da 4 soldi potrebbe facilmente riconoscere le targhe delle auto che entrano in autostrada, come questa nuova... Leggi tutto
25-7-2016 10:10

Parlare di investimenti in questo caso suona male...
15-6-2016 22:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Completa la frase con quella che ritieni più opportuna, oppure aggiungi una risposta nei commenti. Secondo te, il networking online attraverso i siti social...
Serve a costruirsi un'efficiente rete professionale.
E' particolarmente utile per cercare opportunità di lavoro.
Serve a comunicare la qualità di saper lavorare in team.
E' un'opportunità che sfruttano soprattutto i più giovani.
Elimina le barriere geografiche.
Accorcia le distanze tra amici e famigliari.
Serve a tenersi sempre aggiornati.
Permette di stabilire relazioni rilevanti.
E' lo strumento per eccellenza per creare solide relazioni professionali.
Consente di comunicare i propri successi lavorativi.
E' utile per chiedere una raccomandazione.

Mostra i risultati (862 voti)
Giugno 2020
Windows 10, il nuovo Edge ha iniziato a rimpiazzare il vecchio
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Tutti gli Arretrati


web metrics