''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft

Al via una class action per gli scontenti del sistema di Microsoft.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-03-2017]

windowsupgrade

Per il momento sono tre gli utenti di Windows impegnati negli USA in una causa legale contro Microsoft, che però presto potrebbe trasformarsi in una class action cui potrà aderire chiunque negli Stati Uniti.

Sotto accusa è la procedura di aggiornamento a Windows 10, quella che per mesi ha tormentato gli utenti delle versioni precedenti, e i risultati che l'aggiornamento stesso avrebbe prodotto.

Nel primo dei tre casi, Windows 10 si sarebbe installato a tradimento e, una volta completato il processo, avrebbe cancellato i dati relativi al lavoro dell'utente. Alla fine, sarebbe stato necessario acquistare un computer nuovo.

Nel secondo caso, l'aggiornamento avrebbe ricevuto il via libera da parte dell'utente, ma dopo il riavvio il PC avrebbe smesso di funzionare e i dati sarebbero spariti.

Infine, l'ultimo dei tre sostiene di aver ceduto alle insistenze tipiche del periodo di aggiornamento gratuito, salvo ritrovarsi con un computer non funzionante e mancante dei dati.

Per l'avvocato che rappresenta i tre casi, Microsoft «non ha posto l'attenzione necessaria nel progettare, preparare ed eseguire l'aggiornamento a Windows 10 e nell'inserirlo nel flusso del commercio».

«Come risultato di questa mancanza di attenzione l'azienda ha distribuito un sistema operativo che si può ritenere responsabile delle perdite di dati o di danni all'hardware».

Sondaggio
Quando fai la spesa, qual tra questi il profilo in cui ti ritrovi maggiormente?
Vado dritto verso quello che devo comprare e non perdo tempo: guardo solo le caratteristiche del prodotto e quanto costa.
Leggo sempre attentamente le etichette dei prodotti.
Per me gli acquisti sono necessari per una vita piena e appagante.
Per me il prezzo pi importante della marca.
Preferisco essere servito piuttosto che servirmi da solo.

Mostra i risultati (1750 voti)
Leggi i commenti (4)

Le speranze di vittoria degli utenti si basano su un precedente: nel giugno 2016 a una donna sono stati riconosciuti 10.000 dollari di danni dopo che, in seguito all'aggiornamento a Windows 10, il suo computer ha smesso di funzionare.

Microsoft, dal canto proprio, non sembra eccessivamente preoccupata: «Il programma di aggiornamento gratuito a Windows 10 è stato una scelta progettata per aiutare gli utenti a trarre vantaggio dalla versione più sicura e più produttiva di Windows» ha spiegato l'azienda.

«Gli utenti potevano scegliere di non effettuare l'aggiornamento a Windows 10. Se un utente, dopo aver aggiornato, avesse avuto bisogno di aiuto, avrebbe avuto a disposizione molte opzioni, tra cui il supporto clienti gratuito e la possibilità, per 31 giorni, di tornare al sistema operativo precedente. Crediamo che le affermazioni dei querelanti non abbiano alcuna sostanza».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)


Paolo Del Bene SEI OT Ho anche diviso l'argomento Linux, perch scrivi qui che si parla di Windows? :roll:
18-5-2017 10:20

{Paolo Del Bene}
Perchè non dover usare un non free software che serve da driver? Per il semplice motivo che non sai se realmente assolve al suo dovere o se svolge anche altri compiti come ad esempio spionaggio. Tu mangeresti qualcosa di cui non conosci gli ingredienti? Lo stesso discorso vale per il software: come ci si può fidare della... Leggi tutto
16-5-2017 01:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la politica della tua azienda nei confronti dei dispositivi mobili dei dipendenti? Bring Your Own Device oppure Corporate Owned, Personally Enabled?
BYOD
COPE
Non c' una policy dominante, dipende dagli utenti
Non lo so
Non lavoro in un'azienda

Mostra i risultati (957 voti)
Giugno 2023
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Windows 11 in versione live
Western Digital violata, sottratti 10 Tbyte di dati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 giugno


web metrics