''Windows 10 ha distrutto il mio PC'' e fa causa a Microsoft

Al via una class action per gli scontenti del sistema di Microsoft.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-03-2017]

windowsupgrade

Per il momento sono tre gli utenti di Windows impegnati negli USA in una causa legale contro Microsoft, che però presto potrebbe trasformarsi in una class action cui potrà aderire chiunque negli Stati Uniti.

Sotto accusa è la procedura di aggiornamento a Windows 10, quella che per mesi ha tormentato gli utenti delle versioni precedenti, e i risultati che l'aggiornamento stesso avrebbe prodotto.

Nel primo dei tre casi, Windows 10 si sarebbe installato a tradimento e, una volta completato il processo, avrebbe cancellato i dati relativi al lavoro dell'utente. Alla fine, sarebbe stato necessario acquistare un computer nuovo.

Nel secondo caso, l'aggiornamento avrebbe ricevuto il via libera da parte dell'utente, ma dopo il riavvio il PC avrebbe smesso di funzionare e i dati sarebbero spariti.

Infine, l'ultimo dei tre sostiene di aver ceduto alle insistenze tipiche del periodo di aggiornamento gratuito, salvo ritrovarsi con un computer non funzionante e mancante dei dati.

Per l'avvocato che rappresenta i tre casi, Microsoft «non ha posto l'attenzione necessaria nel progettare, preparare ed eseguire l'aggiornamento a Windows 10 e nell'inserirlo nel flusso del commercio».

«Come risultato di questa mancanza di attenzione l'azienda ha distribuito un sistema operativo che si può ritenere responsabile delle perdite di dati o di danni all'hardware».

Sondaggio
Quando fai la spesa, qual è tra questi il profilo in cui ti ritrovi maggiormente?
Vado dritto verso quello che devo comprare e non perdo tempo: guardo solo le caratteristiche del prodotto e quanto costa.
Leggo sempre attentamente le etichette dei prodotti.
Per me gli acquisti sono necessari per una vita piena e appagante.
Per me il prezzo è più importante della marca.
Preferisco essere servito piuttosto che servirmi da solo.

Mostra i risultati (1507 voti)
Leggi i commenti (4)

Le speranze di vittoria degli utenti si basano su un precedente: nel giugno 2016 a una donna sono stati riconosciuti 10.000 dollari di danni dopo che, in seguito all'aggiornamento a Windows 10, il suo computer ha smesso di funzionare.

Microsoft, dal canto proprio, non sembra eccessivamente preoccupata: «Il programma di aggiornamento gratuito a Windows 10 è stato una scelta progettata per aiutare gli utenti a trarre vantaggio dalla versione più sicura e più produttiva di Windows» ha spiegato l'azienda.

«Gli utenti potevano scegliere di non effettuare l'aggiornamento a Windows 10. Se un utente, dopo aver aggiornato, avesse avuto bisogno di aiuto, avrebbe avuto a disposizione molte opzioni, tra cui il supporto clienti gratuito e la possibilità, per 31 giorni, di tornare al sistema operativo precedente. Crediamo che le affermazioni dei querelanti non abbiano alcuna sostanza».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft infastidisce gli utenti di Windows 7 con l'upgrade a 10
Microsoft scarica Windows 10 sul PC degli utenti, che lo vogliano o no

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)


Paolo Del Bene SEI OT Ho anche diviso l'argomento Linux, perchè scrivi qui che si parla di Windows? :roll:
18-5-2017 10:20

{Paolo Del Bene}
Perchè non dover usare un non free software che serve da driver? Per il semplice motivo che non sai se realmente assolve al suo dovere o se svolge anche altri compiti come ad esempio spionaggio. Tu mangeresti qualcosa di cui non conosci gli ingredienti? Lo stesso discorso vale per il software: come ci si può fidare della... Leggi tutto
16-5-2017 01:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1848 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics