Se il MacBook Pro fa ''pop''

Per cause ancora sconosciute, di tanto in tanto i portatili di Apple emettono uno strano rumore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-04-2017]

macbook pro 2016 pop

All'inizio sembrava un difetto sporadico: pochi utenti nel web che segnalavano strani rumori provenienti dal loro MacBook Pro.

Poi, però, le segnalazioni hanno iniziato ad aumentare e non è più stato possibile rubricare la questione sotto la voce "stranezza occasionale": i nuovi MacBook Pro, quelli con la Touch Bar lanciati lo scorso anno, di tanto in tanto fanno pop.

La causa è tuttora sconosciuta, e Apple ancora non ha diramato alcun commento ufficiale.

In attesa di una spiegazione direttamente da Cupertino, gli utenti hanno iniziato a ipotizzare che si possa trattare di qualcosa che, all'interno del computer, si dilata e si restringe al variare della temperatura.

Molti infatti segnalano che il suono si verifica quando il processore è sottoposto a un carico intenso di lavoro, e non si ripresenta fino a che la temperatura non cala.

Altri fanno sapere che il suono appare più volte al giorno: a circa 30 secondi dall'accensione, e poi a intervalli variabili di diversi minuti (dai 20 ai 100). Per altri ancora, il pop appare in maniera casuale, senza motivo apparente.

Sondaggio
Che lavoro fai?
Agente di commercio
Operaio
Personale medico
Dirigente - Funzionario
Libero professionista
Forze Armate / Guardia / Vigile
Insegnante
Pensionato
Studente
In cerca di occupazione
Casalinga
Commerciante
Imprenditore
Artigiano
Ecclesiastico
Impiegato

Mostra i risultati (3467 voti)
Leggi i commenti (57)

Il pop dei MacBook Pro è impossibile da ignorare ma al momento non sembra legato ad alcun vero inconveniente. Secondo alcuni utenti somiglia un po' al clic di un trackpad, secondo altri si può paragonare al rumore che si ottiene quando si schiaccia lentamente una bottiglia di plastica.

Certo è che non dovrebbe essere presente, anche perché generalmente un suono inaspettato proveniente dal computer non è un buon segno: di solito prelude a qualche problema hardware.

Qui sotto, uno dei video pubblicati in Rete che includono il pop dei MacBook Pro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Giocare a Doom sulla Touch Bar del MacBook
Addio al suono di avvio dei Mac
MacBook Pro contro Surface Studio
Apple lancia i nuovi MacBook Pro con display barra Touch
MacBook Pro con pannello OLED touchscreen e supporto a Touch ID

Commenti all'articolo (4)

E chi la vuole è giusto che paghi di più... :lol: Leggi tutto
24-4-2017 17:10

dal POP al BOOM il passo e' breve
20-4-2017 16:59

Non avete capito niente, è una feature! :lol: :lol: :lol:
20-4-2017 10:45

{GPS}
Per quello che costa e per il senso di superiorità dei propretari ciò non dovrebbe accadere.
19-4-2017 14:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1039 voti)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati


web metrics