Il giallo dei puntini gialli: se la stampante fa la spia



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-06-2017]

nsa stego

Pochi giorni fa i giornalisti di The Intercept hanno contattato l'NSA per chiedere conferme sull'autenticità di un documento scottante dell'agenzia top secret statunitense che avevano ricevuto da una fonte anonima.

Il documento forniva dettagli tecnici importanti sui presunti tentativi russi di interferire informaticamente nelle elezioni presidenziali americane.

Per autenticarlo, i giornalisti ne hanno fornito una copia all'NSA. Un errore gravissimo, perché il documento conteneva una trama quasi invisibile di puntini gialli (evidenzati in blu nell'immagine qui sopra) che rivelavano con precisione data e luogo in cui era stato stampato, consentendo all'NSA di risalire all'identità della fonte anonima: secondo l'NSA, si tratta di Reality Leigh Winner, una dipendente di una società che collabora con l'agenzia governativa.

L'episodio ha riportato alla ribalta una questione già emersa in passato (le prime tracce risalgono al 2004; ne avevo parlato qui nel 2005 e nel 2008): molte stampanti a colori, come per esempio la Xerox Docucolor coinvolta in questo caso, inseriscono di nascosto uno schema univoco di puntini gialli molto chiari in ogni pagina che stampano: è una tecnica chiamata steganografia.

Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (3036 voti)
Leggi i commenti (2)

Questi puntini possono essere decodificati usando un software sviluppato dalla Electronic Frontier Foundation e contengono informazioni davvero dettagliate: nel caso del documento NSA, la data di stampa (il 9 maggio 2017), l'ora (le 6:20 del mattino) e l'identità della stampante (numero di serie 535218 o 29535218).

Tecniche di tracciamento come questa sono molto diffuse a livello aziendale e governativo: se volete sapere se la vostra stampante le utilizza, la EFF ha pubblicato un elenco apposito di stampanti verificate.  Maggiori informazioni, comprese le istruzioni per rivelare visivamente questi puntini, sono su SeeingYellow.com.

Fonte: Ars Technica

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (1)

Appare quantomeno strano che dei giornalisti non fossero a conoscenza di questa possibilità tanto da far scoprire la propria fonte di informazioni, o forse volevano proprio che si scoprisse?
25-6-2017 16:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2614 voti)
Ottobre 2022
DALL-E diventa libero e gratuito: immagini sintetiche per tutti
Settembre 2022
Google ti avvisa se i tuoi dati finiscono nel web
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 ottobre


web metrics