Guida pratica per gestire al meglio le campagne mobile durante il periodo natalizio



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-12-2018]

customer

Mapp Digital, azienda che propone una soluzione integrata di marketing automation e DMP, individua alcuni aspetti da tenere presenti prima, durante e dopo il periodo natalizio per distinguersi dalla concorrenza e aiutare i marketer a conquistare l'attenzione dei propri clienti attraverso campagne mobile efficaci. Grazie a messaggi individualizzati e rilevanti in tempo reale è infatti possibile interagire con i cosiddetti "clienti in movimento", differenziarsi dalla concorrenza e costruire un ponte tra azienda e consumatori.

Prima delle feste:

1. Pianificare con cura la campagna, dalla strategia ai contenuti. Come per ogni progetto, chi ben comincia è a metà dell'opera: definire bene target e obiettivi consente di creare una buona strategia. In aiuto possono essere analizzate anche le azioni degli anni precedenti, per capire cosa ha funzionato e cosa può essere migliorato. Un ruolo di rilievo è svolto dai contenuti e dai visual delle campagne: non bisogna aspettare l'ultimo minuto per creare i messaggi ma preparare i testi, provarli, e programmarli, chiedendo ai grafici di presentare visual di qualità e decidendo quando e dove usare testi e contenuti visivi. Questo infatti è il momento di essere creativi per esempio allestendo notifiche push che contengano motivi musicali, testi e frasi d'effetto.

2. Sviluppare azioni di marketing cross-channel per offrire un'esperienza d'acquisto multicanale e integrata. Promuovere il brand mediante web, social media e sito ne aumenta l'esposizione. Nelle campagne non si può quindi prescindere dall'introduzione di una call to action per invitare i clienti a scaricare l'app, spiegando bene perché conviene visitare il sito o entrare in negozio. L'offerta di vantaggi personalizzati diventa un elemento per collegare i vari processi del customer journey in qualsiasi momento e da ogni dispositivo fornendo una customer experience di rilievo.

3. Aggiornare l'app per migliorare l'engagement. Il periodo prima delle feste è il momento perfetto per aggiornare l'interfaccia dell'app con l'inserimento di un tema natalizio o per aggiungere funzioni volte a semplificare lo shopping. E' importante proporre agli utenti segnali visivi, testuali e audio che ricordino l'unicità del momento. Si potrebbe anche creare una versione esclusivamente per il Natale, con sezioni dedicate alle idee regalo, alle ricette natalizie, ecc. L'app può quindi inviare ai clienti notifiche personalizzate in base ai comportamenti rendendole così, rilevanti per l'utente. Inoltre, per restare competitivi e non perdere clienti, è fondamentale la scelta di un sistema di pagamento mobile friendly.

Durante la settimana di Natale

1. Distribuire messaggi con rilevanza locale. Inviare offerte e informazioni specifiche per il luogo in cui l'utente si trova, considerando dati quali le condizioni climatiche e di traffico, sono azioni spesso premianti e che attirano l'attenzione degli utenti. Allo stesso tempo può essere utile includere offerte relative a vacanze o eventi locali e contenuti che possano essere collegati a un'attività che il cliente è probabile stia svolgendo. Tutto ciò può essere funzionale anche per invitare all'ingresso uno store fisico, ad esempio inviando una notifica push contenente una mappa con le indicazioni per raggiungere il negozio. In questo modo si va a creare engagement mobile e in store attraverso una strategia multicanale ritagliata sull'invio di offerte coerenti con i gli interessi del target di riferimento in tempo reale.

Sondaggio
Qual è il prodotto più obsoleto tra questi?
Il lettore DVD da salotto: sta per fare la fine del videoregistratore VHS.
L'iPod: ormai la musica si ascolta con lo smartphone.
Il Blackberry: ha pochissime app, ormai ha fatto il suo tempo.
Angry Birds: ormai la moda è passata.
Un telefonino che non sia smartphone: esistono ancora?
L'auricolare Bluetooth: è bruttissimo a vedersi.
Lo smartwatch, per lo meno quelli di prima generazione: brutti e limitati.
Il Nintendo Wii: non può competere con l'Xbox One e la PS4.

Mostra i risultati (1818 voti)
Leggi i commenti (8)

2. Lanciare promozioni totalmente mobile per incentivare l'acquisto tramite smartphone. Le feste rappresentano una buona occasione per offrire premi fedeltà a chi risponde via mobile e proporre qualcosa di esclusivo al momento giusto permette di far leva sull'impulso del momento. In questo senso possono essere inviate anteprime riservate sui prodotti o messaggi altamente interattivi a tema natalizio. Una notifica push valida per un periodo di tempo limitato con una chiara call to action costituisce infatti un'azione strategica per incrementare il tasso di conversione.

3. Fare in modo che gli utenti si sentano amati e apprezzati. Le festività sono l'occasione giusta per ringraziare i clienti. E' sicuramente il momento di inviare una notifica per dire quanto l'azienda apprezzi la loro fedeltà e per augurare buone feste. Un atto di gentilezza e riconoscimento che non costa nulla ma fa sentire gli utenti apprezzati e accresce la fiducia nei confronti del brand.

Dopo le feste

1. Mantenente i clienti. Quando le persone tornano alla loro vita quotidiana dopo la frenesia del Natale, l'uso dell'app tende a diminuire. Lanciare promozioni e offerte speciali e pianificare l'invio di notifiche push durante il mese di gennaio per promuovere l'uso dell'app e reingaggiare i clienti, non deve rientrare tra i propositi dell'anno nuovo, ma far parte di una strategia pianificata per tempo tesa a mantenere alta l'attenzione dei consumatori.

2. Fare spazio a nuovi prodotti. Il periodo post natalizio è il momento giusto per spingere lo stock invenduto. L'ideale sarebbe inviare notifiche push personalizzate proponendo gli articoli rimasti nella wishlist dei consumatori e le relative offerte.

3. Corteggiare i clienti. Lanciare una campagna significa coltivare i propri clienti accompagnandoli lungo l'intero processo di relazione con il brand che non si esaurisce nel momento dell'acquisto o delle offerte. Per questo motivo è utile pianificare le notifiche push di conseguenza e tenere a mente su cosa i clienti saranno focalizzati quando ancora le festività sono agli sgoccioli. Cosa desiderano o di cosa hanno bisogno? L'obiettivo principale è inserire il brand value nel tema "nuovo anno": in che modo i clienti possono essere aiutati a realizzare i propositi per l'anno nuovo?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Quoto!
8-12-2018 15:22

Se dovesse arrivare a me una notifica di questo genere la mia reazione è esattamente l'opposto di quanto scritto nell'articolo: depennato a vita quel brand dalla "vendor list" e app disinstallata all'istante...
6-12-2018 23:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1810 voti)
Luglio 2019
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics