Meltdown e Spectre, arrivano le patch: ecco quanto rallenterà il Pc

Intel conferma il degrado delle prestazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-01-2018]

spectre cpu falla degrado prestazioni

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Falla critica nei processori Intel, la patch rallenterà tutti i Pc

Ora che le patch prodotte per correggere le ormai famose vulnerabilità scoperte nei processori, Meltdown e Spectre, sono in distribuzione, gli utenti non sono più tanto preoccupati per la sicurezza dei propri Pc, quanto piuttosto per la loro velocità.

Sin dall'inizio della vicenda è stato infatti affermata chiaramente la possibilità che, una volta corretti i problemi, le macchine avrebbero potuto subire un certo calo di prestazioni.

Microsoft ha confermato sul blog aziendale dedicato alla sicurezza che i computer subiranno un rallentamento, e che saranno i più vecchi quelli che mostreranno le conseguenze più evidenti.

Nel post, il gigante di Redmond si tiene però sul vago e non dà indicazioni concrete su ciò che possono aspettarsi gli utenti, cosa che invece Intel - l'azienda più colpita dai bug - ha preferito fare, forse per cautelarsi nei confronti di eventuali proteste da parte dei propri utenti.

Il colosso dei chip ha reso pubblica una tabella in cui vengono descritte abbastanza nel dettaglio le conseguenze delle patch sulle Cpu della serie Core di sesta, settima e ottava generazione (ossia le più recenti).

Sondaggio
Quale tra questi due candidati assumeresti?
Il primo ha più esperienza e competenze specifiche.
Il secondo è particolarmente brillante e ha un grande potenziale.

Mostra i risultati (921 voti)
Leggi i commenti (2)

I processori Core di ottava generazione (core Coffee Lake, Kaby Lake) saranno quelli che subiranno un impatto minore, specialmente se lavorano insieme a un'unità SSD anziché a un normale hard disk: in questo caso il decadimento nelle prestazioni complessive sarà del 4-6% per le tipiche operazioni da ufficio, per i programmi di analisi finanziaria e analisi dei dati e per la creazione di contenuti multimediali.

Tuttavia, Intel ammette anche che se si tiene conto della reattività del sistema (la velocità con cui si riesce a lanciare un'applicazione, copiare file, installare programmi, passare da un software all'altro e via di seguito) allora il degrado può arrivare fino al 12-14%. I giochi, invece, praticamente non sono interessati dal problema.

I processori Intel di settima generazione (Kaby Lake-H) subiranno conseguenze simili a quelle dei loro fratelli più giovani, compreso il decadimento nella reattività.

I Core di sesta generazione Skylake-S saranno più colpiti: la perdita di prestazioni può arrivare al 10% e la reattività, in ambiente Windows 10, addirittura al 21%. È molto probabile che gli utenti se ne accorgeranno.

Per quanto riguarda i processori più vecchi, Intel non ha rilasciato stime ma, basandosi anche su quanto sostiene Microsoft, è facile prevedere che l'impatto sarà ancora più pesante.

Per evitare che gli effetti delle patch siano fin troppo spiacevoli, sia Intel che Microsoft stanno lavorando insieme ai vari produttori di hardware per riuscire a mitigare il decadimento delle prestazioni, che comunque a quanto pare non si può evitare completamente.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Ancora su Spectre: iOS e macOS vanno aggiornati di nuovo

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La patch per Spectre che dimezza le prestazioni di Linux
Otto nuove falle come Spectre nei processori Intel. E la patch ancora non c'è

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 81)

7 e 8.1 sono correntemente ancora supportati
12-3-2018 10:23

{Paolo Del Bene}
Ho appena trovato questa notizia: "INTEL AMD GOOGLE RESPOND GOVERNMENT MELTDOWN SPECTRE link
25-2-2018 10:07

{Paolo Del Bene}
Stavo leggendo link[/url] quando ho trovato questa notizia di un amico: The Intel Management Engine: an attack on computer users' freedom [url=http://forum.zeusnews.com/link/525020]link Saluti
24-2-2018 05:49

Cioè quando progettano i chip/firmware/driver/patch/etc. prevedono quanti riavvii dovrà fare il sistema? :o Leggi tutto
24-1-2018 13:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il flop di Windows 8 sembra replicare tristemente quello di Vista e c'è chi comincia a sostenere che Microsoft sia ormai sulla via del declino, dopo aver mancato clamorosamente il successo anche nei telefonini, nei tablet e nei dispositivi embedded.
Windows 8 è perfettamente stabile, facile da usare e non richiede hardware particolare: non è affatto un flop e Microsoft non è in declino.
La qualità del software Microsoft è in calo da anni: mancano soprattutto in visione e in integrazione. Stanno spingendo su troppi fronti, perdendo di vista la qualità complessiva.
Ognuno deve fare bene il proprio mestiere e basta. Microsoft si concentri su Windows, lasciando perdere Zune e tutto il resto; Google insista sui motori di ricerca, non sui social network, la mail o gli occhialini.

Mostra i risultati (6306 voti)
Luglio 2019
Auto elettriche, arriva l'obbligo che facciano rumore
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
Tutti gli Arretrati


web metrics