Amd se la ride per il bug nei processori Intel

Falla critica nei processori Intel, la patch rallenterà tutti i Pc



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-01-2018]

bug cpu intel2

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Falla critica nei processori Intel, la patch rallenterà tutti i Pc

Se Intel deve affrontare un bug davvero serio, e una soluzione software che azzoppa i suoi processori, chi invece ride è Amd le cui Cpu non presentano la falla presente nei prodotti della concorrenza: in un messaggio inviato alla mailing list del kernel Linux, Tom Lendacky di Amd ha tenuto a precisare proprio questo.

«I processori Amd non sono soggetti a questo tipo di attacchi, la protezione contro i quali è fornita dalla funzione di isolamento della tabella delle pagine del kernel (Kpti). La microarchitettura Amd non consente di utilizzare riferimenti alla memoria, e nemmeno riferimenti speculativi, che possano fornire accesso a dati con privilegi elevati mentre si esegue un processo in una modalità a privilegi ridotti, se quell'accesso può dare come risultato un page fault».

L'intervento di Lendacky fornisce un elemento interessante: fa infatti riferimento agli accessi «speculativi», ossia quelli che derivano dall'attività di predizione del processore.

La Cpu fa infatti costantemente del proprio meglio per indovinare quale sarà il codice che andrà eseguito successivamente, così da velocizzare i tempi di caricamento ed esecuzione del codice stesso.

Dalle parole di Lendacky sembra di poter dedurre che almeno parte del problema risieda in questa attività, eseguita forse senza i dovuti controlli di sicurezza nei processori Intel. La mancanza di questi controlli permetterebbe di portare il processore a caricare del codice che normalmente verrebbe bloccato, come per esempio leggere i dati del kernel da un processo che gira in user mode, e addirittura eseguirlo prima che vengano eseguiti i controlli sui privilegi del processo chiamante.

Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (813 voti)
Leggi i commenti (14)

Peraltro, la scoperta del bug non deve essere recentissima: come fa notare l'autore del blog Python Sweetness, è da qualche tempo (dalla fine di ottobre) che nella comunità Linux è in corso un'attività febbrile di sviluppo per integrare nel kernel le patch che attivano l'isolamento della tabella delle pagine del kernel.

Una medesima attività è stata notata all'interno del gruppo di sviluppo del kernel NT, ossia il cuore di Windows (anche Windows 10), per lo meno a partire da novembre.

Sempre Python Sweetness ricorda come a essere interessati dalla falla, dalla patch e dagli "effetti collaterali" di questa non saranno soltanto i normali Pc, ma anche i grandi servizi di virtualizzazione, come Amazon EC2 e Google Compute Engine. Nemmeno Windows Azure ne sarà esente, come lascia pensare la manutenzione programmata fissata per il prossimo 10 gennaio.

In ogni caso, dato che il bug dei processori Intel è dovuto a un problema hardware, la sua soluzione definitiva arriverà soltanto con una prossima generazione di Cpu: a quel punto la patch software, che causa i rallentamenti dei Pc, non sarà più necessaria.

E tuttavia la presenza di un amplissimo parco macchine dotati di processori anche recentissimi ma buggati, che svolgono perfettamente il proprio lavoro a parte il calo di prestazioni (che oltretutto varia da situazione a situazione), creerà uno scenario molto complicato con cui dovremo convivere negli anni a venire.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Falla nei processori, colpiti anche gli smartphone (e i Pc con Amd)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I rivali Intel e AMD si alleano per un nuovo chip
Windows 10 su Arm? Intel non ci sta
AMD svela le CPU Ryzen 5
Hai un processore nuovo? Non potrai aggiornare Windows
AMD sfida Intel con le CPU Ryzen

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 76)


Cioè quando progettano i chip/firmware/driver/patch/etc. prevedono quanti riavvii dovrà fare il sistema? :o Leggi tutto
24-1-2018 13:44

Un avviso per tutta l'utenza Microsoft, prima che disabilitino gli aggiornamenti fino alla fine dei tempi, queste patch riguardano il microcodice, che Windows update non scarica in automatico. Queste patch si scaricano dal sito di Intel, o dei produttori hardware (Asus, HP, ecc), sono aggiornamenti del bios. Linus Torvald si è incazzato... Leggi tutto
24-1-2018 11:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'auto che si guida da sola... (completa la frase)
ci permetterà di sfruttare il tempo perso guidando, magari in coda.
ci toglierà l'ultimo brandello di privacy.
ci farà viaggiare più sicuri.
ci esporrà a nuovi pericoli, dovuti ai bug o agli attacchi degli hacker.
ci consentirà di ridurre l'inquinamento.
ci priverà dell'autonomia.
sarà accettabile solo se ci permetterà sempre di scegliere la guida manuale.
sarà sicura solo se non permetterà mai la guida manuale.

Mostra i risultati (5335 voti)
Febbraio 2018
Samsung Galaxy S9, le prime foto e tutte le indiscrezioni
Google elimina il pulsante Vedi Immagine per compiacere i signori del copyright
Fbi, Cia e Nsa: Non usate gli smartphone di Huawei e Zte
È arrivato LibreOffice 6.0 (ora 6.0.1)
Alla ricerca dei futuri signori dell'acqua
Telemarketing e registro delle opposizioni, le novità in arrivo
Schede video, le criptovalute fanno schizzare il prezzo alle stelle
Tim, lo scorporo della rete è imminente ma minaccia la trattativa per gli esuberi
Per il ''dilemma'' delle password esiste una terza opzione
La lavatrice che fa il bucato in cinque minuti netti, senza elettricità
Office 2019 sarà l'ultima versione e non funzionerà su Windows 7 e 8.1
Sorveglianza approfondita e non consensuale
L'app per il fitness svela le basi militari segrete in tutto il mondo
Gennaio 2018
Meno del 10% degli utenti Gmail usa l'antifurto gratuito offerto da Google
Windows 10 diventa Polaris: modulare e leggerissimo, ma non retro compatibile
Tutti gli Arretrati


web metrics