Meltdown e Spectre: perché non sottovalutarli e come proteggersi



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-01-2018]

meltdown e spectre

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Falla critica nei processori Intel, la patch rallenterà tutti i Pc

Il nuovo anno si è aperto con la notizia della scoperta (avvenuta in realtà nel 2017) di due vulnerabilità informatiche molto pericolose, Meltdown e Spectre, che riguardano i processori di personal computer, telefoni, tablet e oggetti connessi.

I ricercatori Axitea sottolineano come questo aspetto renda le falle particolarmente critiche, perché non riguardano un'applicazione specifica ma un elemento fondante di ogni sistema di elaborazione, e per questo possono mettere a rischio una serie pressoché infinita di attività e operazioni.

Di cosa si tratta?

Si tratta di una prima vulnerabilità, chiamata Meltdown (collasso/avaria), presente nei processori Intel e di una seconda vulnerabilità Spectre, presente in tutti i processori Intel, Amd e Arm che risulterebbe avere due varianti.

I due bug riguarderebbero il noto processo chiamato "esecuzione speculativa", che quasi tutti i processori utilizzano per rendere ottimali le prestazioni.

Sondaggio
Quanto spam ricevi in media ogni giorno?
Uno o due messaggi
Meno di dieci messaggi
Tra i dieci e i venti messaggi
Tra i venti e i cinquanta messaggi
Tra i cinquanta e i cento messaggi
Tra i cento e i cinquecento messaggi
Oltre cinquecento messaggi

Mostra i risultati (3442 voti)
Leggi i commenti (13)

L'"esecuzione speculativa" effettua calcoli e operazioni prima ancora che siano necessarie, le falle risiederebbero proprio nella gestione di questo processo che non risulterebbe protetto durante le operazioni e che potrebbe consentire l'esecuzione di un software malevolo in grado di estrarre ogni genere di dato e informazione.

Gli utenti coinvolti e i rischi

Le potenziali vittime di questi bug sono gli utenti che utilizzano smartphone, Pc, infrastrutture cloud, ma anche tutti gli oggetti connessi: automobili, elettrodomestici, ecc.

Meltdown e Spectre sono considerate vulnerabilità estremamente pericolose perché potrebbero essere utilizzate da malintenzionati per violare macchine e device contenenti dati sensibili - password, dati bancari, informazioni codificate e classificate - per appropriarsene accedendo alla memoria di sistema.

Per gli utilizzatori Intel, è stato diffuso un elenco contenente i processori interessati dalle vulnerabilità Meltdown e Spectre:

Intel Core i3 (45nm e 32nm)
Intel Core i5 (45nm e 32nm)
Intel Core i7 (45nm e 32nm)
Intel Core M (45nm e 32nm)
2°/3°/4°/5°/6°/7°/8° generazione Intel Core
Intel Core X per la piattaforma Intel X99 / Intel X299
Intel Xeon 3400/3600/5500/5600/6500/7500
Intel Xeon E3/E3 v2/E3 v3/E3 v4/E3 v5/E3 v6
Intel Xeon E5/E5 v2/E5 v3/E5 v4
Intel Xeon E7/E7 v2/E7 v3/E7 v4
Intel Xeon Processor Scalable Family
Intel Xeon Phi 3200, 5200, 7200
Intel Atom C/E/A
Intel Atom x3
Intel Atom Z
Intel Celeron J/N
Intel Pentium J/N

Come proteggersi?

Le regole per proteggersi adeguatamente sono le stesse di sempre, ovvero mantenere aggiornato sia il browser che i sistemi operativi, ma anche installare le patch dei produttori non appena rese disponibili.

Esiste però una forma di protezione preventiva e completa per queste tipologie di minacce: dei servizi di sicurezza informatica gestita che - grazie ai Security Operation Center, attivi H24, 365 giorni l'anno - forniscono una protezione globale dai rischi informatici e permettono inoltre di allertare immediatamente l'utente qualora vengano rilevate anomalie, bug e minacce.

In questo modo, non solo Meltdown e Spectre non fanno più paura, ma è possibile prevenire ogni tipo di minaccia avanzata, contando su competenze specializzate e tecnologie allo stato dell'arte.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Intel: ''Non installate le patch per Meltdown e Spectre''

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 81)

7 e 8.1 sono correntemente ancora supportati
12-3-2018 10:23

{Paolo Del Bene}
Ho appena trovato questa notizia: "INTEL AMD GOOGLE RESPOND GOVERNMENT MELTDOWN SPECTRE link
25-2-2018 10:07

{Paolo Del Bene}
Stavo leggendo link[/url] quando ho trovato questa notizia di un amico: The Intel Management Engine: an attack on computer users' freedom [url=http://forum.zeusnews.com/link/525020]link Saluti
24-2-2018 05:49

Cioè quando progettano i chip/firmware/driver/patch/etc. prevedono quanti riavvii dovrà fare il sistema? :o Leggi tutto
24-1-2018 13:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai inserito username e password della tua webmail. Il browser ti chiede se desideri salvare le credenziali di accesso per il futuro. Cosa fai?
Uso questa opzione perché è comoda, così non devo inserire ogni volta username e password
Clicco su No e disattivo l'opzione “Resta collegato”
Non accedo alla mail attraverso siti di webmail ma solo attraverso applicazioni installate sul dispositivo

Mostra i risultati (1592 voti)
Luglio 2019
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Tutti gli Arretrati


web metrics