Come usare Facebook senza commettere reati o incorrere in rischi legali

Diritto di Facebook, viaggio nella giurisprudenza italiana.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-02-2018]

diritto di facebook

Per moltissimi di noi, Facebook è un mondo digitale tanto importante quanto quello reale, se non di più. Spesso, addirittura, tra i due non c'è più differenza. È urgente quindi sapere come muoversi all'interno di questo mondo e come scrivere per non incorrere in certe sanzioni penali, per non commettere reati senza volerlo e non avere delle conseguenze sgradite sul lavoro. O, almeno, assumere ugualmente certi comportamenti ma sapendo che ci sono dei rischi. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1171 voti)
Leggi i commenti (5)
A questo può servire Diritto di Facebook - Viaggio nella giurisprudenza italiana per scoprire come i nostri giudici affrontano le problematiche legate al popolarissimo network, edito per i tipi di Key Editore (12 euro la versione cartacea, 6,99 l'eBook): si tratta di un prontuario per avvocati che però è chiaro e semplice, adatto anche per il grande pubblico che può così soddisfare le proprie curiosità.

Gli autori sono gli avvocati Monica Bombelli, Massimo Giordano e Riccardo Lanzo: trattano tutti gli argomenti più importanti, dal reato di diffamazione tramite Facebook alla violazione del diritto d'autore per arrivare fino ai casi legati alla pedopornografia - come per esempio l'adescamento di una adolescente tramite un falso profilo e la chat del social network al fine di produrre materiale porno - e al cyberbullismo, una materia da poco regolata per legge.

Dal libro apprendiamo informazioni interessanti, come il fatto che ci sono stati giudici che hanno considerato una relazione del tutto virtuale condotta su Facebook, senza incontri di persona, come una violazione dei doveri di fedeltà e dedizione connessi al matrimonio, in una causa di divorzio.

Scopriamo poi che è stato considerato lecito il comportamento di un datore di lavoro il quale ha creato un profilo fake per scoprire che un suo dipendente stava su Facebook invece di lavorare, e che è stata considerata giusta causa per un licenziamento l'essersi fatto fotografare con un proprio congiunto con in mano una pistola, oppure aver pubblicato fotografie con commenti ingiuriosi rivolti alla propria azienda, anche se si era appena vinta una causa contro la stessa azienda.

Una pubblicazione utile che si spera sia sempre aggiornata per una giurisprudenza in continua evoluzione.

copertina

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Licenziato per aver detto la verità
Politico svizzero bandito da Facebook
Il giudice condanna il deputato a pubblicare la sentenza su Facebook
Tar Liguria: amicizia su Facebook non è raccomandazione
Nuda su Facebook, col timbro del Tribunale
Pubblica su Facebook le foto del marito, lui la denuncia
Insultano professore su Facebook, denunciate due alunne
Facebook, l'insulto non è diffamazione
Critica l'ex capo su Facebook, condannata per diffamazione
Ruba targhetta dall'ufficio del giudice e posta foto su Facebook
Il sindaco mette i fannulloni alla gogna su Facebook
La Polizia spia gli utenti di Facebook? Solo se lo dice il giudice
Cassazione: ai domiciliari niente Facebook
Solo Facebook può usare "faccia" e "libro"

Commenti all'articolo (1)

Non iscriversi a FB potrebbe giÓ essere un buon inizio per evitare guai e per evitare anche dipendenza da social... :wink:
10-2-2018 18:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1154 voti)
Febbraio 2018
Samsung Galaxy S9, le prime foto e tutte le indiscrezioni
Google elimina il pulsante Vedi Immagine per compiacere i signori del copyright
Fbi, Cia e Nsa: Non usate gli smartphone di Huawei e Zte
È arrivato LibreOffice 6.0 (ora 6.0.1)
Alla ricerca dei futuri signori dell'acqua
Telemarketing e registro delle opposizioni, le novità in arrivo
Schede video, le criptovalute fanno schizzare il prezzo alle stelle
Tim, lo scorporo della rete è imminente ma minaccia la trattativa per gli esuberi
Per il ''dilemma'' delle password esiste una terza opzione
La lavatrice che fa il bucato in cinque minuti netti, senza elettricità
Office 2019 sarà l'ultima versione e non funzionerà su Windows 7 e 8.1
Sorveglianza approfondita e non consensuale
L'app per il fitness svela le basi militari segrete in tutto il mondo
Gennaio 2018
Meno del 10% degli utenti Gmail usa l'antifurto gratuito offerto da Google
Windows 10 diventa Polaris: modulare e leggerissimo, ma non retro compatibile
Tutti gli Arretrati


web metrics