Tim nel caos per il braccio di ferro tra Vivendi e Elliott

Se tre amministratori delegati in quattro anni vi sembran pochi...



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-03-2018]

tim vivendi elliott

Non c'è stata e non c'è ancora pace per Tim.

Se da un lato Vivendi sembra ormai tenere ben saldo il controllo del gestore telefonico con la nomina di Amos Genish ad amministratore delegato, dall'altro all'orizzonte è apparso il fondo di investimento Eliott, il cui obiettivo è proprio spodestare Vivendi e cambiare la composizione del consiglio di amministrazione nella prossima assemblea degli azionisti. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual Ŕ l'espressione pi¨ ricorrente nella tua azienda, tra queste?
Ampia gamma
CapacitÓ comunicative
Creativo
Dinamico
Efficace
Esperienza collaudata
Innovativo
Manageriale
Motivato
Multinazionale
Problem solving
Specializzato
Vasta esperienza

Mostra i risultati (1810 voti)
Leggi i commenti (15)
Vivendi ed Eliott hanno strategie opposte: Genish ha già annunciato di voler scorporare la Open Access, ossia la divisione che si occupa di gestire le reti fissa e mobile, che resterebbe però sotto il controllo di Tim; Elliot vorrebbe invece quotare in Borsa la nuova società e fare lo stesso anche per Tim Sparkle, la preziosa rete internazionale in fibra ottica di Telecom Italia.

Questo piano industriale, alternativo a quello di Vivendi, avrebbe l'appoggio di Mediaset, che oggi è presente in Tim con una quota intorno al 5%.

Qualora Genish dovesse cedere il posto, magari convinto anch'egli da una superliquidazione milionaria, Tim si troverebbe ad aver cambiato la bellezza di tre amministratori delegati in appena quattro anni.

In caso di cambio del fantino non si sa però che cosa succederebbe al superpiano di riduzione del personale, a base di pensionamenti anticipati a carico di Tim, nonché di dimissioni incentivate e solidarietà espansiva con assunzione di giovani. Il piano ha incontrato finora una certa resistenza da parte dei sindacati ma è ancora oggetto di trattativa.

Né bisogna ignorare il fatto che la discussione sull'assetto della nuova Tim avviene in un momento di totale distrazione della politica, che si trova in uno stato di stallo dopo i risultati delle elezioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Agcom a Vivendi: 12 mesi per scegliere o Tim o Mediaset
La terza vita di Bernabè in Tim, riabilitato da Vivendi
Domande sull'italianità di Tim e Mediaset
Tim stretta fra Vivendi e l'ammutinamento dei dipendenti

Commenti all'articolo (3)

Considerato che la situazione attuale di Tim Ŕ proprio figlia dei vari coinvolgimenti della politica fin dall'inizio della storia della sua privatizzazione mi viene quasi da dire che, se la politica non interviene, peggio di quello che ha fatto fino ad oggi non possa proprio fare... :roll: Leggi tutto
17-3-2018 18:40

@Paolo Del Bene Non so per quale motivo mi citi, ed Ŕ meglio che neanche lo sappia...quando mai ti ho crocefisso io? Che spesso approvo i tuoi messaggi sempre uguali, di qualsiasi cosa si parli? Al massimo posso averti fatto notare che inserisci pi¨ post uguali, o che scrivi in maiuscolo. Per il 'drogato', l'ho capito dopo che non hai... Leggi tutto
16-3-2018 09:55

{Paolo Del Bene}
Errore anche per Zeusnews: "Tim nel caos per il braccio di ferro tra fra..." se l'altra volta sono stato crocefisso da Maary79, per non essermi accorto che non avevo digitato sullo schermo un pezzetto, ora voglio vedere cosa avrà da dire di zeusnews, dato che mi diede del "drogato"! Qualora non avesse... Leggi tutto
14-3-2018 00:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La nuova Xbox One presenta molti punti controversi: impossibilitÓ di prestare giochi agli amici, connessione Internet obbligatoria per giocare, uso del Kinect invece che del telecomando. Secondo te sarÓ un successo o un flop?
AvrÓ pi¨ successo della Xbox 360.
SarÓ un flop colossale.
VenderÓ molto ma non riuscirÓ a bissare il successo dell'edizione 360.

Mostra i risultati (814 voti)
Marzo 2023
iPhone 15, addio alle SIM anche in Italia?
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 marzo


web metrics